COME MAI DONNARUMMA NON È ANCORA STATO NOMINATO ALLA GUIDA DI CDP VENTURE CAPITAL? - IL MANAGER PREDILETTO DA GIORGIA MELONI, FATTO FUORI DALLA CORSA IN ENEL, È STATO DESIGNATO UFFICIALMENTE DA FAZZOLARI, MA ANCORA ASPETTA. COME MAI? INNANZITUTTO NON C’È ANCORA ACCORDO SUGLI EMOLUMENTI. POI C’È LA QUESTIONE DELL’OPPORTUNITÀ DI UN PASSAGGIO “INFRAGRUPPO” TRA DUE SOCIETÀ CONTROLLATE DALLA CASSA. E INFINE C’È IL DOSSIER TIM…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Michele Arnese per www.startmag.it

 

STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA

Oggi Cdp darà il via libera alla nomina di Stefano Donnarumma alla guida di Cdp Venture Capital, sgr controllata da Cassa depositi e prestiti e partecipata da Invitalia (ministero dell’Economia). Così il 18 aprile hanno scritto i giornali.

 

[…] La nomina di Donnarumma alla guida di Cdp Venture Capital al posto dell’amministratore e direttore generale, Antonio Resmini, era già stata preannunciata dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Giovanbattista Fazzolari, in una intervista al Corriere della sera: “Guiderà Cdp Capital Venture. Incarico di grande prestigio e responsabilità”, aveva detto il sottosegretario vicinissimo a Meloni, parlando il giorno dopo le nomine, a proposito del futuro dell’ex amministratore delegato di Terna.

 

STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA

Eppure il comitato nomine di Cdp e il successivo cda della Cassa per la sostituzione di Resmini con Donnarumma nel consiglio di Cdp Venture Capital, non si sono più tenuti.

 

Che cosa è successo?

 

Due le ipotesi che filtrano da fonti del dicastero dell’Economia: non c’è ancora accordo sugli emolumenti per Donnarumma e si sta vagliando il passaggio di Donnarumma fra una società (Terna) partecipata al 29,85% da Cdp Reti, a una società (Cdp Venture Capital) controllata al 70% da Cdp. Un passaggio di fatto infragruppo – secondo alcune tesi che circolano fra i tecnici del Tesoro – e che deve essere ben vagliato e approvato anche per evitare potenziali rilievi della Corte dei Conti.

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Chi sta per incassare una liquidazione da Terna (6 milioni di euro?) può andare un attimo dopo al vertice di un’altra società del gruppo Cassa depositi e prestiti come Cdp Venture Capital?, ci si chiede nei corridoi del Mef.

 

C’è infine una terza ipotesi, che ambienti del governo ritengono più probabile: la questione è stata prorogata dagli organismi della Cassa perché tuttora i vertici di Cdp sono impegnati sull’intricato dossier Tim.

 

Ci sono in queste ore, peraltro, voci di mossa al sapore di Opa da parte di Vivendi con fondi e banche su Tim. E il governo Meloni darà il via libera ai francesi di Bolloré consegnando loro tutta l’ex Telecom Italia? Si vedrà.

STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...