LA SOLITA STORIA "SINISTRA": SE DEVI SPUTTANARE QUALCUNO DI DESTRA, VALE TUTTO - LA GIORNALISTA GIULIA CORTESE SU TWITTER PUBBLICA IL FOTOMONTAGGIO DI GIORGIA MELONI CON DIETRO UN'IMMAGINE DI MUSSOLINI - LA LEADER DI FRATELLI D'ITALIA S'INCAZZA PER IL FAKE: "HO DATO MANDATO ALL'AVVOCATO PER PROCEDERE CONTRO LA MISTIFICAZIONE" - LA REPLICA DELL'AUTRICE DELLA BUFALA: "LA GOGNA MEDIATICA CHE HAI CREATO SULLA TUA PAGINA FACEBOOK CONTRO DI ME TI QUALIFICA PER QUELLO CHE SEI, UNA DONNETTA"

-

Condividi questo articolo


Pietro De Leo per "Libero Quotidiano"

 

LA REPLICA DI GIORGIA MELONI AL FOTOMONTAGGIO LA REPLICA DI GIORGIA MELONI AL FOTOMONTAGGIO

Dove non arriva la strumentalizzazione politica subentra la falsificazione vera e propria. Eccone un breve saggio. Ieri una giornalista, Giulia Cortese, twitta un fermo immagine di Giorgia Meloni che parla in un video, e la didascalia: «Dietro c'è la sua matrice preferita».

 

L'allusione è all'origine dell'assalto condotto da Forza Nuova alla sede Cgil di sabato scorso e alle parole della leader di Fdi che, in un primo momento, aveva affermato di non conoscere il movente ideologico di quei fatti gravissimi.

 

giorgia meloni giorgia meloni

Tornando alla foto in questione, quindi, si vede Giorgia Meloni e dietro, appoggiata su una mensola, una foto incorniciata di Benito Mussolini. Peccato che fosse un fotomontaggio. A quel punto, il bersaglio della contumelia reagisce, e a sua volta pubblica su twitter l'affiancamento di due foto, quella della realtà, che mostra un soprammobile sulla mensola, e l'altra, artefatta, con il ritratto del Duce.

 

benito mussolini 1 benito mussolini 1

E scrive: «Questa foto falsificata, pubblicata da una giornalista iscritta all'Ordine, è di una gravità unica. Ho già dato mandato all'avvocato per procedere contro la mistificazione. A questo è arrivato certo giornalismo di sinistra?».

 

yo soy giorgia comizio della meloni a madrid 1 yo soy giorgia comizio della meloni a madrid 1

Controreplica di Giulia Cortese, che ammette di aver pubblicato, "non volendo", un "fake", ossia un falso. E poi prova una scombinata riscossa: «Cara Giorgia Meloni - scrive - la gogna mediatica che hai creato sulla tua pagina Facebook contro di me ti qualifica per quello che sei: una donnetta».

 

meme su giorgia meloni meme su giorgia meloni

Insomma niente scuse, ma anzi il rilancio e una iniezione di vittimismo. Evidentemente, le offese da condannare sono solo quelle ricevute.

 

Condividi questo articolo

politica

“DI MAIO DICE UNA BUGIA E MERITEREBBE UNA QUERELA” - VITTORIO SGARBI SI È INCAZZATO PER LA PAGINE DEL LIBRO DI LUIGINO A LUI DEDICATE: “IO NON HO MAI MALTRATTATO LE DONNE, COME DICHIARA LUI. LA MIA VIOLENZA VERBALE NON È DIRETTA ALLE DONNE IN PARTICOLARE. IO INSULTO TUTTI, SENZA DISTINGUERE UOMINI O DONNE. E POI NON ESISTE NEPPURE UNA FRASE IN CUI IO ABBIA DETTO A DI MAIO CHE È OMOSESSUALE O GAY. PER DI PIÙ IO NON HO MAI USATO LA PAROLA OMOSESSUALE IN SENSO NEGATIVO E TANTO MENO VERSO LUIGI DI MAIO"