VIENI AVANTI, APPENDINO! CLAMOROSO A TORINO: MOVIMENTO IN PRESSING PERCHÉ LA SINDACA SI RICANDIDI - TUTTI I BIG, A PARTIRE DA GIUSEPPE CONTE, SONO CONVINTI CHE APPENDINO SAREBBE LA CARTA MIGLIORE PER L'INTERA ALLEANZA DI CENTROSINISTRA - SONO PRONTI A MUOVERSI ANCHE CON I DEM PER APRIRE UNO SPIRAGLIO. A FRENARE LA SINDACA USCENTE LA CONDANNA PER I FATTI DI PIAZZA SAN CARLO…

-

Condividi questo articolo


Emanuele Buzzi per il "Corriere della Sera"

 

CHIARA APPENDINO CHIARA APPENDINO

Si fa sempre più forte il pressing dei Cinque Stelle per convincere Chiara Appendino a ricandidarsi in vista delle Comunali. La sindaca è ferma al momento su un no secco a un' eventuale corsa, ma i pentastellati sono pronti a muoversi anche con i dem per aprire uno spiraglio.

 

Tutti i big, a partire da Giuseppe Conte, sono convinti che Appendino sarebbe la carta migliore - non solo per il Movimento, ma per l' intera alleanza di centrosinistra - da contrapporre a Paolo Damilano. Ecco perché alcuni eletti e parte dei militanti si stanno mobilitando e lanciano un appello: «Anche il Pd la sostenga se non vuole lasciare la città al centrodestra».

 

giuseppe conte chiara appendino giuseppe conte chiara appendino

La mossa di candidare Appendino - spiegano nel Movimento - farebbe parte di un «accordo di sistema» su base pluriennale, in modo da garantire uno sguardo e un progetto che vada oltre alla singola tornata elettorale e alla singola città che possa in qualche modo «invogliare» i dem ad aprire un dialogo più articolato. Difficile che il Pd però possa gettare un colpo di spugna sulle primarie che hanno incoronato Stefano Lo Russo. Tuttavia anche in questo caso, nel Movimento c' è chi mostra fiducia: «Per i dem è un' occasione per riflettere sui numeri che hanno caratterizzato la votazione e fare una scelta di campo».

CHIARA APPENDINO CHIARA APPENDINO

 

Gli alleati, al momento, sono un nodo secondario. Prima di sedersi a trattare, però, ci sarà da coinvolgere la sindaca uscente, frenata anche dalla condanna per i fatti di Piazza San Carlo. Gli attivisti tuttavia sono convinti che il processo sia un tema superabile, anche se la prima cittadina lo pone ancora l' ostacolo principale. C' è chi dice: «Siamo cambiati, serve un bagno di realismo. Non possiamo lasciare un percorso a metà».

 

piazza san carlo torino piazza san carlo torino

Ieri Appendino - in un commento a un suo post Facebook - ha ribadito la sua posizione: «Vorrei ringraziare le tantissime persone che mi stanno chiedendo di ricandidarmi. L' avrei fatto se non ci fossero state le questioni giudiziarie aperte. È vero, siamo in primo grado e ho presentato ricorso. Sono fiduciosa sull' esito dei gradi di giudizio successivi, ma in queste condizioni non me la sento».

 

E ha spiegato: «Detto questo, entro breve presenteremo la nostra proposta per portare avanti i tanti progetti avviati, forti dei tanti risultati ottenuti. E, in ogni caso, lasciatemelo dire, il sentore che ho girando la città è che i torinesi vogliano continuare sulla strada del cambiamento e, di certo, non di ritornare al passato. Quindi avanti con coraggio!». Non è detto, però, che un ulteriore confronto con i piani alti del Movimento non induca la sindaca a una ulteriore riflessione.

luigi di maio chiara appendino paola pisano luigi di maio chiara appendino paola pisano CHIARA APPENDINO CHIARA APPENDINO chiara appendino non si ricandida chiara appendino non si ricandida

 

Condividi questo articolo

politica

VOLETE SAPERE PERCHÉ I CLUB DI SERIE A CHIEDONO DI RIAPRIRE GLI STADI? NEGLI ULTIMI DUE CAMPIONATI, LE MANCATE ENTRATE DELLA VENDITA DEI BIGLIETTI AL BOTTEGHINO SONO GIÀ COSTATE 426 MILIONI AI CONTI DISASTRATI DELLE SOCIETÀ - IL PARADOSSO E' CHE IN ITALIA LE ENTRATE DA STADIO AIUTANO I BILANCI DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE MENO CHE IN ALTRI CAMPIONATI, DOVE LE ENTRATE LEGATE ALLO SFRUTTAMENTO DEGLI IMPIANTI SONO MAGGIORI - L'AD DELL'INTER, MAROTTA: "GLI INCASSI DA STADIO GARANTISCONO UN FLUSSO DI ENTRATE REGOLARE E PREZIOSO, DI CUI I CLUB NON POSSONO FARE A MENO…"