“IL PROBLEMA IN ITALIA È CHE LE REGOLE NON VALGONO PER TUTTI. E QUESTO HA FALSATO LA CLASSIFICA FINALE DELLO SCORSO CAMPIONATO DI SERIE A” – A UN MEETING DEL "FINANCIAL TIMES", IL PRESIDENTE DELLA FIORENTINA ROCCO COMMISSO HA ATTACCATO I NERAZZURRI – “C’ERANO ALCUNI CLUB CHE ERANO BEN LONTANI DAL RISPETTARE I REQUISITI NECESSARI DI LIQUIDITÀ. E UNO DI QUESTI HA VINTO IL CAMPIONATO. CHI NON RISPETTA LE REGOLE, DOVREBBE ESSERE PENALIZZATO IN CAMPIONATO”

-

Condividi questo articolo


Da www.ilnapolista.it

 

rocco commisso rocco commisso

Rocco Commisso protagonista di un meeting organizzato negli Stati Uniti dal Financial Times: “Bussines of sport US Summit’”. Da lì il presidente della Fiorentina ha attaccato l’Inter.

 

«Il problema in Italia è che le regole non valgono per tutti. E questo ha falsato la classifica finale dello scorso campionato di Serie A». Ha detto, dichiarazioni riportate da tuttomercatoweb.com.

 

la celebrazione dello scudetto interista la celebrazione dello scudetto interista

“Ogni sei mesi dobbiamo fornire dei dati sul rapporto di liquidità nel calcio italiano. Noi e altri club lo abbiamo fatto. Io ho sempre fatto il mio dovere: ho messo i soldi, il club non ha debiti, quindi se c’è bisogno di capitale, lo porto io dagli Stati Uniti. Altre società non l’hanno fatto.”

 

“C’erano alcuni club che erano ben lontani dal rispettare i requisiti necessari di liquidità. E uno di questi ha vinto il campionato. Successivamente hanno dovuto rettificare il rapporto di liquidità vendendo giocatori come Lukaku e Hakimi. Questo dopo la fine del campionato e non prima. Chi non rispetta le regole stabilite dalla Lega, dovrebbe pagarne le conseguenze, come essere penalizzato in campionato.”

 

COMMISSO COMMISSO

“Penso che i tifosi della Fiorentina siano favorevoli alle mie proposte sul fatto che le regole debbano rispettarle tutti. Penso a quello che succede in alcuni club europei, in cui i ricavi vengono fatti sparire per poter dire di rispettare le regole. Sono molto severo al riguardo, se ci sono delle regole, devono essere rispettate. Se non vengono rispettate, devono essere previste delle sanzioni”.

 

Condividi questo articolo

media e tv

UBI MAJOR, JALISSE CESSANT! ECCO COSA C’E’ DIETRO LA 25ESIMA ESCLUSIONE AL FESTIVAL DELLA COPPIA – “SIAMO NATI INDIPENDENTI, ABBIAMO APERTO LA NOSTRA PICCOLA CASA DISCOGRAFICA NEL 1992, QUANDO LE MAJOR NON ERANO INTERESSATE. ABBIAMO VINTO E SONO VENUTI TUTTI A BUSSARE ALLA NOSTRA PORTA, NOI PERÒ ABBIAMO SEMPRE VOLUTO MANTENERE IL NOSTRO PROFILO INDIPENDENTE E ANCHE QUEST'ANNO È STATO COSÌ. NON VOGLIO PENSARE PERÒ CHE SIA PER QUESTO, PERCHÉ…" - L'AUTO-IRONIA DEL PIDDINO GIANNI CUPERLO CHE SI PARAGONA AI JALISSE

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute