LE BUONE INTENZIONI SI SCONTRANO CON LE CATTIVE AMMINISTRAZIONI – LA CORTE DEI CONTI AVVERTE CHE L’ESECUZIONE DEL PNRR POTREBBE ESSERE PIÙ DIFFICOLTOSA DEL PREVISTO: “RESTANO DIFFICOLTÀ NOTEVOLI NELLA CAPACITÀ DI SPESA DELLE SINGOLE AMMINISTRAZIONI, A DIMOSTRAZIONE DEL FATTO CHE UNA MAGGIORE DISPONIBILITÀ ED UN MAGGIOR IMPIEGO DI RISORSE NON CORRISPONDONO AUTOMATICAMENTE A REALI CAPACITÀ DI SVILUPPO…”

-

Condividi questo articolo


MARIO DRAGHI URSULA VON DER LEYEN MARIO DRAGHI URSULA VON DER LEYEN

(ANSA) - Le amministrazioni centrali dello Stato hanno reagito positivamente al primo impatto con il Pnrr, con il conseguimento pressoché totale degli obiettivi previsti dal Piano ma l'attenzione sulla sua esecuzione resta particolarmente elevata e il giudizio complessivo sul 2022 potrà aversi solo a fine anno.

 

burocrazia burocrazia

Lo afferma la Corte dei Conti sottolineando che restano "difficoltà notevoli nella capacità di spesa delle singole amministrazioni, a dimostrazione del fatto che una maggiore disponibilità ed un maggior impiego di risorse non corrispondono automaticamente a reali capacità di sviluppo".

burocrazia italiana burocrazia italiana mario draghi ursula von der leyen mario draghi ursula von der leyen

 

Condividi questo articolo

business

I DELLA VALLE FANNO L'OPA MA I SOLDI LI METTONO LE BANCHE – INCASSATO L'OK DELLA CONSOB LUNEDÌ LA FAMIGLIA DELLA VALLE FARÀ PARTIRE UN’OPA A 40 EURO AD AZIONE PER IL DELISTING DI TOD’S – L’OPERAZIONE AVRÀ UN COSTO DI 388 MILIONI E, A COPERTURA DEL FABBISOGNO FINANZIARIO, LA HOLDING DELLA VALLE HA SOTTOSCRITTO UN PRESTITO CON BNL, CREDIT AGRICOLE E DEUTSCHE BANK PER 420 MILIONI DI EURO - IL DELISTING PORTERÀ ALLA CREAZIONE DI PIÙ SOCIETÀ AD HOC PER CONTROLLARE I SINGOLI MARCHI...