ASTENERSI AEROFOBICI – SE SOGNATE DI VOLARE DA KATMANDU ALLA VOLTA DELL’EVEREST SAPPIATE CHE UN PASSAGGIO QUASI OBBLIGATO È L’AEROPORTO DI LUKLA, NELL’HIMALAYA NEPALESE, CONSIDERATO UNO DEI PIÙ PERICOLOSI AL MONDO – LO “SCALO” SI TROVA A 2.843 METRI DI ALTITUDINE E LA CONFORMAZIONE DEL TERRITORIO NON AIUTA: SE CI METTIAMO ANCHE LE INTEMPERIE ECCO CHE L’INCIDENTE È DIETRO L’ANGOLO… (VIDEO)

-

Condividi questo articolo

 

Da "www.fidelityhouse.eu"

 

aeroporto di lukla 1 aeroporto di lukla 1

Chi non sogna una vacanza alle pendici delle vette più alte e maestose del mondo?

Bene, per chi da Kathmandu volesse partire alla volta del monte Everest, un passaggio quasi obbligato è l’aeroporto di Lukla, nell’Himalaya nepalese, recentemente ribattezzato aeroporto di Tenzing-Hillary, in onore di Sir Edmund Hillary e dello sherpa Tenzing Norgay, che il 29 maggio del 1953 per primi arrivarono in cima agli 8.850 del monte Everest.

 

L’aeroporto di Tenzing-Hillary è considerato uno dei più pericolosi del mondo, e non c’è da stupirsi, visti i 2.843 metri di altitudine, l’orografia del territorio circostante e la conseguente “soggezione” dell’area a correnti e intemperie ben oltre la norma.

aeroporto di lukla 3 aeroporto di lukla 3

 

Ma nonostante questo, ogni giorno atterrano a Lukla una ventina di aerei carichi di alpinisti diretti sulla montagne, in particolare nella zona dell’Everest.

 

L’effetto è sicuramente spaventoso o perlomeno anacronistico, e la qualità del comfort dei servizi a terra non aiuta.

 

Inoltre, negli anni scorsi non sono mancati gli incidenti, come quello avvenuto l’8 ottobre 2008, in cui un DHC-6 Twin Otter 9N-AFE della Yeti Airlines precipitò durante la fase finale dell’atterraggio e s’incendiò, causando la morte dei sedici passeggeri e di due membri dell’equipaggio.

aeroporto di lukla 2 aeroporto di lukla 2

 

Solo il comandante riuscì a salvarsi dal disastro. In altre parole, uno scalo poco adatto alle persone deboli di cuore.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL DURO J’ACCUSE DI BATTISTA NEI CONFRONTI DEL M5s GOVERNATIVO DI DI MAIO – “ABBIAMO AVUTO PAURA. PAURA DI ATTACCARE LA LEGA SUI 49 MILIONI RUBATI, DI PRENDERE POSIZIONI SCOMODE SULL’UE, PAURA DI APPARIRE NOVELLINI. SIAMO DIVENTATI BUROCRATI RINCHIUSI 18 ORE AL GIORNO NEI MINISTERI MENTRE SALVINI AL MINISTERO NON C’ERA MAI" - "SIAMO SEMPRE STATI SFRONTATI DI FRONTE AL POTERE. ABBIAMO IL DOVERE DI ESSERLO ANCHE SE AL POTERE CI SIAMO NOI. NON ABBIAMO POLTRONE DA PERDERE. SONO GLI ALTRI I POLITICI DI PROFESSIONE, NON NOI…"

business

cronache

sport

ARRIVEDERCI ROMA! TOTTI FA IL CUCCHIAIO A PALLOTTA E BALDINI – L’EX CAPITANO NON CI STA PIU’ A FARE IL GAGLIARDETTO E SE NE VA “DA CASA SUA”: AVEVA PENSATO ANCHE A UN SALUTO ALL’OLIMPICO CON I TIFOSI – INSANABILI I CONTRASTI CON BALDINI, VERO DOMINUS DELLA ROMA, L’UOMO CHE LO TACCIO’ DI “PIGRIZIA” E POI GLI DISSE: “SONO STATO IO A FARTI RITIRARE” – NEL FUTURO DI TOTTI IL TESTIMONIAL DI EURO 2020 E UN RUOLO DA COMMENTATORE A "SKY"- DOMANI LA CONFERENZA AL CONI

cafonal

viaggi

salute