LA SOTTOLINEA LINEA TRA SFANCULARE E RESTARE – IL RAPPORTO TRA DONALD TRUMP E LA FIGLIA IVANKA ORMAI VACILLA DA TEMPO. LEI, DOPO LA SCONFITTA ALLE ELEZIONI, SI È TRASFERITA IN FLORIDA E HA PRESO LE DISTANZE DALLE PAROLE DEL PADRE SUL FURTO DELLE ELEZIONI CHE HANNO SCATENATO L’ASSALTO A CAPITOL HILL. DA UN LATO VUOLE EVITARE POSSIBILE CONSEGUENZE LEGALI, DALL’ALTRO SA BENE CHE SE IL PADRE DOVESSE VINCERE NUOVAMENTE LEI POTREBBE RIENTRARE NELL’ENTOURAGE, MA SOLO SE…

-

Condividi questo articolo


Paolo Mastrolilli per www.repubblica.it

 

eric, ivanka e donald trump allen weisselberg don jr eric, ivanka e donald trump allen weisselberg don jr

Il titolo più crudele, imitato da molti, lo ha fatto il sito conservatore Drudgereport: "Don ha buttato sotto il bus Ivanka". Ma dietro al colore della lite famigliare, sulla testimonianza della figlia di Trump alla Commissione d'inchiesta sull'assalto al Congresso del 6 gennaio, ci sono vari aspetti con importanti ramificazioni politiche e legali.

 

Ivanka ha fatto la prima apparizione con un breve video, trasmesso durante l'audizione di giovedì. Poco prima l'ex segretario alla Giustizia Barr aveva definito le accuse del padre sul furto delle elezioni "bullshit", termine piuttosto volgare che in italiano si traduce "cazzate". Interrogata in proposito, la figlia prediletta ha risposto così: "Ha avuto un effetto sulla mia prospettiva. Rispetto l'Attorney General Barr, perciò ho accettato cosa diceva".

 

Celina Midelfart, Donald Trump e Ivanka Trump Celina Midelfart, Donald Trump e Ivanka Trump

Suo marito Jared Kushner ha aggiunto che quando aveva sentito il consigliere legale della Casa Bianca Cipollone minacciare le dimissioni, aveva pensato che "stesse solo frignando". L'ex presidente ha risposto dalla sua piattaforma Truth: "Ivanka Trump non era coinvolta nello studio dei risultati elettorali. Si era tirata fuori da tempo, e a mio giudizio stava solo cercando di essere rispettosa nei confronti di Barr e della sua posizione di segretario alla Giustizia (lui faceva schifo!)".

 

Gli esegeti dell'ex famiglia presidenziale ci hanno letto tre messaggi. Il primo era liquidare il giudizio negativo di Ivanka, perché se neppure tua figlia crede alla "grande bugia" con cui hai fomentato l'assalto al Congresso, davvero non c'era ragione plausibile per rovesciare la più antica democrazia del mondo moderno. Il secondo era evitare lo scontro frontale, sottolineando che lei non intendeva prendere le distanze dal padre, ma solo apparire gentile con Barr e rispettosa della sua carica istituzionale. Il terzo era chiarire che lui invece non avverte questa esigenza, e intima ai sostenitori di non dare sponde ai traditori.

donald trump con melania, ivanka e jared kushner donald trump con melania, ivanka e jared kushner

 

Il problema però è più grave di così. Ivanka è sempre stata la preferita, e infatti Donald l'aveva portata col marito Jared a Washington come consigliera a tutto campo. Lei era democratica, pro aborto, addirittura amica di lunga data di Chelsea Clinton negli ambienti liberal di New York, ma si era convertita a "Trump republican" per sfruttare l'occasione di avere il padre alla Casa Bianca. Le sue ambizioni vanno oltre la gestione del business familiare, al punto che molti la ritengono ancora una possibile candidata presidenziale.

 

Quando il padre aveva perso le elezioni, però, lei e Jared avevano rapidamente preso le distanze. Un paio di giorni dopo, durante la colazione nella lussuosa casa di Kalorama, il marito l'aveva informata che la famiglia si sarebbe trasferita in Florida e non avrebbe avuto alcun ruolo nella campagna per rovesciare il risultato. Questo era stato visto come un tradimento dagli alleati irriducibili di Donald, ma in parte anche dai suoi oppositori, che speravano nella funzione calmante della figlia moderata, proprio per evitare un epilogo come l'assalto del 6 gennaio.

donald e ivanka trump donald e ivanka trump

 

Invece Ivanka e Jared lasciarono tutto in mano a personaggi come l'esaurito Giuliani, con i risultati noti. Ora lei parla ancora regolarmente col padre, ma il marito è stato a Mar a Lago solo una volta, mentre invece ha usato i contatti stabiliti durante la presidenza per creare un fondo di investimenti da un paio di miliardi di dollari con business dall'Arabia a Israele.

 

ivanka e donald trump ivanka e donald trump

Così Ivanka e Jared cercano di camminare sopra un'insidiosa fune sospesa, per evitare la rottura con Donald, nel caso si candidasse e rivincesse nel 2024, ma anche per mettersi al riparo dalle potenziali conseguenze legali dei suoi errori, collaborando con l'inchiesta della Camera. Resta da vedere se riusciranno ad arrivare intatti alla fine della fune, perché da una parte rischiano di diventare la chiave per incriminare Trump, e dall'altra difficilmente saranno assolti dall'opinione pubblica.

jared kushner con ivanka e donald trump jared kushner con ivanka e donald trump ivanka trump ivanka trump ivanka trump con robert o'brien ivanka trump con robert o'brien ivanka e melania trump il giorno dell'inaugurazione del mandato di donald trump ivanka e melania trump il giorno dell'inaugurazione del mandato di donald trump donald trump, melania e ivanka donald trump, melania e ivanka donald trump con la figlia ivanka e il genero jared kushner donald trump con la figlia ivanka e il genero jared kushner

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE