MAI SOTTOVALUTARE LE CONSEGUENZE DEL COVID – UN 19ENNE TEDESCO HA SVILUPPATO IL DIABETE INSULINO-DIPENDENTE DOPO AVER CONTRATTO IL CORONAVIRUS: IL RAGAZZO SI È PRESENTATO IN PRONTO SOCCORSO CON SINTOMI COME AFFATICAMENTO ANOMALO, SETE ECCESSIVA E DOPO ESSERE DIMAGRITO 12 CHILI – DAGLI ESAMI È EMERSO CHE IL PAZIENTE ERA POSITIVO AGLI ANTICORPI E…

-

Condividi questo articolo

Da "www.blitzquotidiano.it"

 

aghi diabete 4 aghi diabete 4

Un ragazzo di 19 anni si è presentato in pronto soccorso con sintomi come affaticamento anomalo, sete eccessiva e dimagrito di 12 kg. Aveva sviluppato la forma di diabete insulino-dipendente dopo aver contratto il Covid, seppur senza sintomi.

 

Inoltre i medici hanno notato alcuni parametri risultati stranamente diversi dalle forme comuni della malattia. E hanno poi scoperto dai controlli per Sars-CoV-2 che il ragazzo era positivo agli anticorpi, quelli che indicano un’infezione non recente. La vicenda, avvenuta a Kiel in Germania, è diventata un caso di studio.

covid covid

 

Dopo il Covid il diabete

La diagnosi di diabete mellito di tipo 1 (T1), è arrivata dopo una forma asintomatica di Covid-19, datata tra 5 e 7 settimane prima dell’ingresso in ospedale, e la cosa, spiega la rivista scientifica Nature Metabolism, fa riflettere perché “il nesso tra Covid e diabete non si può escludere”, affermano gli autori, un team dell’University Medical Centre Schleswig-Holstein.

insulina insulina

 

Diversi studi indicano possibili collegamenti tra Covid e diabete. Ma i dati non sono sufficienti per sostenere che l’infezione da coronavirus Sars-CoV-2 causi direttamente la malattia.

 

Neanche l’articolo pubblicato dai ricercatori stabilisce un nesso causale nel caso del ragazzo. Ma, suggeriscono, “l’infezione da Sars-CoV-2 potrebbe influenzare negativamente la funzione del pancreas umano, l’organo che controlla i livelli di zucchero nel sangue”.

 covid  covid

 

I sintomi da diabete dopo il Covid

Sempre secondo quanto scritto dagli esperti, il paziente ha mostrato i sintomi del diabete solo dopo l’infezione. 

“Gli alti livelli di emoglobina A1c del paziente – un marker che indica se i livelli di glucosio nel sangue erano più alti del normale – al momento della diagnosi”, sarebbe possibile che il paziente abbia sviluppato il diabete di tipo 1 recentemente, però prima di essere contagiato dal Covid.

 

I ricercatori spiegano però che la “chetoacidosi diabetica – una grave complicanza del diabete di tipo 1 quando il corpo produce un eccesso di acidi nel sangue – può causare livelli elevati di emoglobina A1c indipendentemente dalla durata del diabete” e che il paziente ha manifestato sintomi diabetici solo dopo l’infezione.

 

diabete diabete

L’articolo si conclude affermando che questo caso di studio “non indica che il Covid abbia causato il diabete in questo paziente, e la possibilità che egli possa aver avuto un diabete autoimmune di tipo 1 auto-anticorpo negativo in forma rara preesistente non può essere esclusa. Tuttavia, l’infezione da Sars-CoV-2 potrebbe influenzare negativamente la funzione pancreatica attraverso gli effetti diretti del virus sulle cellule beta”. 

covid nuovi contagi covid nuovi contagi covid nuovi contagi covid nuovi contagi covid nuovi contagi covid nuovi contagi covid nuovi contagi covid nuovi contagi

aghi diabete 3 aghi diabete 3 DIABETE 4 DIABETE 4 DIABETE  DIABETE  DIABETE DIABETE MICRO INFUSORE DIABETE 7 MICRO INFUSORE DIABETE 7 aghi diabete 5 aghi diabete 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

“CONTE? IO SONO UN SOSTENITORE DELL’ATTUALE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. NON NE VEDO DI MIGLIORI ALL'ORIZZONTE E QUINDI TUTTO SOMMATO….” - D’ALEMA SCATENATO AL PREMIO COLALUCCI – "IL CASO DIAWARA? QUI SIAMO OLTRE QUELLO CHE È ACCETTABILE. IL RESPONSABILE NE RISPONDA A SOCIETÀ E TIFOSI - DZEKO? SE A VERONA AVESSE GIOCATO, ALMENO SUL CAMPO AVREMMO VINTO" - GRAVINA: “IN OCCASIONE DI ITALIA-OLANDA A BERGAMO VORREMMO APRIRE OLTRE I MILLE SPETTATORI CONSENTITI” - I PREMIATI: FOTO

viaggi

salute