"LE REGOLE DI BILANCIO DELL'UE DEVONO ESSERE RIFORMATE SE VOGLIAMO GARANTIRE LA RIPRESA" - L'ARTICOLO A FIRMA DRAGHI-MACRON SUL "FINANCIAL TIMES" INDICA LA STRADA ALL'EUROPA: "LA RIFORMA DELLA GOVERNANCE DOMINERÀ IL SEMESTRE FRANCESE DI PRESIDENZA UE. LE REGOLE ATTUALI SONO OSCURE E TROPPO COMPLESSE. SERVE PIÙ SPAZIO DI MANOVRA PER FARE GLI INVESTIMENTI NECESSARI A SOSTENERE LA CRESCITA" - IL TESTO DI DRAGHI E MACRON È STATO CONDIVISO CON ALTRI LEADER EUROPEI, A PARTIRE DAL CANCELLIERE TEDESCO SCHOLZ…

-

Condividi questo articolo


emmanuel macron mario draghi trattato del quirinale 3 emmanuel macron mario draghi trattato del quirinale 3

DRAGHI-MACRON SUL FT, RIFORMARE LE REGOLE DI BILANCIO UE

(ANSA) - Un articolo a doppia firma Draghi-Macron è appena stato pubblicato sul sito del Financial Times titolato 'Le regole di bilancio dell'Ue devono essere riformate se vogliamo garantire la ripresa'. "Dobbiamo abbassare i livelli del debito, ma non attraverso tagli alla spesa insostenibili o tasse più alte", si legge tra l'altro nel testo.

 

DRAGHI-MACRON, SERVE PIÙ SPAZIO MANOVRA PER INVESTIMENTI

(ANSA) - Serve "più spazio di manovra" per fare gli investimenti necessari a sostenere la crescita e garantire il welfare delle nuove generazioni e le regole del Patto di stabilità "non devono impedirci di farlo". Questa, in sintesi, la posizione espressa nell'editoriale firmato da Draghi e Macron sul Financial Times online.

 

emmanuel macron mario draghi trattato del quirinale 1 emmanuel macron mario draghi trattato del quirinale 1

DRAGHI-MACRON, RECOVERY UN SUCCESSO, MODELLO PER IL FUTURO

(ANSA) - "Il programma Next Generation EU è stato un successo, nella sua valutazione della qualità della spesa pubblica e nella sua modalità di finanziamento. In quanto tale, offre un utile modello per il futuro. Nuove proposte meriteranno una discussione approfondita, non offuscata dall'ideologia, con l'obiettivo di servire al meglio gli interessi dell'Ue nel suo insieme. La prossima presidenza francese del Consiglio Ue avrà l'obiettivo di sviluppare una strategia globale condivisa per il futuro dell'Unione. L'Ue deve riaccendere lo spirito che ha guidato l'azione intrapresa all'inizio della pandemia". Lo scrivono Draghi e Macron sul Ft.

emmanuel macron mario draghi trattato del quirinale 5 emmanuel macron mario draghi trattato del quirinale 5

 

DRAGHI-MACRON, REGOLE ATTUALI UE OSCURE E TROPPO COMPLESSE

(ANSA) - Già prima della pandemia le regole fiscali europee "avevano bisogno di essere riformate. Sono oscure e troppo complesse. Abbiamo bisogno" di un quadro normativo "credibile, trasparente e capace di contribuire all'ambizione di costruire un'Europa più forte, sostenibile ed giusta". E' quanto osservano Draghi e Macron nell'articolo a doppia firma sul Financial Times. "Non c'è dubbio sulla necessità di ridurre il livello del nostro indebitamento - scrivono Draghi e Macron - ma non possiamo pensare farlo attraverso maggiori tasse o tagli insostenibili alla spesa sociale".

 

ELISEO, SUL TESTO DRAGHI-MACRON CONSULTATO ANCHE SCHOLZ

sergio mattarella emmanuel macron mario draghi 2 sergio mattarella emmanuel macron mario draghi 2

(ANSA) - "Draghi e Macron non hanno lavorato di nascosto alla Tribuna pubblicata oggi sul Financial Times, hanno consultato diversi leader, in particolare il cancelliere tedesco Olaf Scholz": lo hanno sottolineato fonti dell'Eliseo a proposito "dell'iniziativa italo-francese di dare una nuova prospettiva alla governance Ue". "Si è trattato soltanto di lanciare un dibattito - hanno precisato le fonti - al quale contribuiranno nelle prossime settimane di presidenza francese dell'Unione europea altri Stati membri. Il testo di Draghi e Macron è stato condiviso con altri leader Ue ma a nessun altro è stato proposto di aggiungere la sua firma".

 

sergio mattarella emmanuel macron mario draghi sergio mattarella emmanuel macron mario draghi

ELISEO, RIFORMA GOVERNANCE DOMINERÀ SEMESTRE FRANCESE UE

(ANSA) - Con "l'iniziativa franco-italiana" firmata da Emmanuel Macron e Mario Draghi, si è voluto "lanciare il dibattito che dominerà la presidenza francese dell'Ue, quello di come costruire una nuova strategia economica e concepire un nuovo modello di investimenti, crescita e lavoro". E' quanto osservano fonti dell'Eliseo dopo la lettera co-firmata sul Financial Times dal presidente francese e dal premier italiano. Roma e Parigi, precisano le fonti, pensano a "due gambe" per questa strategia, una per "il proseguimento e l'accelerazione delle riforme strutturali", l'altra per impegnarsi in "uno sforzo ulteriore verso investimenti pubblici".

DRAGHI SCHOLZ DRAGHI SCHOLZ draghi scholz draghi scholz

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”