IL COVID AZZERA LE VISITE AI MUSEI VATICANI, PRINCIPALE FONTE DI ENTRATE PER LA SANTA SEDE, E MANDA IN ROSSO IL BILANCIO DEL VATICANO: DEFICIT A 53 MILIONI - IL PAPA COSTRETTO A UNA SEVERA SPENDING REVIEW: SI INDAGA ANCHE SUGLI APPALTI PER SAN PIETRO…

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Paolo Rodari per “la Repubblica”

 

musei vaticani musei vaticani

Il deficit previsto nel 2020 è di 53 milioni, anche se potrebbe peggiorare a causa del Covid. Francesco aveva lavorato sodo per contenere le spese. Aveva bloccato le assunzioni e messo in campo un monitoraggio sulle uscite di ogni dicastero. Ma la pandemia ha stravolto i piani e ha portato ancora una volta il bilancio della Santa Sede in rosso. Per oltre due mesi la principale fonte di entrate, le visite ai Musei Vaticani, è stata nulla. […]

fila musei vaticani 1 fila musei vaticani 1

 

IL CALO DEGLI ULTIMI ANNI

La situazione del bilancio è peggiorata dopo il 2015. In quell’anno il deficit fu solo di 12,4 milioni. Poi è cresciuto. I motivi sono molteplici. Anzitutto il calo dei trasferimenti da parte delle diocesi ricche degli Stati Uniti alle prese con i colossali risarcimenti alle vittime di abusi sessuali. […]

 

Condividi questo articolo

business

GRILLO FA IL VENTRILOQUO DI CONTE – LA NUOVA USCITA DI BEPPE-MAO SULLA RETE UNICA NON È UNO SFOGO, MA UN MANIFESTO CONCORDATO CON IL GOVERNO. O MEGLIO, CON LA PARTE GUIDATA DA CONTE E PATUANELLI CHE VUOLE UN PASSO INDIETRO DI TIM DALLA GESTIONE DELLA SOCIETÀ DELLA FUTURA RETE UNICA (FRACCARO CHE DICE?) – L’IDEA È COSTRINGERE TELECOM A FAR TRAMONTARE LA VENDITA DELLA QUOTA A KKR. LA NUOVA SOCIETÀ, CON DENTRO OPEN FIBER E FASTWEB, SI FINANZIEREBBE SUL MERCATO E DEVE AVERE COME PRIMO AZIONISTA CDP (GRILLO DIXIT)