CHI SI PUPPA MPS? LA BANCA SENESE È TORNATA COMPETITIVA E ATTRAENTE, COME DIMOSTRA LA VENDITA DEL 12,5% DEL CAPITALE DI MARTEDÌ: IL 60% DEL MONTE È IN MANO A ISTITUZIONI GLOBALI CON POSIZIONI “LUNGHE”, MA MANCA ANCORA UN PARTNER PER UN’ACQUISIZIONE – GLI INDIZIATI RESTANO I SOLITI: BANCO BPM, BPER E UNICREDIT, CHE HANNO SEMPRE NEGATO INTERESSE. LO SCENARIO ALTERNATIVO? L’ACQUISTO DI UNA QUOTA SOTTO IL 20%, SUL MODELLO UNIPOL-BPER…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Rinaldi per il “Corriere della Sera”

 

LUIGI LOVAGLIO MONTE DEI PASCHI DI SIENA LUIGI LOVAGLIO MONTE DEI PASCHI DI SIENA

È una schiera di una novantina di investitori, per la maggior parte esteri quella che nella giornata di martedì ha comprato il 12,5% del capitale del Monte dei Paschi di Siena dal Ministero dell’Economia, sceso così al 26,73% della banca senese incassando 653 milioni.

 

[…] Ha risposto il mercato globale, con una vivace presenza di fondi dal Regno Unito, che da solo avrebbero sottoscritto il 51% dell’offerta, dagli Stati Uniti (34%), con gli italiani che hanno fatto la loro parte comprando il 10%. Investitori di qualità la cui domanda ha superato peraltro di 3,3 volte l’offerta. Alcuni avevano già partecipato alla prima tranche: da Wellington, a Toscafund, Marshall Wace, Norges, poi Kairos, Soros Capital ed Helikon.

GIANCARLO GIORGETTI - QUESTION TIME ALLA CAMERA GIANCARLO GIORGETTI - QUESTION TIME ALLA CAMERA

 

Da quanto emerge, il 40% sono investitori di lungo percorso, il 60% circa sono hedge ma che su Siena hanno preso posizioni «lunghe». Sono tutti internazionali, un termometro che segna la fiducia nel Paese e l’appetibilità di una banca che marcia a pieno regime e che è tornata a macinare utili e a soddisfare gli azionisti con la distribuzione con due anni di anticipo del dividendo.

 

giuseppe castagna giuseppe castagna

Proprio ieri la Bce ha dato il via libera alla proposta di una cedola di 0,25 euro per un totale di 315 milioni che l’istituto guidato dal ceo Luigi Lovaglio verserà a maggio. «L’operazione di ieri dimostra che — a meno di un pretendente chiaro — il miglior compratore è il mercato», dice un banchiere di lungo corso. Dai tempi dell’aumento la mappa degli investitori nel capitale di Siena è cambiata.

 

andrea orcel andrea orcel

Oggi oltre il 60% del Monte è in mano a istituzionali globali. […] L’uscita o meno del Mef da Siena dipenderà dalle intenzioni strategiche delle altre banche italiane o da eventuali sollecitazioni dell’esecutivo nei loro confronti.

 

Gli indiziati non sono cambiati: da Banco Bpm a Bper fino a Unicredit che però hanno sempre negato un interesse per Siena. In queste giornate di calcoli e proiezioni gli analisti azzardano scenari. Gli esperti di Barclays stimano che uno scenario alternativo potrebbe contemplare l’acquisto di una quota sotto il 20%, un po’ sul modello di Unipol con Bper e Sondrio. Se fosse Unicredit ad acquisire Mps, il governo non deterrebbe più quote perché, stima il mercato, l’operazione avverrebbe in contanti.

AZIONARIATO E CONTI DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA AZIONARIATO E CONTI DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA

 

Ma anche nel caso ipotetico in cui Bper e Banco Bpm dovessero farsi avanti, la quota implicita dello Stato sarebbe limitata, facile da dismettere. Nel caso di un merger Unicredit-Mps il nuovo gruppo dovrebbe forse cedere quasi 300 sportelli, dice Barclays, pari all’8,1% delle filiali, sulla base di precedenti casi all’attenzione dell’Antitrust. Con le altre due banche la quota si dimezzerebbe.

MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)