TODOS INDAGADOS - SOTTO INCHIESTA ANCHE IL SOVRINTENDENTE FRANCESCO PROSPERETTI - LA SUA COLPA? NON AVER MESSO IL VINCOLO DI TUTELA SULLE TRIBUNE DELL'IPPODROMO DI TOR DI VALLE, DOVE DOVREBBE NASCERE LO STADIO DELLA ROMA. PECCATO CHE LE TRIBUNE DI LAFUENTE SIANO UN RUDERE PIENO DI RIFIUTI E AMIANTO, CHE NESSUNO AVREBBE MAI SISTEMATO NÉ VISITATO. E CHE L'IPOTESI DI VINCOLO ERA NATA SOLO PER FERMARE IL PROGETTO DELLO STADIO - IL RUOLO DI CLAUDIO SANTINI, EX DIRIGENTE DEL MIBACT

-

Condividi questo articolo


Francesco Prosperetti Francesco Prosperetti

 (ANSA) - Il sovrintendente Francesco Prosperetti, che si occupò del vincolo sulle tribune dell'ippodromo di Tor di Valle, è indagato nell'ambito dell'inchiesta sullo stadio della Roma. Secondo la Procura l'ex capo segreteria del Ministro ai Beni culturali, Claudio Santini, "avvicinò il Sovrintendente Francesco Prosperetti chiamato a pronunciarsi sul vincolo" che poi fu tolto.

 

Come riscontro la Procura indica "un incontro tra il Sovrintendente e il gruppo Parnasi il 19 maggio del 2017" e la successiva decisione di affidare all'architetto Paolo Desideri "la redazione di un progetto necessario per superare la questione del vincolo". Dalle intercettazione emerge che Desideri "oltre ad essere amico di Prosperetti è anche il datore di lavoro della figlia Beatrice".

tribune dell ippodromo di tor di valle tribune dell ippodromo di tor di valle

 

La procedura per il vincolo sulle tribune di Lafuente viene attivata il 15 febbraio 2017 e il 15 giugno dello stesso anno viene archiviata: nel frattempo Prosperetti era diventato direttore della nuova sovrintendenza speciale Archeologica-Belle arti-paesaggio di Roma. Secondo la Procura Santini per la sua "mediazione per conto di Parnasi" ha percepito "quale compenso per questa illecita attività 53.440 euro".

 

tribune tor di valle tribune tor di valle luca parnasi mauro baldissoni luca parnasi mauro baldissoni PARNASI totti PARNASI totti pallotta-parnasi pallotta-parnasi tribune dell ippodromo di tor di valle tribune dell ippodromo di tor di valle

 

 

Condividi questo articolo

politica

“DA CONTE BUGIE TRISTI E INFAMANTI, SI DEVE VERGOGNARE” - ORA CHE HA LASCIATO IL MOVIMENTO CINQUE STELLE, L’EUROPARLAMENTARE DINO GIARRUSSO MOLLA IL FRENO: “NON HO BISOGNO DI POLTRONE PERCHÉ LA POLTRONA ME LA SONO PRESA CON I VOTI, A DIFFERENZA DI QUALCHE YESMAN DI CONTE. È UN’ACCUSA INFAMANTE E DIFFAMATORIA. STO PENSANDO DI QUERELARLO. MOLTI DEI 120MILA CHE MI HANNO VOTATO MI HANNO GIÀ SCRITTO PER CHIEDERMI DI RESTARE” - E POI INTONA “INSIEME A TE NON CI STO PIÙ” - IL VIDEO DELLA PERFORMANCE

HOUSE OF VATICAN - IL CARDINALE MATTEO ZUPPI E’ STATO ELETTO PRESIDENTE DELLA CEI PER “PREPARARLO” AL PAPATO DI DOMANI O PER SILURARLO PRIMA? - “LA VERITÀ” MALIGNA: “SECONDO MOLTE INDISCREZIONI IL CARDINALE ZUPPI RECALCITRAVA ALL'IDEA DI IMPEGNARSI NELLA PRESIDENZA CEI, ANCHE PERCHÉ È DATO DA PIÙ PARTI COME UNO DEI CANDIDATI FORTI PER UN PROSSIMO CONCLAVE E L'IDEA DI ASSUMERE LE TANTE BEGHE CHE UN CAPO DEI VESCOVI DEVE PRENDERSI SULLE SPALLE, NON APPARE PROPRIAMENTE COME UNA VETRINA UTILE ALLO SCOPO…”