DAGOREPORT: COSA FRULLA NELLA TESTA DI ORCEL? – A PIAZZA AFFARI SI SUSSURRA CHE IL NEO-BOSS DI UNICREDIT VOGLIA PUNTARE LE SUE FICHES PRIMA SUL BANCO BPM, PER POI PRENDERSI MPS O UNA PARTE – ORCEL È INGOLOSITO DALLA “DOTE” DA OLTRE 5 MILIARDI (DTA), MA ANCHE DALLE “FABBRICHE PRODOTTI” DI BPM, DI CUI UNICREDIT È SGUARNITA DOPO LA (S)VENDITA DI PIONEER E FINECO BY MUSTIER – INTELLIGENCE SULLA SCELTA DI ORCEL DELLA CINESE JINGLE PANG - DIVERSITA' DI VEDUTE TRA TONONI E CASTAGNA - LO SMEMBRAMENTO DI MPS E IL VOTO PER IL SEGGIO DI SIENA DESTINATO A ENRICO LETTA

-

Condividi questo articolo


andrea orcel di unicredit andrea orcel di unicredit

DAGOREPORT

Cosa frulla nella testa di Orcel? Nell’attesa del risiko che infiammerà Piazza Affari si sussurra che il neo-boss di Unicredit voglia puntare prima le sue fiches sul Banco BPM, risanato da Giuseppe Castagna, per poi prendersi MPS (o una parte del disgraziato istituto senese).

 

GIUSEPPE CASTAGNA GIUSEPPE CASTAGNA

Il boccone per Orcel è goloso perché incorporando Banco Bpm potrebbe accaparrarsi una “dote” di oltre 5 miliardi di incentivi fiscali, legati alla trasformazione delle cosiddette D.T.A., le imposte attive differite, in crediti di imposta.

 

MASSIMO TONONI GIUSEPPE CASTAGNA MASSIMO TONONI GIUSEPPE CASTAGNA

Un'altra buona ragione per Orcel per sferrare l'attacco alla banca guidata da Castagna è che l’istituto ha in sé le cosiddette “fabbriche prodotti”, che Unicredit non ha più. Mustier ha infatti svenduto Pioneer e Fineco, e la banca di Piazza Gae Aulenti ha dovuto rinunciare ai due gioiellini della gestione fondi e dell’online banking.

 

Orcel sa che è stato un errore, e qui casca a fagiolo BPM, che ha al suo interno competenze in grado di supplire alle carenze lasciate da Mustier, come Akros, specializzata nelle attività Corporate e investimenti e Aletti, la private bank del gruppo che si occupa di gestione.

monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena

 

Il presidente di Banco BPM Massimo Tononi vedrebbe di buon occhio l’operazione, che invece viene vista con scetticismo dall’amministratore delegato Castagna, che finirebbe nell’ombra del ciuffo brizzolato di Orcel.

 

margrethe vestager margrethe vestager

E MPS? La commissaria europea Margrethe Vestager è stata fin troppo chiara con il Tesoro italiano: va trovato uno sposo entro l’anno. Ma il timore di Orcel è di appesantire troppo le strutture già indebolite dalla gestione del suo predecessore: con Banco BPM si accaparrerebbe una banca piccola, sì, ma solida e efficiente (senza considerare il fatto che è una public company, e dunque non ha grandi azionisti). A quel punto Unicredit potrebbe cedere e accollarsi una parte del Monte dei Paschi.

 

enrico letta piercarlo padoan enrico letta piercarlo padoan

Anche la politica guarda con preoccupazione quello che può succedere a Siena: il Partito Democratico vuole candidare il segretario Letta per il seggio alla Camera della città toscana, lasciato vacante proprio dal nuovo presidente di Unicredit, Piercarlo Padoan. Enrichetto per ora tentenna, anche perché un’operazione brutale sulla banca più antica del mondo avrebbe giocoforza delle ripercussioni sul voto.

Mustier Mustier

 

Intanto, in attesa del risiko, Orcel ha altre grane per la testa. Ha cambiato le prime linee in Unicredit, e ha assunto, per guidare la neonata divisione “Digital and Information”, la manager cinese Jingle Pang.

JINGLE PANG JINGLE PANG

PIERCARLO PADOAN CON ELKETTE DI UNICREDIT PIERCARLO PADOAN CON ELKETTE DI UNICREDIT banca akros banca akros

 

Problema: Pang ha lavorato per molti anni in Cina, prima alla China Construction Bank, poi alla Standard Chartered Bank e infine in “Ping An”, dove ha guidato la transformazione digitale del gruppo assicurativo in una fintech di grande successo, e la sua esperienza nella terra del Dragone ha attirato sospetti, dubbi e attenzione, anche negli ambienti dell’Intelligence, non solo italiana.

banca aletti banca aletti Andrea Orcel Andrea Orcel IL QUARTIER GENERALE UNICREDIT A MILANO IL QUARTIER GENERALE UNICREDIT A MILANO

 

MASSIMO TONONI MASSIMO TONONI JINGLE PANG 2 JINGLE PANG 2 massimo tononi massimo tononi MONTE DEI PASCHI MONTE DEI PASCHI

 

 

Condividi questo articolo

business

MONTE DEI DEMOCRATICI DI SIENA – I GROVIGLI, I DISEGNI E LE LITI DELLA SINISTRA SU MPS: L’ISTITUTO È SEMPRE STATO TELE-GUIDATO DALLA POLITICA, PRIMA DAL PCI, POI DAL PDS E INFINE DAL PD – LA FOTO DI MUSSARI E AMATO CHE GUARDANO IL PALIO DALLA FINESTRA, L’ACQUISTO DI BANCA 121 NEL COLLEGIO DI D’ALEMA, IL DISASTRO ANTONVENETA, LA NOMINA DI PROFUMO E L’EX MINISTRO DELL’ECONOMIA PADOAN, DIVENTATO PRESIDENTE DI UNICREDIT (CHE ORA SI VUOLE PAPPARE SIENA…) – IL SINDACO DE MOSSI: "CITTÀ NON RIMANGA SUPINA. NON SIAMO AL SUPERMERCATO"

GENERALI, SEGNATEVI QUESTA DATA: LUNEDÌ 27 SETTEMBRE. QUEL GIORNO, IL BOARD DELLA COMPAGNIA TRIESTINA È CONVOCATO PER DECIDERE SE FARE O MENO UNA “LISTA DEL CDA”, IN VISTA DEL RINNOVO DEI VERTICI PREVISTO AD APRILE 2022. I SOCI FORTI (CALTAGIRONE, DEL VECCHIO E BENETTON) PREMONO PER UN CAMBIAMENTO IMMEDIATO DEL MANAGEMENT. IN ATTESA DI SAPERE CHE COSA FARÀ IL FANTASISTA NAGEL (CON MEDIOBANCA ASSEDIATA DAGLI ARZILLI CALTA E DEL VECCHIO), LA RICONFERMA DI DONNET RESTA POSSIBILE MA TUTT'ALTRO CHE SCONTATA