ACQUISIZIONE DA TIFFANY - LVMH COMPRA L’ORO DELLA MAISON AMERICANA CON LO “SCONTO” DI 430 MILIONI - IL GRUPPO DEL LUSSO DI ARNAULT, CHE GIÀ POSSIEDE DIOR, LOUIS VUITTON, FENDI, BULGARI, CELINE, GIVENCHY E LORO PIANA, HA STACCATO UN ASSEGNO DA 15,8 MILIARDI DI DOLLARI - CON L’INGRESSO DEI FRANCESI, LASCIA IL MANAGER ITALIANO BOGLIOLO, CHE NEGLI ULTIMI TRE ANNI HA RILANCIATO IL GIOIELLIERE DI NEW YORK...

-

Condividi questo articolo

Maria Silvia Sacchi per il "Corriere della Sera"

 

bernard arnault bernard arnault

Tiffany è adesso ufficialmente parte della scuderia Lvmh, il gruppo del lusso di Bernard Arnault che già possiede marchi storici come Dior, Louis Vuitton, Fendi, Bulgari, Celine, Givenchy, Loro Piana e alcune altre decine tra abbigliamento, pelletteria, gioielleria, orologeria, ospitalità, vini pregiati e altro ancora per quasi 54 miliardi di ricavi nel 2019.

 

Per assicurarsi la maison americana, Arnault ha staccato un assegno da 15,8 miliardi di dollari (quasi 13 miliardi di euro ai cambi di ieri): 430 milioni in meno rispetto all' accordo iniziale, sottoscritto poco prima che il Covid irrompesse sulla scena mondiale, ma sempre la più importante acquisizione mai avvenuta nel lusso.

TIFFANY 5TH AVENUE NEW YORK TIFFANY 5TH AVENUE NEW YORK

 

Per arrivare allo «sconto» sul prezzo (131,5 dollari per azione anziché gli iniziali 135, riduzione approvata dal 99% degli azionisti) le due società hanno dovuto affrontare un contenzioso che le ha viste per un certo periodo impegnate persino in tribunale. Lo scorso ottobre la pace e ieri il passaggio definitivo.

 

ALESSANDRO BOGLIOLO ALESSANDRO BOGLIOLO

Con l'ingresso nel gruppo francese, Tiffany cambia il vertice. Lascia Alessandro Bogliolo, il manager italiano che negli ultimi tre anni ha rilanciato il gioielliere Usa e che proprio due giorni fa aveva ufficializzato vendite natalizie record, dopo già un terzo trimestre in ripresa nonostante la pandemia.

 

Anthony Ledru Anthony Ledru

Bogliolo resterà fino al 22 gennaio per assicurare il passaggio di consegne ad Anthony Ledru, vice-direttore generale responsabile delle attività commerciali globali di Louis Vuitton, che sarà il nuovo ceo. Per Ledru si tratta di un ritorno: aveva già lavorato per l'iconico marchio americano come senior vice president del North America. Presidente sarà Michael Burke, che aggiunge la carica a quella di amministratore delegato e presidente di Louis Vuitton.

 

Il rinnovo del vertice vede, però, soprattutto una discesa in campo più decisa della nuova generazione Arnault: Alexandre Arnault, 28 anni, terzogenito di Bernard, diventa, infatti, vice presidente esecutivo, con responsabilità su prodotto e comunicazione.

 

arnault lvmh arnault lvmh

Non è il suo primo incarico in una società del gruppo di famiglia, essendo stato fino a ieri amministratore delegato di Rimowa, società tedesca di valigeria della cui acquisizione è stato artefice, ma certo le dimensioni e la notorietà di Tiffany non sono paragonabili. Sarà lui a decidere se, nel caso, sarà necessario nominare un nuovo direttore creativo.

 

L'attuale, Reed Krakoff, esce dalla società nell'ambito degli accordi di rinnovo, insieme a Daniella Vitale, vicepresidente esecutiva e Chief Brand Officer. «Siamo fiduciosi nella capacità di Tiffany di accelerare la sua crescita, di innovare e di rimanere il marchio di gioielli più desiderabile», ha detto Bernard Arnault, ringraziando Alessandro Bogliolo e il suo team per «il lavoro svolto negli ultimi tre anni, soprattutto nel difficile periodo che il mondo sta attraversando».

 

Condividi questo articolo

business

COME MAI IL TITOLO DELLA CATENA DI VIDEOGIOCHI “GAMESTOP”, CHE NON SE LA PASSA BENISSIMO, HA FATTO +5000% IN UN MESE A WALL STREET? È TUTTO MERITO DI UN CANALE REDDIT CHE VUOLE FREGARE I COLOSSI DELLA SPECULAZIONE, SPECIALIZZATI NELLO SHORT SELLING, CON IL SUPPORTO DI ELON MUSK – È L’INIZIO DELLA RIVOLTA CONTRO L’ESTABLISHMENT O LA SOLITA BOLLA DI RAGAZZINI DESTINATA A SGONFIARSI? CHI SI RIBELLA AI MERCATI DI SOLITO FINISCE MALE, MA PER ORA LA BATTAGLIA LA STANNO VINCENDO...

L'ITALIA SPROFONDA E IL BANANA FA I QUATTRINI - OGGI SILVIO BERLUSCONI, CON UNA RICCHEZZA SALITA A QUASI 6 MILIARDI, HA ANCORA PIÙ SOLDI RISPETTO ALL’ULTIMA CLASSIFICA STILATA PRIMA DELLA PANDEMIA DA "FORBES", CHE LO HA DESCRITTO COME “COLUI CHE HA PORTATO IN ITALIA IL TELEFILM STATUNITENSE BAYWATCH” - IL TITOLO DI MEDIASET CHE VOLA IN BORSA NONOSTANTE LA GUERRA CON VIVENDI, GLI AFFARI CON MONDADORI E BANCA MEDIOLANUM: ALTRO CHE QUIRINALE, IL CAIMANO SI GODE IL PORTAFOGLI...