“IO SONO E SARO' ANCORA QUA. NON HO PIU’ LACRIME, MI SONO ROTTO LE PALLE DI PIANGERE” – MIHAJLOVIC PARLA DELLA MALATTIA, DEL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO E SI COMMUOVE: "SONO STATI 4 MESI E MEZZO TOSTI, SONO STATO RINCHIUSO IN UNA STANZA DI OSPEDALE, DA SOLO. NON MI SONO MAI SENTITO UN EROE MA UN UOMO CON TUTTE LE SUE FRAGILITÀ” – IL RINGRAZIAMENTO AI MEDICI E ALLA MOGLIE ("E' L'UNICA CHE HA PIU' PALLE DI ME") - LA SORPRESA DEI SUOI CALCIATORI CHE FANNO IRRUZIONE IN SALA STAMPA E LA INESORABILE BATTUTA DEL TECNICO: “FANNO DI TUTTO PER NON ALLENARSI”-VIDEO

Condividi questo articolo

 

Da repubblica.it

 

mihajlovic mihajlovic

In questi 4 mesi difficili ho conosciuto medici straordinari, infermieri che mi hanno curato, supportato e sopportato, perché so di avere un carattere forte, a volte difficili, ma sono stati meravigliosi con me. Ho capito subito di essere nelle mani giuste, senza di loro non avrei potuto fare questo percorso che secondo me è andato molto bene".

 

Lo ha detto Sinisa Mihajlovic, in conferenza stampa a Casteldebole, facendo il punto sulle sue condizioni di salute dopo il trapianto di midollo osseo a cui è stato sottoposto lo scorso 29 ottobre. "Sono stati quattro mesi e mezzo tosti, sono stato rinchiuso in una stanza di ospedale, da solo. Il mio più grande desiderio era di prendere una boccata d'aria fresca e non potevo farlo. Non mi sono mai sentito un eroe, ma un uomo, sì forte, con carattere, che non si arrende mai, ma sempre un uomo con tutte le sue fragilità. Queste malattie non si possono sconfiggere solo col coraggio ma anche con le cure. E voglio dire a tutti quelli che sono malati, di leucemia o di qualche malattia grave, che non devono sentirsi meno forti se non affrontano la malattia come l'ho affrontata io. L'unica cosa che non devono perdere mai è la voglia di vivere, di lottare".

mihajlovic mihajlovic

 

Affiancato dall'ad Claudio Fenucci ("Sono strafelice di averlo qui con noi e di averlo rivisto in campo con la tuta del Bologna") e accolto anche dalla squadra ("Dire che ci sei mancato è poco, siamo stracontenti che sei tornato. Grazie di essere tornato", le parole di Blerim Dzemaili a nome del gruppo), dopo aver 'rimproverato' i giocatori ("Ma non dovevano essere in campo ad allenarsi? Mi fanno sempre delle sorprese...Fanno di tutto per non allenarsi"), Mihajlovic ha voluto ringraziare tutti per "le dimostrazioni di vicinanza e affetto che ho sentito in questi ultimi 4 mesi. L'ultima volta ci siamo sentiti il 13 luglio, quando ho annunciato la mia malattia. Pensavo fosse giusto, dopo il percorso fatto, parlare qui assieme ai medici che mi hanno curato per spiegare il mio stato di salute e quello che si deve fare per il futuro".

 

 

mihajlovic mihajlovic

"Per noi il cerchio ancora non si è chiuso, abbiamo ancora bisogno di tempo per capire la risposta finale ottenuta, per cercare di monitorare Sinisa e le possibili complicanze. Ma siamo felici di averlo restituito in questa ottima forma a tutta la comunità" ha detto Michele Cavo, direttore del reparto di Ematologia del Policlinico Sant'Orsola. "Sin dall'inizio abbiamo tracciato la strada maestra, consapevoli del fatto che sarebbe stato un percorso complicato, con un caso clinico complesso da affrontare con professionalità e cautela - racconta affiancato dal tecnico serbo - E già dopo il primo ciclo abbiamo ottenuto la remissione completa". "Da non tifoso di calcio ho visto però un affetto trasversale che gli ha dato forza - ha aggiunto il professor Cavo - Sinisa ha sempre visto le cose in positivo e si è sempre fidato ciecamente di noi, anche quando i no gli stavano stretti si è adeguato".

mihajlovic mihajlovic

 

"C'è stato l'attecchimento del midollo osseo, un primo passo fondamentale senza il quale gli altri passi non possono succedersi. E c'è assenza di complicanze, che non è poco" ha spiegato Francesca Bonifazi, medico ematologo del Sant'Orsola. "Le condizioni sono soddisfacenti, il decorso post-operatorio è regolare ma occorre cautela. I primi 100 giorni sono i più delicati, il sistema immunitario è ancora molto fragile. Il ritorno alla vita normale avverrà gradualmente in funzione di tanti fattori, valuteremo di volta in volta la possibilità che Sinisa possa essere presente". La dottoressa Bonifazi precisa che "il bollino del guarito si può dare dopo cinque anni" ma già dopo due anni il rischio di recidiva è minimo.

mihajlovic mihajlovic sinisa mihajlovic e la moglie arianna sinisa mihajlovic e la moglie arianna

 

mancini mihajlovic gravina mancini mihajlovic gravina mihajlovic e la moglie arianna mihajlovic e la moglie arianna bologna lazio mihajlovic bologna lazio mihajlovic mihajlovic 19 mihajlovic 19 mihajlovic mihajlovic bologna lazio mihajlovic 7 bologna lazio mihajlovic 7 mihajlovic e la moglie mihajlovic e la moglie mihajlovic mihajlovic mihajlovic 19 mihajlovic 19 bologna lazio mihajlovic 2 bologna lazio mihajlovic 2 bologna lazio mihajlovic 3 bologna lazio mihajlovic 3 bologna per mihajlovic bologna per mihajlovic sinisa mihajlovic e la moglie arianna 8 sinisa mihajlovic e la moglie arianna 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute