CHI DI SPECULAZIONE FERISCE, DI SPECULAZIONE PERISCE – DIETRO AL TRACOLLO IN BORSA DI DEUTSCHE BANK, VENERDÌ SCORSO, POTREBBE ESSERCI UNA MANONA CHE HA VENDUTO A TERMINE AZIONI DELL’ISTITUTO, DOPO AVER FATTO MAN BASSA DI CREDIT DEFAULT SWAP DEI SUOI TITOLI SUBORDINATI – LE AUTORITÀ EUROPEE STANNO INDAGANDO - ANDREA ENRIA, PRESIDENTE DELLA VIGILANZA BCE: “I CDS SONO UN MERCATO TROPPO OPACO, CON POCHI MILIONI PUOI MUOVERE GLI SPREAD E CONTAMINARE IL PREZZO DELLE AZIONI DI UNA GRANDE BANCA, E MAGARI ANCHE..."

-

Condividi questo articolo


Andrea Greco per “la Repubblica”

 

deutsche bank 3 deutsche bank 3

Il massacro borsistico di Deutsche Bank di venerdì pare legato a una scommessa da 5 milioni di euro sui credit default swap dei suoi titoli subordinati. Si tratta di polizze che proteggono dal fallimento (qui dei bond) spesso usate per speculare. Perché sono illiquide e opache.

 

Le autorità europee provano a capire se qualcuno abbia venduto a termine azioni della banca tedesca dopo averne comprato Cds sui bond, attizzando un rogo che ha bruciato in Borsa 1,6 miliardi a Deutsche Bank e oltre 30 al settore europeo.

 

andrea enria large andrea enria large

«I Cds sono un mercato troppo opaco, con pochi milioni puoi muovere gli spread e contaminare il prezzo delle azioni di una grande banca, e magari anche i deflussi dei suoi depositi», ha ammesso Andrea Enria, presidente della vigilanza Bce.

 

Presto il Fsb, che riunisce le autorità di mercato globali, potrebbe provare a esigere più trasparenza a questi strumenti. Ma più che fare inseguire ai regolatori l’ennesima manipolazione di mercato, è la politica che dovrebbe riprendersi la scena. Per stabilire se la progressione geometrica di tecnologie e capitali resti compatibile con i crismi di un mercato che dovrebbe indicare i prezzi corretti e veicolare fondi all’economia reale.

IL MARZO NERO DELLE BANCHE EUROPEE IL MARZO NERO DELLE BANCHE EUROPEE deutsche bank 1 deutsche bank 1 deutsche bank deutsche bank deutsche bank 2 deutsche bank 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...