SARÀ LA VOLTA BUONA? – IL CONSIGLIO DEI MINISTRI HA APPROVATO IL DECRETO SUL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA! IL TESTO “CONSENTE IL RIAVVIO DEL PERCORSO DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELL’OPERA”. IN PRATICA, RINASCE LA SOCIETÀ STRETTO DI MESSINA, DI CUI ERA STATO NOMINATO COMMISSARIO LIQUIDATORE VINCENZO FORTUNATO, GRANDE MENTORE DEL CAPO DI GABINETTO DEL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE, MATTEO SALVINI…

-

Condividi questo articolo


Da www.ansa.it

 

salvini ponte sullo stretto salvini ponte sullo stretto

Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto sul Ponte dello Stretto di Messina.

 

E' quanto si apprende da fonti del governo.

 

Sul decreto "il consiglio dei ministri ha dato il semaforo verde salvo intese, il testo sarà disponibile a breve perché sono necessari gli ultimi approfondimenti tecnici". Lo annuncia una nota del ministero dei Trasporti. Il testo, spiega il Mit, "consente l'immediato riavvio del percorso di progettazione e realizzazione dell'opera. Rinasce così la Società Stretto di Messina che avrà una nuova e più moderna governance. È prevista una solida partecipazione del Mef e del Mit, a conferma dell'importanza che il governo attribuisce al collegamento stabile tra Calabria e Sicilia".

roberto occhiuto matteo salvini renato schifani - ponte stretto di messina roberto occhiuto matteo salvini renato schifani - ponte stretto di messina

 

"Un risultato storico, ottenuto solo dopo cinque mesi, che darà all'Europa una piattaforma logistica naturale verso Suez e l'Africa che permetterà di collegare Palermo con Berlino". Così in una nota il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Alessandro Morelli. "Finalmente, dopo gli anni di lacune della gestione della sinistra - prosegue Morelli - grazie soprattutto al lavoro del ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini, il Governo con il decreto approvato oggi dal Consiglio dei ministri, realizzerà il ponte sullo Stretto". "Un'opera green e strategica per tutto il paese che così avrà trasporti ferroviari rapidi da Bolzano a Palermo. Un successo che metterà la Sicilia e l'Italia al centro dell'Europa", conclude Morelli.

 

In mattinata c'è stato un incontro tra il ministro, Matteo Salvini, e i presidenti di Calabria e Sicilia, Roberto Occhiuto e Renato Schifani sul dossier Ponte sullo Stretto.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”