ZITTI E MOSCA -  MERCOLEDÌ AL SENATO SALVINI PARLERÀ (DOPO CONTE): PRENDERÀ LA PAROLA DAI BANCHI DELLA LEGA PER DARE LA SUA VERSIONE SUL CASO RUBLI - IL SEGRETARIO DELLA LEGA PROVERÀ A RUBARE LA SCENA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SOTTOLINEANDO LA DISTANZA CHE ORMAI SEPARA I DUE…

-

Condividi questo articolo

Giuseppe Alberto Falci per https://www.huffingtonpost.it

conte salvini conte salvini

 

Si materializzerà in Senato con il codazzo di cronisti ad inseguirlo fin alla porta dell’emiciclo. “Ministro, ministro, cosa dirà? Replicherà a Conte?”. Quando scoccheranno le 16 e 30 di mercoledì, a palazzo Madama, si consumerà questa scena. Non ci sarà, insomma, solo il premier Giuseppe Conte a riferire sull’affaire Metropol e sui presunti fondi che dal Cremlino sarebbero stati trasmessi alle casse del Carroccio.

conte salvini conte salvini

 

Quel giorno ci sarà anche a Matteo Salvini, il Capitano della Lega proverà a rubare la scena al presidente del Consiglio, si siederà nei banchi riservati alla Lega – così come ha fatto nel corso dell’ultima votazione sul taglio dei parlamentari. A dimostrazione della distanza del ministro dell’Interno dall’inquilino di palazzo Chigi.

 

La sua presenza sarà una risposta a chi in questi ultimi giorni lo ha accusato di non rispettare il Parlamento. Ecco, il Capitano risponderà alla chiamata. E a un certo punto si alzerà ed esternerà la sua difesa. Che ruoterà attorno al solito refrain che ripete da giorni: “Non abbiamo mai visto, né preso né chiesto soldi per il nostro partito all’estero. Leggo quasi con curiosità gli aggiornamenti quotidiani.

conte salvini conte salvini

 

E poi andrò a ripetere questo in Parlamento, non ho niente da temere”. E dell’ex consigliere Gianluca Savoini, sempre presente a tutti gli incontri al Cremlino, cosa dirà? Ammetterà che lo conosce e lo stima e soprattutto sottolineerà che di lui si fida. Non a caso, come ha raccontato nel corso dell’ultimo comizio a Barzago, che “in questi giorni gli ho un messaggio di vicinanza”. Basterà?

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ MATTEO SALVINI DEVE TOGLIERSI DALLA TESTA DI ANDARE ALLE ELEZIONI ANTICIPATE - PER IL POTERE MONDIALE È L’UOMO DA BRUCIARE. SE IN CAMPO INTERNAZIONALE SALVINI NON NE HA AZZECCATA UNA, RENDENDOSI INAFFIDABILE SIA PER PUTIN SIA PER TRUMP E ODIOSO PER L’UE, IN CASA HA DOVUTO ASSAGGIARE LE CONSEGUENZE DEL DEEP STATE CON IL TONFO AL SENATO - SCOMPARSI DI COLPO IL GRILLO DEL VAFFA E I DI MAIO/DI BATTISTA A BRACCETTO CON I GILET GIALLI, CON CONTE SUBITO ARRUOLATO NELLE FILE DI MERKEL E MACRON MANCO FOSSE UN MARIO MONTI...