SOTTOTERRA! LA TRISTE FINE CHE FANNO TUTTI GLI OLIGARGHI RUSSI CHE SI RIBELLANO A PUTIN

La parabola mitica dell’ex magnate russo Boris Berezovsky, morto d’infarto nella vasca da bagno - Ossessionato dai complotti e dalla politica russa, fu prima alleato di Putin, poi suo nemico - Dovette fuggire a Londra, ebbe dei rovesci economici ma più dei soldi amava gli intrighi...

Condividi questo articolo

Claudio Gallo per "La Stampa"

boriz berezovsky bella vitaboriz berezovsky bella vita

A due giorni dalla scomparsa dell'oligarca russo Boris Berezovsky, 67 anni, non tutti gli interrogativi sono irrisolti. Alla fine, dopo molte versioni contrastanti, è morto nella sua casa di Ascot, località nota per le corse di cavalli dove nobildonne e riccone fanno a gara a chi sfoggia il cappello più strano. Trovato senza vita nella vasca da bagno verso le tre del pomeriggio di sabato da una guardia del corpo che per entrare ha dovuto sfondare la porta.

berezovskyberezovsky

Il motivo del decesso continua a restare misterioso. L'arrivo della polizia scientifica con le apparecchiature per rilevare tracce di radioattività o di sostanze strane aveva fatto venire l'acquolina in bocca ai giornalisti parcheggiati davanti al viale d'ingresso della villa. Dopo il caso nel 2006 dell'avvelenamento con il polonio 210 di Aleksander Livtinenko, ex agente Kgb, forse spia britannica e grande amico di Berezovsky, sarebbe stato un titolo da prima pagina.

Boris Berezovsky and Roman AbramovichBoris Berezovsky and Roman Abramovich

E invece ieri sera gli agenti cominciavano a togliere le transenne mentre un portavoce spiegava che non era stato trovato niente: «Gli investigatori della Nrbc (unità specializzate in prevenzione nucleare, radiologica, chimica e biologica) non hanno trovato nulla di sospetto nella residenza. Adesso saranno condotte indagini ordinarie». Gli investigatori hanno aggiunto in gergo giudiziario che «nel caso non sono coinvolte terze parti».

Le indagini passano ora nelle mani della «polizia criminale della valle del Tamigi». La vicenda assume un tono più da Maigret oltre Manica che non da intrigo internazionale. Certo Berezovsky aveva nemici implacabili al Cremlino, qualcuno aveva cercato di farlo fuori facendo saltare via la testa all'autista, lo minacciavano.

Un suo amico, Damian Kudryatsev, crede all'ipotesi dell'infarto: «Niente segni esterni di suicidio, niente tracce di aghi o flaconi di pillole. Non è chiaro che cosa abbia provocato l'arresto cardiaco». Berezovsky, spiega Kudryatsev, aveva problemi di cuore e recentemente era andato a farsi curare in Israele.

Era molto depresso dopo i salatissimi rovesci giudiziari con l'ex socio oligarca Roman Abramovich e l'ex moglie Elena Gorbunova, la madre dei suoi due figli, a cui doveva pagare un divorzio multi milionario.

L'ex collaboratore Aleksander Goldfarb conferma che negli ultimi tempi era «molto stressato» ma è scettico sulla richiesta di perdono che secondo il Cremlino l'oligarca avrebbe inviato a Putin un paio di mesi fa. Mosca fa sapere che sarebbe addirittura disponibile ai funerali in Russia. Incredulo anche un altro businessman russo espatriato nel 2009 per non essere processato, Evgeny Cichvarkin: «So che parlava spesso di tornare in Russia ma non bevo questa storia della lettera a Putin».

berezovskyberezovsky

La polizia usa una formula che è un mantello per tutte le piogge: «Analizziamo i fatti con mente aperta», ma è evidente che non si pronuncerà prima dell'autopsia.


2. VINO, CIBO E DONNE - MA PIÙ DEI SOLDI AMAVA GLI INTRIGHI
Mark Franchetti* per "La Stampa" (*corrispondente da Mosca per il Sunday Times di Londra- traduzione di Carla Reschia)

Più di una volta ho avuto occasione di vedere Boris Berezovsky al culmine del suo potere, alla fine degli Anni 90. Uomo con floridi, stretti legami con il Cremlino e un innato talento per l'intrigo, all'epoca era l'oligarca per eccellenza. I suoi uffici privati in un palazzo moscovita dei tempi degli zar, noti semplicemente come «il club», assomigliavano a un mini-Cremlino.

Sorvegliati da guardie del corpo armate, potenti uomini d'affari e politici attendevano di avere udienza dal magnate che teneva i suoi incontri intorno a un lungo tavolo da pranzo bianco, servito da valletti che chiamava spesso premendo un campanello. Un consumato bon vivant, che amava i vini costosi, il buon cibo e la compagnia di donne belle e giovani, la sua più grande passione insieme alla politica.

berezovskyberezovsky

Attaccato più al potere e agli intrighi che alla ricchezza, Berezovsky si crogiolava nella sua immagine di eminenza grigia della Russia. Una volta, mentre ero seduto di fronte a lui al «club», mi confidò con un sorriso malizioso che stava tramando per rimuovere il primo ministro. Quando gli chiesi di dirmi chi fosse l'uomo che stava preparando per il governo, il matematico dell'epoca sovietica, con il suo gusto per il dramma e il teatro, scarabocchiò il nome su un pezzo di carta e me lo mostrò, per evitare i microfoni nascosti che si dava per scontato i suoi tanti nemici avessero impiantato nel suo ufficio.

