E SE A FINIRE ROTTAMATO FOSSE IL PD? RENZI VA MALE TRA GLI ISCRITTI MA LUI SE NE FREGA E PUNTA AL PLEBISCITO NELLE PRIMARIE – LA PROFEZIA DEL MAGO D’ALEMIX: “SE VINCE, IL PD NON SI TIENE PIÙ INSIEME”

Il corpaccione Pd fatica a digerire il sindaco: tra i tesserati Cuperlo è in vantaggio (anche se i renziani contestano i dati) – Matteuccio divide, le sue carezze pubbliche alla Fornero e i suoi incontri con Monti (che sogna un ruolo da ministro) lo restituiscono alle origini da Rottamatore, avversario temutissimo dall’apparato…

Condividi questo articolo


Salvatore Merlo per "Il Foglio"

MATTEO RENZI ALLA LEOPOLDAMATTEO RENZI ALLA LEOPOLDA

Bisogna azzerare tutte le norme sul mercato del lavoro", ha detto al Messaggero, con grande scandalo nella Cgil ottobrista e nel suo stesso partito, il Pd, che adesso torna a osservarlo timoroso e diffidente, come si guarda un lanzichenecco precipitato a squassare le abitudini e la calma bizantina dell'apparato postcomunista. "Ma questo che vuole? Le sue idee fanno venire la pelle d'oca", dice Cesare Damiano, deputato del Pd, solido ex ministro del Lavoro.

Con la sua solita andatura spiccia, Matteo Renzi ha ricombinato, d'improvviso, il socialismo temperato del suo Yoram Gutgeld, l'economista che lo aveva avvicinato un po', forse per calcolo tattico, ma chissà, alla polvere laburista in un momento in cui era opportuno accarezzare per il verso giusto il pelo morbido e convenzionale del pensiero old labour.

"La riforma Fornero non era affatto sbagliata", dice adesso Renzi, tornato demolitore della tradizione socialdemocratica. E la Cgil da cui proviene Guglielmo Epifani? "I sindacati rappresentano solo i pensionati". E insomma Renzi si trova tra le dita un filo da tirare che, a saper fare, può smagliare tutto un tessuto di amicizie e interessi, identità e simboli, in cui la stessa esistenza del Pd è intramata.

MATTEO RENZI A BARIMATTEO RENZI A BARI

Eugenio Scalfari la chiama "mutazione antropologica", Massimo D'Alema, sotto i baffi, sussurra che "è la fine del partito", perché arrembante ed egotico, il sindaco di Firenze divide, separa l'apparato dai suoi elettori: rifiuta la logica consociativa e concertativa, prima decide e poi forse chiede, non ama i sindacati e nemmeno la Confindustria, ha fatto gli scout ed è cattolico, ma non ha niente del democristiano vecchio stampo, né dell'uomo sovietico, in politica non ama gli arabeschi, parla male ma parla dritto.

Usque tandem, fino a che punto il Pd sarà in grado di reggere l'avanzata per linee interne di questo straniero camusiano? Con il suo incedere zigzagante, bicipite, opportunista - ma vincente - Renzi punta alla conquista delle primarie, è qui la festa mobile del piccolo Matteo: il cuore del consenso elettorale (e non liturgico) del Pd. Del congresso e delle tessere, della conta interna, che in queste ore premia Gianni Cuperlo, e "dell'anima della sinistra" (parole di Ezio Mauro), adesso, lui, se ne infischia.

MASSIMO DALEMAMASSIMO DALEMA Matteo RenziMatteo Renzi

Il congresso lo sta già perdendo, la conta tra gli iscritti va maluccio, e questo il giovane e ambizioso Renzi lo sa, lo ha capito bene ma fa il vago, la sua è un'accettazione persino irridente della sconfitta, in un mondo, quello delle tessere, che lui ora mostra di considerare piccolo e antico, irrilevante, malgrado i suoi recenti tentativi di lusingare e conquistare la gauche salottiera da centro storico, quella che sempre lo ha percepito con urtante senso di estraneità. I centosettantaseimila tesserati del Partito democratico che hanno votato fino a oggi hanno eletto quarantotto segretari per il suo sfidante Cuperlo, nipote spurio della tradizione di Botteghe Oscure, e solo ventotto tra i renziani. La partita, quella congressuale, è ormai decisa a suo sfavore, ma poco importa (dice lui).

Gianni CuperloGianni Cuperlo

La politica del futuro anteriore
Così il sindaco, aspirante segretario, lui che vive in una completezza smemorata e raggiante, ha riscoperto Pietro Ichino, l'eresia nel mercato del lavoro, e quell'idea sgangherata - per il Pd vecchio stile - che l'agenda liberale di Francesco Giavazzi sia in fondo una cosa di sinistra.

Mario MontiMario Monti

Renzi vive nella prefigurazione minuziosa non del domani - il domani sarà uguale all'oggi, forse, ma la nebbia lo avvolge - bensì dei quindici o trenta giorni che lo attendono, di gesto in gesto, di capriola in capriola: la sua sfasatura è voluta e inesorabile, il suo tempo è il futuro anteriore e sarebbe piuttosto il futuro anteriore prossimo, che le grammatiche però non registrano.

YORAM GUTGELD YORAM GUTGELD

Dunque adesso non ci prova nemmeno più ad assecondare i riflessi condizionati del Pd tradizionale, a cui pure aveva strizzato, eccome, l'occhio - e non solo sull'economia - con una benignità incitata dal calcolo, affettata persino: "Su Berlusconi il voto dev'essere palese", diceva lui che il Cavaliere l'aveva pure incontrato ad Arcore, "l'amnistia mai", diceva lui che nel 2012 sosteneva la battaglia civile di Marco Pannella, e poi ancora la lotta severa all'evasione fiscale, il controllo poliziesco sul denaro contante, le politiche sociali e benecomuniste sulla casa... Tutto cancellato, o quasi.

Elsa ForneroElsa Fornero

La sua nuova impennata liberista, le sue carezze pubbliche a Elsa Fornero e i suoi incontri privati con Mario Monti (che sogna un ruolo ministeriale nella squadra di Renzi) lo restituiscono alle origini da Rottamatore, elemento spurio del centrosinistra, avversario temutissimo da un apparato che non sa più come muoversi né come difendersi. "Se vince, il Pd non si tiene più insieme", è la febbre di D'Alema.

GIULIA ICHINOGIULIA ICHINO

 

 

Condividi questo articolo

politica

VAMOS ALLE URNE – JOHNSON RIGHEIRA, SERGIO JAPINO, HUGO MARADONA: LE AMMINISTRATIVE DI OTTOBRE SEMBRANO USCITE DA UNA PLAYLIST DI SERIE B DEGLI ANNI ’80 – STEFANO RIGHI SI CANDIDA A CONSIGLIERE COMUNALE DI TORINO NELLA LISTA CIVICO-COMUNISTA “CITTÀ FUTURA”, L’EX COMPAGNO DELLA CARRÀ INVECE APPOGGERÀ MICHETTI. A NAPOLI SCONTRO IN FAMIGLIA MARADONA: IL FRATELLO DEL PIBE DE ORO, HUGO, SOSTIENE CATELLO MARESCA. SUO NIPOTE, DIEGO JUNIOR (FIGLIO DI DIEGO ARMANDO), SI CANDIDA CON IL CENTROSINISTRA…

PERCHÉ BERLUSCONI HA INVITATO GIORGIA MELONI A VILLA CERTOSA - SUL TAVOLO IL FUTURO DELLA CENTRODESTRA: FRATELLI D’ITALIA, PUR IN ASCESA, RISCHIA DI FINIRE STERILE IN UN ANGOLO PER IL SUO ANTI-EUROPEISMO, COME UNA MARINE LE PEN QUALSIASI. E IL CAVALIER È L’UNICO CHE PUÒ RIVERGINARE SALVINI E MELONI PORTANDOLI ATTRAVERSO LA FUTURA FEDERAZIONE CENTRISTA NEL PARTITO POPOLARE EUROPEO – IN BALLO ANCHE COME RIPARARE LO SGARBO SUBITO IN RAI E UN AMMORBIDIMENTO SULLA QUESTIONE NO-VAX