PICCI AL SUGO DI BOMBER – “DUE MESI FA NON MI VOLEVA NEANCHE MIA MADRE”. PARLA IL NUOVO IDOLO DEL WEB, ANTONIO PICCI, ATTACCANTE DELLA VIGOR TRANI, SQUADRA DI ECCELLENZA PUGLIESE – DOPO UNO SPETTACOLARE GOL IN ROVESCIATA STILE CR7, IL BOMBER HA RILASCIATO UN’INTERVISTA DIVENTATA VIRALE SUL WEB: "HO DIMOSTRATO DI ESSERE IL PIÙ FORTE. LA RETE CHE HO SEGNATO NON SI VEDE IN SERIE C O IN SERIE D. SFIDO CHIUNQUE A DIMOSTRARE IL CONTRARIO" – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Da Corriere.it

PICCI PICCI

 

Il web ha reso Antonio Picci, attaccante della Vigor Trani, squadra di Eccellenza pugliese, uno dei personaggi più cliccati. Merito della sua splendida rovesciata, che è valsa il successo in rimonta sul Gallipoli. Tifosi tranesi e non si sono letteralmente scatenati sui social condividendo il video dell’acrobazia del loro bomber, paragonando il gesto balistico alla famosa rovesciata di Cristiano Ronaldo ai tempi del Real Madrid contro la Juventus, in Champions League.

 

PICCI PICCI

Dopo il triplice fischio il bomber biancoazzurro è stato protagonista di un altro video, che ha spopolato il web: questa volta è stata un’intervista, rilasciata dallo stesso attaccante ad una rete televisiva locale. Dichiarazioni infuocate del centravanti tranese, ma che ha suscitato molte risate su internet, dato che Picci affermava: «Sono felice perché so quello che ho passato, due mesi fa non mi voleva nessuno, neanche mia madre a casa». Il rilancio su alcune pagine Instagram tra le più popolari ha reso il video subito virale.

 

PICCI PICCI

«Ho dimostrato di essere il più forte, su questo non ci sono dubbi. Il gol che ho segnato non si vede in Serie C o in Serie D. Sfido chiunque a dimostrare il contrario». Parole che hanno fatto innamorare tutti: i tifosi tranesi che si godono le sue giocate e i naviganti del web per le sue dichiarazioni.

PICCI PICCI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

MELA AVVELENATA - APPLE È ACCUSATA DI SESSISMO PERCHÉ LA SUA CARTA DI CREDITO OFFRE LIMITI DIFFERENTI A UOMINI E DONNE: TUTTA COLPA DELL’ALGORITMO CHE FISSA I TETTI DEI PAGAMENTI - A SEGNALARLO È STATO UN IMPRENDITORE CHE SOSTIENE CHE GLI È STATO DATO UN LIMITE 20 VOLTE SUPERIORE ALLA MOGLIE. E IL CO-FONDATORE DI APPLE STEVE WOZNIAK HA CONFERMATO – LA RISPOSTA DI GOLDMAN SACHS, LA BANCA CHE GESTISCE LA CARTA: “LE NOSTRE DECISIONI SONO BASATE SULL’AFFIDABILITÀ CREDITIZIA” – VIDEO

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute