SCHIZOFRENIA DA CORONAVIRUS - IL BRASILE È UNO DEI PAESI PIÙ COLPITI (1,3 MILIONI DI CASI), MA IERI GLI 11 MORTI A BRASILIA HANNO FATTO SCATTARE LO STATO DI CALAMITÀ NATURALE, CON IL SINDACATO DEI MEDICI CHE PARLA DI ''COLLASSO DEL SISTEMA SANITARIO LOCALE''. MA CON UNA POPOLAZIONE DI 4,5 MILIONI DI PERSONE, IL TOTALE DI 548 DECESSI DALL'INIZIO DELLA PANDEMIA NON PARREBBE COSÌ DISASTROSO. SOLO NEL MESE DI MARZO SONO MORTE 6MILA PERSONE NELLA SOLA BERGAMASCA…

-

Condividi questo articolo

CORONAVIRUS BRASILIA CORONAVIRUS BRASILIA

 (ANSA) - In Brasile, il governo della capitale Brasilia ha decretato oggi lo stato di calamità pubblica di fronte all'aggravarsi della crisi dovuta alla pandemia di Covid-19, che, secondo il sindacato dei medici, ha provocato il collasso del sistema sanitario locale. Il decreto, firmato dal governatore Ibanes Rocha, consente di destinare tutte le risorse necessarie per affrontare la pandemia che ha causato la morte di 548 pazienti nel Distretto Federale che comprende la capitale, 11 avvenute questa domenica, riporta oggi la radio Cbn. Secondo quanto riferito, non ci sono più maschere per ossigeno per i pazienti ricoverati nell'ospedale da campo installato nello stadio Mané Garrincha.

 

JAIR BOLSONARO JAIR BOLSONARO

La capitale federale brasiliana, con 3 milioni di abitanti, ha registrato 2.139 infetti in 24 ore, portando il numero totale di contagi sul suo territorio a 44.950, secondo quanto riferito dal ministero della Salute domenica. Secondo le autorità, il 60% dei letti di terapia intensiva negli ospedali pubblici sono occupati e l'88% nei centri medici privati. Il presidente del Sindacato dei medici del Distretto federale, Gutemberg Fialho, ha dichiarato che "la situazione è fuori controllo".

 

 "Ci sono problemi nel trasferire i pazienti negli ospedali con sale di terapia intensiva, i decessi si moltiplicheranno se il governo non studierà la possibilità di dichiarare un lockdown", ha dichiarato. A Brasilia, come a San Paolo e Rio de Janeiro, è stata avviata la graduale revoca della quarantena nonostante il fatto che la pandemia non abbia ancora raggiunto il picco in Brasile, dove finora sono stati confermati 1.344.143 contagi di coronavirus e 57.622 morti.

CORONAVIRUS BRASILE CORONAVIRUS BRASILE coronavirus, fosse comuni a manaus in brasile 1 coronavirus, fosse comuni a manaus in brasile 1 jair bolsonaro jair bolsonaro

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute