AUTO DA FÉ - LE ATTIVITÀ RUSSE DI RENAULT DA OGGI PASSANO ALLO STATO: LE AZIONI SONO STATE TRASFERITE AL GOVERNO DELLA CITTÀ DI MOSCA, E L’ISTITUTO STATALE DI RICERCA DEL SETTORE AUTOMOBILISTICO È DIVENTATO PROPRIETARIO DELLA PARTECIPAZIONE NELLA CASA RUSSA AVTOVAZ - L’ACCORDO È STATO APPROVATO DAL CDA DEL GRUPPO FRANCESE: SI PREVEDE UN’OPZIONE DI RIACQUISTO DA PARTE DEL GRUPPO RENAULT, ESERCITABILE NEI PROSSIMI 6 ANNI - L’AD, DE MEO: DECISIONE DIFFICILE MA NECESSARIA; STIAMO FACENDO UNA SCELTA RESPONSABILE NEI CONFRONTI DEI NOSTRI 45.000 DIPENDENTI IN RUSSIA…”

-

Condividi questo articolo


Luca De Meo DI RENAULT Luca De Meo DI RENAULT

1 - MOSCA, ATTIVITÀ RENAULT IN RUSSIA PASSANO ALLO STATO

(ANSA-AFP) - Le attività della casa automobilistica francese Renault in Russia sono da oggi di proprietà dello Stato russo: lo ha reso noto il ministero dell'Industria e del commercio di Mosca in un comunicato.

 

L'annuncio segue il ritiro della Renault dalla Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina. "Sono stati firmati accordi per il trasferimento di asset russi dal gruppo Renault alla Federazione Russa e al governo di Mosca", ha affermato il ministero nella nota.

RENAULT 15-Nazionale RENAULT 15-Nazionale

 

Le azioni di Renault Russia sono state trasferite al governo della città di Mosca e l'Istituto statale di ricerca nel settore automobilistico (NAMI) è diventato proprietario della partecipazione della Renault nella casa automobilistica russa Avtovaz. Lo riporta la Tass.

 

Il governo di Mosca ha adesso così il 100% delle azioni della Renault Russia, mentre una quota del 67,69% nella Avtovaz è passata al NAMI. La Avtovaz continuerà ad assemblare l'intera gamma delle auto Lada nei suoi stabilimenti e offrirà i servizi di manutenzione per le autovetture Renault in Russia.

 

renault nissan mitsubishi 1 renault nissan mitsubishi 1

2 - RENAULT:OPZIONE RIACQUISTO ATTIVITÀ RUSSE IN PROSSIMI 6 ANNI

(ANSA) -  Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Renault ha approvato all'unanimità la firma degli accordi per la cessione del 100% delle azioni in Renault Russia al Governo della Città di Mosca e della sua partecipazione del 67,69% in Avtovaz all'Istituto Centrale Ricerca e Sviluppo Automobili e Motori (Nami).

 

CORONAVIRUS RENAULT CORONAVIRUS RENAULT

L'accordo prevede un'opzione di riacquisto da parte del Gruppo Renault della propria partecipazione in Avtovaz, esercitabile in determinati momenti nei prossimi 6 anni. Come annunciato il 23 marzo, nei risultati del primo semestre 2022 dovrebbe essere registrato un onere di rettifica non monetario pari al valore contabile delle attività immateriali, degli immobili, degli impianti e dei macchinari consolidati e dell'avviamento del Gruppo in Russia.

 

renault renault

Al 31 dicembre 2021, tale valore ammontava a 2.195 milioni di euro. Di conseguenza, le attività russe saranno deconsolidate nel bilancio consolidato del Gruppo Renault per il semestre chiuso al 30 giugno 2022 e saranno contabilizzate come attività cessate.

 

Il Gruppo Renault conferma le prospettive finanziarie annunciate il 23 marzo 2022. Il Gruppo Renault presenterà, in occasione di un Capital Market Day che si terrà nell'autunno del 2022, le sue prospettive finanziarie e la sua strategia aggiornata, posizionando il Gruppo come un "attore di riferimento competitivo, tecnologico e sostenibile", è scritto in una nota.

 

3 - RENAULT: DE MEO, SU RUSSIA DECISIONE DIFFICILE MA NECESSARIA

Luca De Meo AD DI RENAULT Luca De Meo AD DI RENAULT

(ANSA) - "Oggi abbiamo preso una decisione difficile ma necessaria; stiamo facendo una scelta responsabile nei confronti dei nostri 45.000 dipendenti in Russia, preservando le performance del Gruppo e la nostra capacità di tornare nel Paese in futuro, in un contesto diverso".

 

Così l'amministratore delegato di Renault, Luca de Meo. "Sono fiducioso - aggiunge - nella capacità del Gruppo Renault di accelerare ulteriormente la sua trasformazione e di superare gli obiettivi a medio termine".

 

EMMANUEL MACRON RENAULT EMMANUEL MACRON RENAULT

 

Condividi questo articolo

business

LA VEDO NERA - UN SONDAGGIO TRA 750 CEO AMERICANI NON LASCIA SCAMPO: IL 60% VEDE UNA RECESSIONE IN ARRIVO ENTRO 18 MESI E IL 15% RITIENE CHE SIA GIÀ IN ATTO NELLA PRINCIPALE AREA DOVE OPERANO - IL FONDO MONETARIO RIVEDE AL RIBASSO LE STIME DI CRESCITA DEL PIL USA (DAL 3,7 AL 2,9%) DOPO CHE IL PRESIDENTE DELLA FED POWELL AL CONGRESSO AVEVA DEFINITO LA FRENATA ECONOMICA “UNA POSSIBILITÀ” – NEGLI USA CALANO I PERMESSI PER LE NUOVE ABITAZIONI, LE VENDITE AL DETTAGLIO ARRETRANO, LE FAMIGLIE PAGANO I DEBITI CON DIFFICOLTA’, AUMENTANO LE RICHIESTE DI SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE E SI SUSSEGUONO GLI ANNUNCI DI LICENZIAMENTI DAI GRANDI GRUPPI