UNA "DEA" DA SBALLO - TRASCINATA DA ILICIC E PAPU GOMEZ, L’ATALANTA SUPERA LA FIORENTINA E VOLA IN FINALE DI COPPA ITALIA: IL 15 MAGGIO I NERAZZURRI SI GIOCHERANNO ALL’OLIMPICO IL TROFEO CONTRO LA LAZIO – I NERAZZURRI PER LA 4° VOLTA IN FINALE (VINTA NEL 1963 COL TORINO, PERSA NEL 1987 COL NAPOLI E NEL 1996 CON LA FIORENTINA) - I DELLA VALLE DEVONO INVECE RINVIARE LA CONQUISTA DEL PRIMO TROFEO DELLA LORO GESTIONE – LE PAROLE DI PERCASSI E GASPERINI - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Guglielmo Longhi per gazzetta.it

 

atalanta fiorentina papu gomez atalanta fiorentina papu gomez

E l'Atalanta, al quarto tentativo, ritrova la finale di Coppa Italia dopo averla vinta nel 1963 col Torino e persa nel 1987 col Napoli e nel 1996 con la Fiorentina. Lo fa superando proprio i viola in una partita complicata, cominciata male e finita in crescendo davanti a un pubblico impazzito.

 

Perché alla banda del Gasp in questo periodo sta riuscendo tutto bene e anche un gol preso dopo neanche tre minuti non provoca nessun effetto collaterale. I Della Valle devono invece rinviare la conquista del primo trofeo della loro gestione: il 15 maggio all'Olimpico in finale contro la Lazio ci sarà l'Atalanta.

atalanta fiorentina festa nello spogliatoio nerazzurro atalanta fiorentina festa nello spogliatoio nerazzurro

 

CHE INIZIO — Si comincia nel ricordo di Mino Favini, storico maestro del calcio giovanile nerazzurro (minuto di silenzio e striscione: "Educatore di campioni, con passione e umiltà") e si capisce in fretta che partita sarà. Pronti via e la Fiorentina è già avanti: Chiesa per Muriel che sfrutta la doppia indecisione di Masiello e Djimsiti e chiude il contropiede battendo Gollini in uscita. Gasperini ha lasciato in panchina Mancini, diffidato, e schiera Djimsiti con Masiello e Palomino in difesa: per l'albanese un inizio da incubo. Montella, invece, non rischia la difesa a 3 e punta sul 4-4-2, con la coppia Pezzella e Ceccherini che ha tolto il posto a Hugo a occuparsi di Zapata-Ilicic. Ma l'Atalanta assorbe il colpo a tempo di record, rischia (paratona di Gollini su Veretout) e dopo una decina di minuti pareggia: Ceccherini abbocca alla finta del Papu Gomez e lo butta giù in area. Ilicic fa 1-1 dal dischetto.

atalanta fiorentina atalanta fiorentina

 

atalanta fiorentina gasperini atalanta fiorentina gasperini

La partita ricomincia in quel preciso momento, lo spavento sembra trasformare l'Atalanta, che inizia a schiacciare i viola nella loro metà campo. In assenza di Zapata, un po' apatico, sono sempre i soliti noti a trascinare i nerazzurri: Gomez, schierato dietro le punte, arretra molto, più di quello che gli comporterebbero i gradi da trequartista e Ilicic, a destra, è libero di spaziare per non dare punti di riferimento. La Fiorentina cerca spazi che il pressing atalantino le chiude quasi sempre: Chiesa, fischiatissimo per le polemiche che si trascinano da mesi sulla presunta o reale fama di cascatore che si è guadagnato nella gara d'andata in campionato, prova un paio di contropiede, ma non è serata per il figlio d'arte. Al 37' si vedono i due esterni di Gasp: cross morbido di Castagne da destra e colpo di testa di Gosens che finisce di poco fuori.

atalanta fiorentina papu gomez atalanta fiorentina papu gomez

 

atalanta fiorentina percassi ilicic atalanta fiorentina percassi ilicic

ECCO IL PAPU — L'inizio del secondo tempo è uguale a quello del primo: Fiorentina pericolosa, gran palla di Muriel per Benassi, ma Gollini è bravo a chiudergli lo spazio in uscita. Poi è Masiello a sbrogliare una situazione pericolosa. L'Atalanta si riorganizza con una certa fatica e Gasp interviene: fuori l'annebbiato Freuler, dentro Pasalic che va a fare la mezzala sinistra, ruolo che non ama molto. Intanto Ilicic torna a ricamare calcio: assist per Zapata, angolo. Poi, al minuto 23, il gol che chiude la partita: tiro da fuori del Papu Gomez e goffo intervento di Lafont. La Fiorentina accusa il colpo: Chiesa vaga alla ricerca di se stesso, anche Muriel perde fiducia, e con lui il resto della Viola. Che ora deve tornare a un triste campionato che non ha più niente da dire.

ATALANTA GASPERINI ATALANTA GASPERINI gasperini gasperini gasperini alla mourinho gasperini alla mourinho

favini gasperini favini gasperini mino favini mino favini atalanta fiorentina papu gomez atalanta fiorentina papu gomez

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute