CI SONO AIUTI E AIUTI – LO STATO TEDESCO HA VENDUTO L’ULTIMA QUOTA DI LUFTHANSA, CHE AVEVA COMPRATO NEL 2020 PER SALVARE LA COMPAGNIA, E CI HA PURE GUADAGNATO 764 MILIONI! – NOI ITALIANI INVECE ABBIAMO SPESO INUTILMENTE 13 MILIARDI NELL'ALITALIA IN 47 ANNI. E NON CI ABBIAMO RICAVATO NIENTE...

-

Condividi questo articolo


Paolo Stefanato per “il Giornale”

 

lufthansa lufthansa

Strane asimmetrie. Il Germania lo Stato tedesco esce dal capitale di Lufthansa, che torna a essere completamente privata, e per giunta ci guadagna. In Italia il governo ha creato Ita sulle ceneri di Alitalia, la sta finanziando con cifre a nove zeri e ora, costretta dall'Ue a privatizzarla, cede solo il 50% più un'azione e mantiene poteri strategici e di veto facendo pensare a una privatizzazione mutilata.

 

CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA

La notizia, che già era nell'aria, è che lo Stato tedesco ha venduto l'ultima quota ancora in suo possesso del capitale di Lufthansa: nell'estate del 2020 aveva acquistato il 20% delle azioni per sostenere la compagnia di fronte alle difficoltà provocate dal Covid.

 

In quell'occasione il governo federale aveva investito 306 milioni di euro impegnandosi a vendere la partecipazione entro ottobre 2023. Altri prestiti e finanziamenti erano già stati restituiti nel novembre 2021, anch' essi in anticipo; ora le 74,4 milioni di azioni cedute a 6,11 euro, pari al 9,92% del capitale, hanno portato il ricavo totale dello Stato a 1,07 miliardi: una semplice sottrazione (1,07 miliardi meno 306 milioni) permette di evidenziare la plusvalenza realizzata da Berlino nell'operazione 764 milioni di euro.

CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA 1 CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA 1

 

Un esempio virtuoso, insomma, che ha permesso alla compagnia grazie a una buona gestione, di risollevarsi dalla crisi più devastante della sua storia e al contribuente - esplicitamente ringraziato ieri dal ceo della società, Carsten Spohr - di guadagnarci: ha dell'incredibile.

 

Intanto in Italia Ita, creata dal governo dopo il fallimento di Alitalia con un percorso definito dalla Commissione europea, si trova a misurarsi con tutte le difficoltà di una start-up e con l'obbligo di diventare privata entro l'anno: altrimenti il denaro che il governo italiano è stato autorizzato a investire (in tutto 1,35 miliardi di cui 720 milioni già versati) verrà considerato aiuto di Stato.

 

CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA

Ma la cultura economica italiana, soprattutto quella più influenzata dalla politica, è diversa da quella tedesca: là per privatizzare si vende tutto mentre qui per privatizzare si vende la metà più un'azione così lo Stato le cui azioni non si contano ma si pesano continua a indirizzare le scelte, dando all'operazione le sembianze di una via di mezzo, di una decisione ibrida presa per barcamenarsi tra le segreterie dei partiti.

 

Anche la scelta, non ancora definitiva, di un fondo finanziario come acquirente mostra quasi una volontà di non confrontarsi con una major del settore (ricordiamo che il ruolo di Air France-Klm e di Delta insieme a Certares è puramete commerciale).

aereo lufthansa aereo lufthansa

Lufthansa proprio quella che ha fatto guadagnare i contribuenti tedeschi aveva avanzato una sua proposta insieme al colosso dello shipping Msc ma non è stata preferita nonostante il suo piano industriale apparisse solido e affidabile.

 

Lufthansa sciopero Lufthansa sciopero

Da osservare che il governo tedesco avrebbe ceduto la sua quota secondo da fonti tedesche tra gli altri a Klaus-Michael Kuene, l'uomo più ricco di Germania (33,4 miliardi di patrimonio), salito così al 17,5%, anch' egli imprenditore nel settore trasporti, esattamente come Gianluigi Aponte di Msc.

piloti lufthansa piloti lufthansa

 

Condividi questo articolo

business

LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

TENERE IN PIEDI L'UCRAINA COSTA TROPPO ALL'OCCIDENTE. LA PACE È SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI – IL GOVERNO DI KIEV SPENDE 5 MILIARDI AL MESE SOLO PER PAGARE STIPENDI E PENSIONI. DENARO CHE IN QUESTI MESI È STATO SGANCIATO DA USA E EUROPA (ANCHE SE CON ESTREMA LENTEZZA, TANTO CHE ZELENSKY S'È LAMENTATO CON BRUXELLES). MA NON SARA' POSSIBILE FINANZIARE L'UCRAINA A LUNGO – DOPO IL CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE DI META' OTTOBRE E LE ELEZIONI DI MIDTERM AMERICANE, ASSESTATI I DUE BLOCCHI GEOPOLITICI, SARA' IL CASO DI INTAVOLARE SERIAMENTE UNA TRATTATIVA DI PACE...