TERRORISMO, SENZA RIMPIANTI - VALERIO MORUCCI, IL BRIGATISTA CHE PARTECIPÒ ALLA STRAGE DI VIA FANI E TELEFONÒ DICENDO DOVE SI TROVAVA IL CADAVERE DI MORO, DICE A “LE MONDE” DI “NON AVERE RIMPIANTI” - AI FRANCESI CHE ANCORA SI BEVONO LE GESTA DELLE BR HA CONSEGNATO PERLE COME “ERAVAMO IN GUERRA CONTRO LO STATO, ALL’EPOCA L’OMICIDIO MORO AVEVA UN SENSO”. E FU PURE SCARCERATO PRIMA PERCHÉ SI DISSOCIÒ DALLA LOTTA ARMATA…

Condividi questo articolo


Stefano Montefiori per il "Corriere della Sera"

frv26 valerio fioravanti valerio moruccifrv26 valerio fioravanti valerio moruccifrv05 valerio moruccifrv05 valerio morucci

Valerio Morucci, il «postino» del sequestro Moro, l'uomo che partecipò alla strage di via Fani e telefonò, il 9 maggio del 1978, al professor Franco Tritto per spiegare dove andare a cercare la Renault 4 con il cadavere del presidente della Dc, su Le Monde dice di «adorare Parigi» e di non provare «né rimpianti né rimorsi». Si definisce oggi un «democratico partecipativo fautore di un'autogestione locale».

Sotto il titolo «Valerio Morucci, brigatista "senza rimorsi"», nella pagina dedicata agli approfondimenti del quotidiano parigino del pomeriggio appare una grande foto scattata il 14 settembre scorso a Roma, a uno dei tavolini di piazza Vittorio. Morucci guarda l'obiettivo senza particolari espressioni. È quella formula, «senza rimorsi», che ricorre nell'articolo, a fare impressione.

rapimento aldo moro manifestorapimento aldo moro manifestofrv16 valentino parlato valerio moruccifrv16 valentino parlato valerio morucci

Valerio Morucci fu condannato più volte all'ergastolo ma, dissociatosi dalle Br dopo l'arresto nel 1979, beneficiò delle riduzioni di pena. È uscito dal carcere nel 1994, oggi ha 62 anni, lavora a Roma come tecnico informatico per un'agenzia di viaggi e scrive su «Theorema - Rivista italiana di sicurezza, geopolitica e intelligence». L'articolo è pubblicato in occasione del documentario tv «Ils étaient les Brigades rouges», in onda stasera. E Morucci, peraltro non nuovo anche in Italia all'autoindulgenza («La peggio gioventù», Rizzoli 2004), ripete, sicuro, la solita versione.

Aldo MoroAldo Moro

«L'affare Moro resta un vero trauma rispetto a quello che è successo prima e dopo - dice Morucci -. Eppure, continuo a pensare che all'epoca aveva un senso. L'Italia viveva una situazione prerivoluzionaria e la lotta armata era una risposta strategica al potere della Democrazia cristiana e dei fascisti. Eravamo in guerra contro lo Stato». E ancora: «Non è mai facile sparare a un uomo per ucciderlo. Ero cosciente che anche io potevo morire nel corso dell'attacco». È la consueta, delirante ricostruzione degli anni di piombo che affascina ancora qualche francese (vedi il caso Battisti) e scandalizza gran parte degli italiani.

Aldo MoroAldo Moro

 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

OSCAR DI MONTIGNY SI RITIRA! NON SARÀ LUI IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA PER MILANO. UFFICIALMENTE, DICE DI AVER “REGISTRATO CHE NON C’ERA TOTALE CONVERGENZA" SUL SUO NOME. MA IL VERO MOTIVO DELLA RINUNCIA È CHE I SONDAGGI RISERVATI, CIOÈ QUELLI VERI, LO DANNO TERZO DIETRO A GIANLUIGI PARAGONE - BERLUSCONI AVEVA GIÀ AFFOSSATO IL SUO NOME. DA BUON VENDITORE DI PENTOLE E SOGNI, IL CAV AVEVA TROVATO IL SUO PUNTO DEBOLE: IL COGNOME DIFFICILE. SENZA CONSIDERARE CHE SILVIO VUOLE UN POLITICO (LUPI?)

MARTA DA QUIRINALE! - CHI SARÀ IL SUCCESSORE DI SERGIO MATTARELLA, STRADECISO A TORNARE A CASA? A OGGI IL CANDIDATO CON PIU' CHANCE, E CHE PUÒ VANTARE UN APPOGGIO PIÙ O MENO TRASVERSALE, È IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MARTA CARTABIA - MA LA SUA FUTURA INVESTITURA DA “QUIRINABILE” È LEGATA A UN ''SE'': SE RIUSCIRA' NEL MIRACOLO DI FAR APPROVARE, ENTRO LA FINE DEL MESE IN CONSIGLIO DEI MINISTRI, LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA EVITANDO LE TRAPPOLE DEI SUOI OPPOSITORI CONTE-BONAFEDE…

BRUTTA CORRENTE NELLA MILANO DI SALA – SOTTO LA MADONNINA CI SONO STATI 160 BLACKOUT IN SETTE GIORNI: SICURI SIA SOLO COLPA DEL CALDO? - IL SINDACO HA CHIESTO CHIARIMENTI ALLA MUNICIPALIZZATA A2A CHE, OLTRE AI GUASTI, STA PROVOCANDO ALTRI GRATTACAPI AL SINDACO: NEL CDA DEL 4 GIUGNO È STATO BATTEZZATO IL PROGETTO DI UNA NUOVA SOCIETÀ CON IL FONDO FRANCESE ARDIAN, SCELTO SENZA GARA. COME ADVISOR È STATA SCELTA LA BANCA D’AFFARI NOMURA, DI CUI IL PRESIDENTE DI A2A, MARCO PATUANO, È SENIOR ADVISOR...

SILENZIO, PARLA DRAGHI! - "MARIOPIO" IN PARLAMENTO RISPONDE SUL CASO VATICANO-DDL ZAN: “IL NOSTRO È UNO STATO LAICO, NON CONFESSIONALE, QUINDI IL PARLAMENTO HA IL DIRITTO DI DISCUTERE E LEGIFERARE. IL NOSTRO ORDINAMENTO CONTIENE TUTTE LE GARANZIE PER VERIFICARE CHE LE LEGGI RISPETTINO I PRINCIPI COSTITUZIONALI E GLI IMPEGNI INTERNAZIONALI, TRA CUI IL CONCORDATO. SENZA ENTRARE NEL MERITO, QUESTO È IL MOMENTO DEL PARLAMENTO, NON DEL GOVERNO” - MORALE DELLA FAVOLA: ALLA FINE IL DDL PASSERÀ CON PICCOLI MA SOSTANZIOSI AGGIUSTAMENTI – VIDEO