C’E’ POSTO PER TE (E SE NON C’E’ METTETECI UNA PANCA!) – QUEST’ANNO ALLA SCALA OCCHIO ALL’ASSEMBRAMENTO! CONTRAVVENENDO AL RITUALE, PER IL “BORIS GODUNOV” DEL PROSSIMO 7 DICEMBRE, CI SARANNO SUL PALCO REALE SIA SERGIO MATTARELLA, SIA GIORGIA MELONI. A LORO SI AGGIUNGERÀ ANCHE LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, URSULA VON DER LEYEN. MA SI ACCOMODERANNO ANCHE ATTILIO FONTANA E IL MINISTRO DELLA CULTURA, GENNARO SANGIULIANO – GLI ALTRI MEMBRI DEL GOVERNO INVECE ANDRANNO IN PLATEA, DOVE, AI TEMPI DI NAPOLEONE, CI STAVA IL POPOLINO. E IL TANTO CARO AMBASCIATORE RUSSO IN ITALIA, SERGEY RAZOV?

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

sergio e laura mattarella alla scala sergio e laura mattarella alla scala

C’è posto per te. E se non c’è, metteteci una panca!. Quest’anno ci sarà un super affollamento sul palco reale del Teatro della Scala, per il “Boris Godunov” del prossimo 7 dicembre.

 

Contravvenendo al rituale, saranno infatti presenti sia il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sia il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni. Non solo: in più, ci sarà anche il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

Problema: i posti in prima fila del palco reale sono quattro e, in genere, ci stavano Mattarella e il sindaco Sala con accompagnatori (la figlia del capo dello stato, Laura, e la compagna del primo cittadino, Chiara Bazoli).

 

Quest’anno, le signore saranno costrette a sloggiare nelle retrovie del palco, se tutto va bene, perché vi si deve accomodare anche il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana e il ministro della Cultura, Genny Sangiuliano.

 

gennaro sangiuliano 5 gennaro sangiuliano 5

Gli altri membri della pattuglia di governo (ministri e sottosegretari vari e avariati) andranno invece in platea dove, ai tempi di Napoleone, ci stava il popolino… Resta incerta la presenza del tanto caro ambasciatore russo in Italia, Sergey Razov. La Scala, comunque, non gli vieterebbe l’ingresso…

ATTILIO FONTANA ATTILIO FONTANA beppe sala chiara bazoli beppe sala chiara bazoli SERGIO E LAURA MATTARELLA ALLA SCALA SERGIO E LAURA MATTARELLA ALLA SCALA sala e chiara bazoli sala e chiara bazoli videomessaggio di giorgia meloni all anci videomessaggio di giorgia meloni all anci GENNARO SANGIULIANO GENNARO SANGIULIANO sergio mattarella alla prima della scala 2 sergio mattarella alla prima della scala 2 sergio mattarella alla prima della scala 2 sergio mattarella alla prima della scala 2 GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI applausi a mattarella alla scala applausi a mattarella alla scala MATTARELLA PRIMA SCALA MATTARELLA PRIMA SCALA sergio mattarella alla prima della scala 4 sergio mattarella alla prima della scala 4 ATTILIO FONTANA ATTILIO FONTANA sergio mattarella alla prima della scala sergio mattarella alla prima della scala sergio mattarella alla prima della scala 4 sergio mattarella alla prima della scala 4 sergio mattarella alla prima della scala 3 sergio mattarella alla prima della scala 3 sergio mattarella alla prima della scala 1 sergio mattarella alla prima della scala 1 applausi della scala a mattarella3 applausi della scala a mattarella3 sergio mattarella alla prima della scala 1 sergio mattarella alla prima della scala 1 sergio mattarella alla prima della scala 3 sergio mattarella alla prima della scala 3 riccardo chailly e sergio mattarella 3 riccardo chailly e sergio mattarella 3

 

Condividi questo articolo

politica

"SE DINO GIARRUSSO VUOLE ENTRARE NEL PD PRIMA CHIEDA SCUSA A CHI HA FERITO IN PASSATO" - STEFANO BONACCINI FRENA SULL’INGRESSO DELL’EX GRILLINO NEL PARTITO DEMOCRATICO - LE EVENTUALI SCUSE DI GIARRUSSO POTREBBERO NON BASTARE PERCHÉ LA COMMISSIONE CONGRESSO DEL PD STA VALUTANDO L'AMMISSIBILITÀ DELLA RICHIESTA DI ISCRIZIONE: LO STATUTO PD VIETA IL TESSERAMENTO DI CHI È GIÀ ISCRITTO A UN ALTRO PARTITO (E L’EX IENA HA FONDATO UN MOVIMENTO POLITICO NEI MESI SCORSI CON CATENO DE LUCA) - ALESSANDRO GASSMANN SI UNISCE AL CORO DI CRITICHE E SCAPOCCIA: “NON VOTO PIU’ PER IL PD”

“PUTIN MI DISSE 'NON VOGLIO FARTI MALE, MA CON UN MISSILE CI VORREBBE SOLO UN MINUTO” – BORIS JOHNSON RACCONTA UNA TELEFONATA PIUTTOSTO TESA CON “MAD VLAD”, AVVENUTA PRIMA DELL’INVASIONE RUSSA DELL’UCRAINA, IN CUI IL PRESIDENTE RUSSO MINACCIÒ DI BOMBARDARE IL REGNO UNITO -  OVVIAMENTE, ERA UNA BATTUTA (LA RUSSIA NON BOMBARDEREBBE MAI UN PAESE NATO COSÌ, D'EMBLEE, RISCHIANDO DI FINIRE INCENERITA), MA SERVE ALL’EX PREMIER PER FAR VEDERE QUANTO È DURO LUI RISPETTO A QUELLE PAPPEMOLLI DEI SUOI SUCCESSORI... - VIDEO