«Amava il potere e il complotto molto più del denaro - ha detto di lui un caro amico -. Non era un uomo d'affari, era uno stratega, con una mente brillante sempre all'opera con nuove idee, alcune sorprendenti, altre folli. Amava trovarsi al centro degli eventi. Prediligeva le conversazioni intellettualmente stimolanti. Amava le persone che gli permettevano di affinare le sue capacità mentali, non gli adulatori».

La villa di berezovsky ad AscotLa villa di berezovsky ad Ascot

In un'altra occasione, sempre al «club», sedevo con lui a guardare sulla tv di Stato russa un'intervista in diretta ad Alexander Lebed, un ex paracadutista che a un certo punto fu dato come futuro presidente. Berezovsky sosteneva il duro militare che poi morì prematuramente in un incidente di elicottero. Osservare l'oligarca che guardava e annuiva a Lebed, al grido di «vai così, Sasha» con un sorriso machiavellico, fu rivelatore. Per Berezovsky la politica e gli intrighi erano come una droga.

Alla vigilia del Capodanno 1999, la notte del millennio, quando Boris Eltsin sorprese il mondo dando le dimissioni e nominando Vladimir Putin presidente facente funzioni, al teatro Bolshoi m'imbattei in Berezovsky, che aveva aiutato il nuovo presidente a prendere il potere.

«Abbiamo vinto - disse tutto eccitato, con un senso di trionfo personale -. Questo è il miglior Paese del mondo e abbiamo il miglior presidente del mondo». Ma Putin fu il più grande errore di calcolo nella vita dell'ex miliardario. Quando cadde in disgrazia proprio con lui, rifiutò di fare marcia indietro, pensando erroneamente di essere abbastanza potente da avere la meglio sul presidente. Nel 2000, rischiando l'arresto, fuggì a Londra.

Boris Berezovsky e Boris EltsinBoris Berezovsky e Boris Eltsin

Ricordando quei tempi, Badri Patarkatsishvili, il più caro amico del magnate morto e suo socio in affari per due decenni, una volta mi disse: «Sono arrivato al Cremlino con il capo del Fsb (ex Kgb). Presto fui con Putin. Eravamo in buoni rapporti dai primi Anni 90, quando lui aiutò me e Berezovsky ad aprire lì una concessionaria di auto».

«Ho bisogno di sapere con chi state disse Putin, secondo il defunto Patarkatsishvili - . Con Boris o con noi? Se siete dalla nostra parte potete stare in Russia e i vostri affari prospereranno. Ma se state con Boris tutto ciò che colpirà lui colpirà anche voi».

Quand'era al culmine del suo potere, Berezovsky era difficile da incontrare, per non parlare di un'intervista; ma un giorno, due anni dopo la sua fuga a Londra, rispondo al telefono nel mio ufficio di Mosca dopo che tutte le nostre linee erano state occupate per un bel po'. Con mia grande sorpresa era in linea, da Londra, l'oligarca caduto in disgrazia. Lui in persona, non un collaboratore. Voleva parlarmi di una storia ed era in attesa da un pezzo, una scena impensabile fino a poco tempo prima.

berezovsky con la moglieberezovsky con la moglie

In esilio rimase ossessionato dalla politica russa. Non riuscì mai ad accettare la sua perdita d'influenza. Una volta, dopo aver letto un mio articolo, mi chiamò per suggerirmi di leggere un libro su una battaglia legale che aveva avuto con un altro oligarca. Rovesciare Putin era diventato lo scopo della sua vita. E così, per il Cremlino era il nemico pubblico numero uno. Capii quanto strettamente lo tenessero d'occhio i servizi segreti russi a Londra quando una mia conversazione telefonica con lui - che parlava dal suo telefono in auto - mi fu riferita due giorni dopo, parola per parola, da un oligarca rivale.

L'anno scorso, quando gli avevo chiesto della sua situazione finanziaria, Berezovsky aveva ammesso gravi difficoltà ancora prima di perdere la causa contro Roman Abramovich: «Sì, è vero, ho un sacco di problemi con i soldi, perché, da un lato, Badri controllava tutte le nostre attività e quando è morto è venuto fuori che non mi proteggeva. Dall'altro lo Stato russo ha cercato di tagliare tutte le mie fonti di guadagno. Mi ha creato un mucchio di difficoltà, sicuramente».

«Dopo la sentenza di Londra era molto depresso, a malapena usciva, non rispondeva alle telefonate. Mandava solo messaggi - ha detto un caro amico -. Non l'avevo mai visto così male in vent'anni. Aveva perso tutto e si sentiva sconfitto. La sua morte è la fine di un'era».

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGONOTA - MATTARELLA SBAGLIA DELEGANDO AL PARLAMENTO LA RIFORMA DI UN CSM PIOMBATO IN UNA FOGNA A CIELO APERTO CON LE INTERCETTAZIONI DI PALAMARA - SE LO SCIOGLIMENTO DEL CSM SAREBBE UN ATTO AUTORITARIO, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PUÒ PERMETTERSI INVECE DI ESSERE AUTOREVOLE USANDO LA SUA “MORAL SUASION” PER FAR DIMETTERE INTANTO IL VICEPRESIDENTE DEL CSM DAVID ERMINI. GLI ALTRI CONSIGLIERI SEGUIRANNO E, UNA VOLTA VENUTO A MENO IL NUMERO LEGALE DEI COMPONENTI, AVRÀ CAMPO LIBERO PER UNA RIFORMA CHE “CONTRIBUISCA A RESTITUIRE APPIENO ALL'ORDINE GIUDIZIARIO IL PRESTIGIO E LA CREDIBILITÀ INCRINATI”