COMMISSIONI IMPOSSIBILI - IL BARCELLONA DEVE PAGARE 23 MILIONI DI EURO AL FISCO SPAGNOLO - L'AGENZIA DELLE ENTRATE DEL PAESE CONTESTA AL CLUB CATALANO ALCUNE OPERAZIONI CON DEGLI AGENTI DEI CALCIATORI: "RISULTA CHE I PAGAMENTI EFFETTUATI DALLA SOCIETÀ SONO STATI EFFETTUATI IN NOME E PER CONTO DEGLI ATLETI, EFFETTIVI DESTINATARI DELLE PRESTAZIONI RESE DAGLI AGENTI, MENTRE RISULTA CHE…"

-

Condividi questo articolo


 

joan laporta, presidente del barcellona joan laporta, presidente del barcellona

(ANSA) - Il Barcellona rischia un salasso economico da quasi 23 milioni di euro, dopo che la giustizia spagnola ha confermato che il club deve versare tale somma al fisco in concetto di arretrati Irpef. Secondo una nota del tribunale dell'Audiencia Nacional, queste cifre corrispondono ad operazioni risalenti al periodo 2012-2015, e si riferiscono a prestazioni versate ad agenti dei giocatori.

 

xavi allenatore del barcellona 4 xavi allenatore del barcellona 4

"Dai fatti accertati dall'Ispettorato risulta che i pagamenti effettuati dalla Società sono stati effettuati in nome e per conto degli atleti, effettivi destinatari delle prestazioni rese dagli agenti, mentre risulta che gli agenti prestano un servizio commissionato dal Club o in rappresentanza del Club, fatto che non viene in alcun modo accreditato", recita la sentenza. "L'Ispettorato giunge alla conclusione che il rapporto instaurato tra il Barcellona e gli agenti serve esclusivamente a coprire pagamenti effettuati dal Club ai giocatori". Stando ai media iberici, questa risoluzione è passibile di ricorso, che il club ha già fatto sapere di voler presentare.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…