RENZI IL BULLO TROVA CHIUSO A BRUXELLES - ACCOGLIENZA GLACIALE DALL’EUROPA PER LA PROPOSTA DI TENERE IL DEFICIT AL 2,9% PER CINQUE ANNI SBATTENDOSENE DELLA RIDUZIONE DEL DEBITO. MOSCOVICI: ‘IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO PESA SULLE GENERAZIONI FUTURE E IMPEDISCE DI INVESTIRE’ - DIJSSELBLOEM E JUNCKER IN CORO, E MATTEUCCIO PROMETTE BATTAGLIA

-

Condividi questo articolo


 

Da www.repubblica.it

 

RENZI JUNCKER RENZI JUNCKER

Accoglienza tiepida se non fredda a Bruxelles per la proposta lanciata da Matteo Renzi di tenere il deficit al 2,9% per cinque anni per liberare risorse per spingere la crescita economica. "È interesse dell'Italia continuare a ridurre il deficit per ridurre il debito pubblico che pesa sulle generazioni future e impedisce di investire: ogni euro per far fronte al debito è un euro in meno alla scuola, agli ospedali, all'economia", ha detto il commissario agli affari economici Pierre Moscovici prima di entrare all'Eurogruppo.

 

Jeroen Dijsselbloem Piercarlo Padoan Jeroen Dijsselbloem Piercarlo Padoan

 "Ci serve un'Italia al centro della zona euro, che rispetta le regole che sono intelligenti e che sono applicate in maniera intelligente e flessibile nel suo caso", ha spiegto ricordando che "l'Italia è veramente il Paese che non può lamentarsi delle osservazioni della Commissione, essendo il solo Paese che ha beneficiato di tutta la flessibilità del Patto: investimenti, riforme, terremoti".

 

Netta chiusura anche da parte del presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem. "Non ho letto l'intervista, ma - ha detto riferendosi alla proposta di Renzi - sarebbe fuori dalle regole. Non è una decisione che un Paese può prendere da solo". Parole che non sono piaciute all'ex premier italiano che sostiene che Dijsselbloem ha un 'pregiudizio' nei confronti dell'Italia e comunque la proposta sul deficit al 2,9% "non l'ha letta".

 

padoan moscovici padoan moscovici

"Questa - ha detto Matteo Renzi - è una battaglia aperta che abbiamo con il presidente dell'Eurogruppo, l'olandese che disse che gli italiani spendono i soldi della flessibilità in donne e alcool. Io gli spiegai che le donne noi non le paghiamo, a differenza di alcuni di loro. Il problema centrale è che c'è un pregiudizio di alcuni dirigenti europei, come il presidente dell'Eurogruppo, che non si rende conto che di fiscal compact e austerity l'Europa muore".

 

Il segretario Pd ha chiarito, poi, che la proposta di ritorno a Maastricht "sarà sviluppata nella prossima legislatura e sarà pienamente compatibile con le regole dell'Ue, vedremo se a quel punto ci sarà ancora Dijsselbloem alla guida dell'Eurogruppo". Sempre parlando di regole e austerity, Renzi ha ammesso di aver avuto una parte di responsabilità negli scontri con la Germania: "In Italia davano tutti colpa alla Merkel. Io ci ho litigato tante volte, ma è sbagliato continuare ad attribuire le responsabilità ad altri come fanno molti politici italiani...Noi dobbiamo fare le battaglie perché la Germania rispetti le regole sul surplus commerciale, sulle banche tedesche, ma non voglio dare ad altri responsabilità di cose che sono nostre", aggiunge.

 

Poco prima era stato un portavoce del presidente della Commissione Jean Claude Juncker a spiegare che il capo dell'esecutivo Ue "ha un'ottima relazione con il primo ministro dell'italia, Paolo Gentiloni, così

renzi merkel juncker pil paesi europei 20 anni renzi merkel juncker pil paesi europei 20 anni

 

come il commissario in carica" per gli affari economici e finanziari Moscovici, "con il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan. La commissione non commenta i commenti di chi è fuori da questo circolo".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

FLASH! - STRANE COPPIELETTERA43 SI È OCCUPATA DELL’OSCURA STORIA AMBIENTATA A CATANIA NEL MONDO DELLA FILIERA DI FORNITURA DELLA RETE - INCHIESTA CHE HA PORTATO AI DOMICILIARI DOMENICO LOMBARDO, COGNATO DI SALVATORE TURRISI, NUMERO 1 DI SIELTE, SOCIETÀ CHE SI OCCUPA DI IMPIANTI TELEFONICI - SORPRESA: CHI SPUNTA, COME UN CONIGLIO DAL CILINDRO, PER DIFENDERE L’IMMAGINE DELL’AZIENDA (E DI TURRISI)? L’INARRESTABILE PIERRE E LOBBISTA FRANCESCA IMMACOLATA CHAOUQUI, CHE DA TEMPO SEGUE SIELTE…