IL SACRO BORDELLO - LA SANTA SEDE SCOSSA DALL’INFORMATIVA DELLA SCORTA DI UNA “ALTA CARICA ISTITUZIONALE” - DOCUMENTATO UN VIA VAI DI ECCLESIASTICI DI RANGO DALLA GARÇONNIÈRE DI UN PRESULE AL CENTRO DI ROMA - LA “LOBBY GAY” PORPORATA NEL MIRINO PRIMA DEL CONCLAVE: CHI SARA’ IL PROSSIMO A FARE LA FINE DI MARCIAL MACIEL, LO “STUPRATORE MAZZETTARO” CACCIATO VIA DA RATZINGER? - LA RELAZIONE SU VATILEKS INCOMBE…

Condividi questo articolo


Giacomo Galeazzi per La Stampa

La gravità di «Vatileaks» è sintetizzata dal «numero due» della Segreteria di Stato, Angelo Becciu: «È stato il momento più difficile, la gente era allibita e scandalizzata per la fuga di notizie che tanto dolore ha provocato al Papa, si aveva l'impressione che non avessimo più gente affidabile nei nostri uffici».

ANGELO BECCIU NUNZIO APOSTOLICO A CUBAANGELO BECCIU NUNZIO APOSTOLICO A CUBA

Ora i commissari diranno ai conclavisti quanto estesa è la corruzione. I tre porporati della commissione d'inchiesta (Herranz, Tomko, De Giorgi) riferiranno sugli scandali ai porporati elettori. Il loro Rapporto riguarda la fuga di documenti e le contrapposizioni nella Curia, non altre questioni come il caso Balducci, i peccati di prelati o i comportamenti di alcuni dignitari.

giuseppe profitigiuseppe profiti

All'inizio della prossima settimana, prima di partire per Castel Gandolfo, Benedetto XVI incontrerà i tre inquirenti e li autorizzerà ad illustrare ai porporati i contenuti della loro indagine vincolata da segreto pontificio. Mentre infuriano le nomine di fine pontificato (ieri il bertoniano Giuseppe Profiti all'Idi, presto il trasferimento del vescovo Giovanni D'Ercole dall'Aquila a Terni, sponsorizzato da Dziwisz e Sodano), il dossier «Vatileaks» pesa in conclave. Parlando del «volto deturpato» della Chiesa è stato proprio Benedetto XVI a denunciare «le colpe contro l'unità e le divisioni del corpo ecclesiale». Perciò il segreto non viene violato facendo riferimento alle parole di Ratzinger.

JULIAN HERRANZ DELL OPUS DEIJULIAN HERRANZ DELL OPUS DEI

Sui contenuti è bufera. I tre cardinali, assicurano nei Sacri Palazzi, non hanno indagato su vicende sessuali. Il tema delle divisioni e delle lotte di potere in Curia è un passaggio affrontato nel testo consegnato al Pontefice il 26 luglio e poi oggetto di confronto anche in occasione della successiva udienza del 17 dicembre.

Ora il Pontefice dimissionario suggerirà ai tre porporati di spiegare ai confratelli le conclusioni del lavoro svolto. Il documento sarà poi trasmesso al successore. Resterà custodito nell'appartamento pontificio del Palazzo Apostolico e non seguirà Joseph Ratzinger nel suo soggiorno a Castelgandolfo e nel successivo ritiro nel monastero di clausura «Mater Ecclesiae».

Quanto a episodi di malcostume e scandali sessuali che coinvolgono personalità vaticane, il fatto che non siano nel rapporto «Vatileaks» non significa che non abbiano rilevanza nella valutazione complessiva sulla situazione della Chiesa che gli elettori dovranno fare. Nelle ultime ore, per esempio, fa molto nei Sacri Palazzi un'informativa sulla garçonnière di un presule compilata dalla scorta di un'alta carica istituzionale che abita nella stessa via al centro di Roma.

IL CARDINAL SODANO ABBRACCIA PAPA RATZINGER DOPO L ANNUNCIO DELLE DIMISSIONIIL CARDINAL SODANO ABBRACCIA PAPA RATZINGER DOPO L ANNUNCIO DELLE DIMISSIONI

Vi sarebbero annotati i i nomi dei frequentatori: ecclesiastici di rango. Ma si tratta di analisi e approfondimenti che nulla hanno a che vedere con il lavoro della commissione cardinalizia. Ben prima delle dimissioni del Papa, sono stati due sacerdoti, Darius Ozko e Ariel Stefano Levi di Gualdo, a denunciare, in distinte pubblicazioni, il problema della cosidetta «lobby gay» che si sarebbe ramificata in ambienti ecclesiastici.

Secondo don Ariel (che ne scrive nel secondo capitolo del volume «E Satana si fece trino», pubblicato da Bonanno) il problema della «omosessualizzazione psicologica» della Chiesa è ancora più pericoloso del clero pedofilo. Se il problema della pedofilia, infatti, riguarda un numero esiguo di preti, l'omosessualità, almeno come tendenza, sarebbe piuttosto diffusa.

MARCIAL MACIEL - FONDATORE LEGIONARI DI CRISTOMARCIAL MACIEL - FONDATORE LEGIONARI DI CRISTO

Intanto «Vatileaks» indebolisce le quotazioni dei cardinali di Curia e rafforza l'ipotesi di un Papa che arrivi da Oltreoceano per portare a termine l'opera di pulizia avviata da Benedetto XVI ma che il venir meno in lui delle forze fisiche e «d'animo» ha frenato. Il modello è Ratzinger che mai ha accettato le buste di denaro offerte dallo stupratore Marcial Maciel ai porporati. In Vaticano il fondatore dei Legionari di Cristo era un «intoccabile» finché Benedetto XVI non lo ha buttato fuori.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...