IL TITANO TI DA’ UNA MANO…A RIMPIANGERE LA PRIMA REPUBBLICA! A SAN MARINO C’È ANCORA LA DC E VINCE LE ELEZIONI - ALLE POLTICHE DEL 9 GIUGNO IL PDCS (PARTITO DEMOCRATICO CRISTIANO SAMMARINESE) HA OTTENUTO IL 34,14% DELLE PREFERENZE. SECONDO PARTITO QUELLO SOCIALISTA CON IL 15,75%..

-

Condividi questo articolo


Da repubblica.it

SAN MARINO - PARTITO DEMOCRATICO CRISTIANO SANMARINESE SAN MARINO - PARTITO DEMOCRATICO CRISTIANO SANMARINESE

C’è ancora una Dc che vince e lo fa alle politiche 2024 di San Marino. Il Pdcs (partito democratico cristiano sammarinese che è stato fondato nel 1948) si è infatti confermato come il primo del piccolo Stato dove gli aventi diritto al voto erano 38.338 ma l’affluenza, domenica 9 giugno, si è fermata al 50,70%. Domenica i cittadini sono andati alle urne per rinnovare i membri del Consiglio Grande e Generale e il Pdcs ha ottenuto il 34,14% delle preferenze, che valgono 22 seggi.

 

Poi la coalizione Libera/Ps con il 15,75% (10 seggi) e il Psd con il 12,19% (8 seggi). Alleanza Riformista, in coalizione con il Pdcs, ha avuto il 6,98% dei voti (4 seggi). Domani Motus Liberi è all’8,47% (5 seggi). Repubblica Futura è all’11,99% (8 seggi). Non va bene Rete al 5,07% (13% in meno delle elezioni precedenti) che valgono 3 seggi. Demos invece non supera lo sbarramento, fermandosi al 4,69%.

san marino san marino

 

 

SAN MARINO - PARTITO DEMOCRATICO CRISTIANO SANMARINESE SAN MARINO - PARTITO DEMOCRATICO CRISTIANO SANMARINESE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA