"GIUSEPPI" SALVATO DAL CORONAVIRUS - IL DIFFONDERSI DELL'EPIDEMIA DI FATTO CONGELA L'ATTIVITÀ POLITICA. CHI AVRÀ DEI VANTAGGI? IL PRIMO È CONTE: CON L'EMERGENZA IN CUI È PIOMBATA L'ITALIA NESSUNO POTRÀ PIÙ METTERE IN DISCUSSIONE IL GOVERNO. IL SECONDO È RENZI CHE SI ERA INFILATO IN UN CUL DE SAC CON LA SUA IDEA DI SFIDUCIARE IL GOVERNO E ORA PUO' RIFLETTERE SULLA CAZZATA CHE STAVA PER FARE...

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

RENZI CONTE RENZI CONTE

Il diffondersi dell'epidemia del Corona virus di fatto congela l'attività politica. È una situazione drammatica, ma anche in questa vicenda paradossalmente c'è chi se ne avvantaggerà e chi invece subirà uno stop. Iniziamo da chi avrà dei vantaggi. Il primo è Conte. Se davvero Renzi voleva fargli le scarpe, ora, con l'emergenza in cui è piombata l'Italia nessuno potrà più mettere in discussione il governo.

 

Ci guadagna anche Renzi, che era precipitato un un cul de sac con la sua idea di sfiduciare il Governo: fra i suoi in pochi l'avrebbero seguito, e poi - comunque- erano pronti i responsabili. Ora, invece il senatore di Rignano può fare marcia indietro senza perdere completamente la faccia appellandosi, proprio lui, alla responsabilità nazionale. Ci perde anche Matteo Salvini. A parte che l'epidemia è scoppiata in due regioni governata dalla Lega (Veneto e Lombardia), in tempo di emergenza nazionale i toni estremisti del capo della Lega non vanno bene affatto.

 

MATTEO RENZI GIUSEPPE CONTE MATTEO RENZI GIUSEPPE CONTE

E quindi come ai tempi del Papete, Salvini si troverà fuori gioco. Più furba, invece, Giorgia Meloni. Per differenziaziarsi dal suo alleato/nemico della Lega ha scelto tono più rassicuranti e istituzionali: scommettiamo che a fine crisi si sarà mangiato ancora un po' di consensi del Carroccio?

 

A proposito di consensi, però, anche Giuseppe Conte deve fare molta attenzione: i principali sondaggisti sono concordi nel dire che se entro i prossimi 15 giorni la situazione del paese non dovesse sensibilmente migliorare potrebbe esserne lui a farne le spese in termini di gradimento degli italiani (attualmente è tra i politici preferiti) che, viceversa, potrebbero chiedere aiuto e protezione dal virus all'"uomo forte" che peraltro esiste già ed ha nome e cognome: Matteo Salvini. Insomma, se il problema del coronavirus in Italia non verrà risolto presto e bene, tutto ciò potrebbe spostare inesorabilmente l'asse della politica italiana a destra.

conte renzi conte renzi

 

Condividi questo articolo

politica

SCONTRO TRA CONTE E IL COMITATO SCIENTIFICO CHE LO AFFIANCA A PALAZZO CHIGI. “NON POSSO FARE QUELLO CHE VOI DITE, L’ECONOMIA DEVE RIPARTIRE O IL PAESE RISCHIA IL FALLIMENTO”. ANCORA: “NON POSSIAMO OBBLIGARE TROPPO A LUNGO LA GENTE IN CASA. CI SONO PROBLEMI PSICOLOGICI DI CUI BISOGNA TENER CONTO. NON SIAMO IN CINA. QUELLO È UN REGIME. UN ALTRO MODO DI PENSARE. IN BASE AL DECLINO DELL’EMERGENZA SANITARIA, DAL 18 APRILE CI SARÀ UNA RIPRESA GRADUALE” - DAL PD, PERÒ, ARRIVANO ALCUNE CRITICHE. MA SULLA COMUNICAZIONE

“CHIEDO UN AMMORBIDIMENTO DELLE REGOLE DI BILANCIO, ALTRIMENTI DOBBIAMO FARE SENZA L’EUROPA E OGNUNO FA PER SÉ” – CONTE BATTE UN COLPO E FA IL DURO IN UN’INTERVISTA ALLA “BILD”: “LA GERMANIA NON HA ALCUN VANTAGGIO SE L’EUROPA SCENDE IN RECESSIONE. NON CHIEDIAMO DI PAGARE I NOSTRI DEBITI, SE NON USIAMO GLI EUROBOND L'UE PERDERÀ COMPETITIVITÀ” – “NON DOBBIAMO ALLA FINE STARCENE LÌ CON LE MANI INCROCIATE: OPERAZIONE RIUSCITA, MA IL PAZIENTE EUROPA È MORTO” – VIDEO