“SIAMO STUFI DI RICEVERE MINACCE DA CHI SCOMMETTE SUI NOSTRI MATCH” – PARLA RAUL BRANCACCIO, RIEMPITO DI INSULTI A NAPOLI DAGLI SCOMMETTITORI IN TRIBUNA (IL 26ENNE HA FINITO COL PERDERE COL FRANCESE HERBERT DOPO AVER AVUTO 7 MATCH-POINT) - “L’ATP DEVE MUOVERSI. RICEVIAMO MINACCE DI MORTE, ANCHE AI FAMILIARI E QUESTO È INTOLLERABILE E INAUDITO. MI HA FATTO UN GRAN PIACERE IL MESSAGGIO DI BERRETTINI. MI HA CONSOLATO PER LA SCONFITTA SCRIVENDOMI CHE…” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

 

Raul Brancaccio Raul Brancaccio

Raul Brancaccio, 26 anni, è il volto nuovo del tennis italiano ma per vicende tristi. È il tennista campano (di Torre del Greco) che al torneo di Napoli si è ritrovato parte del pubblico contro, lo hanno riempito di insulti perché avevano scommesso contro di lui. Ha finito col perdere col francese Herbert dopo aver avuto sette match-point. Ha pubblicato un suo sfogo su Facebook e oggi Repubblica lo ha intervistato. Ripercorre la vicenda e poi dichiara che quel che è successo a lui succede a tanti altri tennisti.

 

«Posso dire senza tema di smentita che noi tennisti siamo stanchi di ricevere minacce ogni giorno per colpa di questa gente che scommette sul game, sul punto, sul risultato, sul punteggio, sul servizio, sui game, sul numero dei punti fatti in un set, su quello totale, su tutto insomma e lo fa praticamente in diretta mentre assiste alla gara in corso in tribuna, con i telefonini, cosa che è assolutamente vietata. Non si può fare e invece si fa. Questo è uno sport di signori così diventa altro, devo ripetermi».

Raul Brancaccio Raul Brancaccio

 

 

Come arrivano le minacce?

«Sui social. Sia se vinci sia se perdi, non cambia. Dipende se hanno scommesso sul tuo successo o sulla tua sconfitta. Minacce di morte, anche ai familiari e questo per me è insopportabile, intollerabile e inaudito».

 

(...)

Dopo il suo post che reazioni ha avuto?

«Tanta, tantissima solidarietà».

 

 

In particolare?

RAUL BRANCACCIO 33 RAUL BRANCACCIO 33

«Mi ha fatto un gran piacere il messaggio di Matteo Berrettini. Mi ha consolato per la sconfitta scrivendomi che anche a lui è successo addirittura di non sfruttare ben 12 match point e mi ha invitato ad andare avanti e a non badare a quella gente che mi urlava contro perché col tennis non c’entra nulla. Ma l’Atp deve muoversi».

Raul Brancaccio Raul Brancaccio Raul Brancaccio Raul Brancaccio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”