1. VE LO RICORDATE IL CASO SHALABAYEVA? SICURAMENTE LO RICORDA ANGELINO ALFANO
2. QUATTRO ANNI FA LA MOGLIE E LA FIGLIA DEL DISSIDENTE KAZAKO ABLYAZOV FURONO SEQUESTRATE E CONSEGNATE AL KAZAKHSTAN IN BARBA A OGNI REGOLA SE NON QUELLA DI ACCONTENTARE, PER RAGIONI DI AFFARI, IL PRESIDENTE-AUTOCRATE NURSULTAN NAZARBAYEV 
3. SI SCOPRE ORA, CHE, IL 28 MAGGIO 2013, ALFANO NON SI LIMITÒ A SEGNALARE L'URGENZA DELLA CATTURA DI ABLYAZOV AL SUO CAPO DI GABINETTO, PROCACCINI, MA CHIESE DI ESSERE INFORMATO DEGLI ESITI DI QUELLA CACCIA: LA FACCENDA ERA IN CIMA ALLA SUA AGENDA
4. E QUESTO SPIEGHEREBBE IL MOVENTE DELLA CATENA DI ABUSI E ILLEGITTIMITÀ DI CUI SI SAREBBERO RESI RESPONSABILI I 7 TRA DIRIGENTI E FUNZIONARI DI POLIZIA

Condividi questo articolo


Fabio Tonacci e Carlo Bonini per “la Repubblica”

 

shalabayeva - bonino shalabayeva - bonino

Il fantasma del caso Shalabayeva torna a fare capolino al piano nobile del Viminale. E, a 4 anni da quella "extraordinary rendition" con cui, violando le norme del diritto d' asilo, vennero consegnate al Kazakhstan due donne che avevano la sola colpa di essere moglie (Alma) e figlia (Alua) del dissidente ricercato Mukhtar Ablyazov, il profilo e le responsabilità del ministro dell'Interno Angelino Alfano e quelle degli allora vertici del Dipartimento di Pubblica sicurezza tornano ad essere illuminate da nuovi, decisivi dettagli documentati dagli atti depositati nell' inchiesta per sequestro di persona appena conclusa dalla procura di Perugia. Quella per la quale si preparano ad andare a processo in 11. Sette tra dirigenti e funzionari di Polizia, il giudice di pace, Stefania Lavore, che autorizzò la consegna ad Astana, e tre diplomatici kazaki.

 

alfano alfano

Si scopre ora, infatti, che, il 28 maggio 2013, il ministro dell' Interno non si limitò a segnalare l' urgenza della cattura di Mukhtar Ablyazov al suo capo di gabinetto di allora, Giuseppe Procaccini, consegnando di fatto alla piena disponibilità dei diplomatici kazaki la nostra Polizia. Fece di più. Chiese di essere informato ad horas degli esiti di quella caccia, a dimostrazione di quanto la faccenda fosse in cima alla sua agenda. Il che, evidentemente, spiegherebbe il movente della catena di abusi e illegittimità di cui si sarebbero resi responsabili i 7 tra dirigenti e funzionari di Polizia.

 

ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA

Sono due verbali di testimonianza ai pm di Perugia, quello dell' allora capo di gabinetto Giuseppe Procaccini (il 13 maggio 2015) e dell' allora capo segreteria del Dipartimento di Pubblica sicurezza Alessandro Raffaele Valeri (il 3 febbraio di quest' anno) a documentare di quale frenesia, su input di Alfano, vennero caricati i nostri apparati. Procaccini conferma ai magistrati quanto svelato in un'intervista a Repubblica nel gennaio 2014.

 

«Non fu una decisione che presi di mia iniziativa - dice, riferendosi al blitz nella villa di Casal Palocco dove si voleva si nascondesse Ablyazov e dove, al contrario, venne trovata e fermata soltanto la moglie Alma - La sera del 28 maggio 2013, Alfano mi informò che l' ambasciatore kazako lo aveva cercato perché aveva urgenza di comunicare con il ministero. Aggiunse che era una questione di grave minaccia alla pubblica sicurezza».  Circostanza confermata da Valeri che, sempre quella sera, convocato a sua volta nell' ufficio di Procaccini, inciampa in un singolare siparietto.

mukthar ablyazov figlia alua e alma shalabayeva mukthar ablyazov figlia alua e alma shalabayeva

 

«Trovai due signori che mi furono presentati come l'ambasciatore del Kazakhstan e un suo funzionario, che dovevano riferire notizie di sicurezza nazionale. Dissi all'ambasciatore che il loro referente avrebbe dovuto essere il ministero degli Esteri e non l'Interno. E mi sembra di ricordare che Procaccini mi disse di aver ricevuto l'ambasciatore su input del Viminale».

 

procaccini procaccini

C' è di più. All' alba del 29 maggio, dopo che Valeri, nella notte, ha messo in movimento «il prefetto Alessandro Maragoni, Capo della Polizia facente funzioni, Cirillo, direttore centrale della Criminalpol, e Chiusolo, direttore centrale dell' Anticrimine», e dopo che il blitz nella villa di Casal Palocco non ha dato gli esiti sperati dai kazaki, Valeri si rimette al telefono. «Comunicai a Marangoni e a Procaccini l'esito negativo della ricerca del latitante. E ricordo che Procaccini mi chiese di trasmettergli un sms con la notizia, in modo che lui potesse informarne il ministro dell' Interno. Io lo mandai».

 

Alfano Alfano

Alfano, dunque, voleva sapere. Ma fino a un certo punto. Sia Procaccini che Valeri escludono infatti di averlo informato e anche solo di aver saputo che, al posto di Ablyazov, fosse stata fermata la moglie. Circostanza curiosa. Non fosse altro per un dettaglio. La sera del 28 maggio, al Viminale, nell'ufficio di Procaccini, i diplomatici kazaki avrebbero mostrato documenti su Ablyazov e un appunto Interpol sulla moglie, con un' annotazione, "to deport her", da espellere. I pm di Perugia ne chiedono conto all' ex capo di gabinetto.

GIUSEPPE PROCACCINI jpeg GIUSEPPE PROCACCINI jpeg

 

Che risponde: «Visionai solo sommariamente le carte che mi sottopose l'ambasciatore e non lessi quell' atto Interpol, non sono in grado di dire se contenesse le generalità della Shalabayeva e la richiesta alle nostre autorità di consegnarla».

Vertice Osce in Kazakistan Nursultan Nazarbayev con Silvio Berlusconi x Vertice Osce in Kazakistan Nursultan Nazarbayev con Silvio Berlusconi x NAZARBAYEV E NAPOLITANO NAZARBAYEV E NAPOLITANO Mukhtar Ablyazov Mukhtar Ablyazov

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…