DONNE, OLTRE ALLE GAMBE C’E’ DI PIÙ (I SOLDI) – L’ITALIA E’ IL QUARTO PAESE AL MONDO PER NUMERO DI DONNE MILIARDARIE (19): PRIMA DI NOI STATI UNITI, CINA E GERMANIA – LA PIU’ RICCA E’ MASSIMILIANA LANDINI ALEOTTI CON 7,5 MILIARDI DI DOLLARI DI PATRIMONIO, SEGUE MIUCCIA PRADA (5,6 MILIARDI). AL TERZO POSTO L'EX MOGLIE DI LEONARDO DEL VECCHIO, NICOLETTA ZAMPILLO, CON 4,5 MILIARDI - OCCHIO A MARINA BERLUSCONI, CHE POSSIEDE BENI PER 1,9 MILIARDI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Rinaldi per il “Corriere della Sera”

 

Massimiliana Landini Aleotti Massimiliana Landini Aleotti

Top manager, azioniste di controllo, imprenditrici, capitane d’azienda. Hanno avuto intuito nel business, hanno disegnato una strategia, guidano imperi, anche dinastici: sono le donne italiane che per queste loro doti si sono rivelate non solo imprenditrici, ma anche tra le più ricche.

 

A scoprirlo è l’International Women’s Day study di City Index analizzando l’ultima classifica di Forbes, che segna comunque il primato degli Stati Uniti, dove risiede il più alto numero di donne miliardarie, 97, il doppio di quelle cinesi, 42. L’Italia con 19 esponenti viene subito dopo la Germania, 22, ma addirittura prima dell’India, 15.

 

Al primo posto nel Belpaese con 7,5 miliardi di dollari di patrimonio spicca Massimiliana Landini Aleotti, proprietaria assieme ai figli Lucia e Alberto Giovanni dell’azienda farmaceutica Menarini, cresciuta al rango azienda leader italiana dal defunto marito Alberto Aleotti.

 

 

miuccia prada miuccia prada

Poco distante segue con 5,6 miliardi la stilista Miuccia Prada, depositaria e continuatrice dello storico marchio di moda tra gli emblemi del Made in Italy, che giovedì presenterà i conti del 2023, dopo un 2022 chiuso con 4,2 miliardi di euro. Dopo il pharma e il fashion, ancora il lusso con Essilorluxottica: a pari merito ecco con 4,5 miliardi Nicoletta Zampillo, seconda e poi quarta moglie del fondatore Leonardo Del Vecchio; e le due figlie di lui, avute dalla prima moglie Paola Nervo, Marisa e Paola.

 

La prima è responsabile del Museo degli Occhiali di Agordo dove è nata Luxottica nel 1961, la seconda ha scritto vari libri sul museo e sulla storia dell’occhialeria. Staccata da oltre un miliardo c’è la donna che con un maglione giallo regalato al fratello Luciano diede il via alla storia di Benetton group: Giuliana Benetton, sorella anche di Gilberto e Carlo, titolare di beni per 3,3 miliardi, e già socia di maggioranza di uno dei 4 veicoli dietro alla holding di famiglia Edizione.

 

nicoletta zampillo ai funerali di leonardo del vecchio nicoletta zampillo ai funerali di leonardo del vecchio

Manifattura e beverage City Index in Italia ha scovato anche Susan Carol Holland, una ricchezza di 3,2 miliardi di dollari, che dopo aver iniziato la carriera come logopedista al Policlinico di Milano è arrivata a presiedere Amplifon, il big di apparecchi acustici creato a Milano nel 1950 dal padre Algernon Charles Holland.

 

Dopo farmaceutica, lusso, moda, hi-tech è la volta di un altro alfiere dell’italianità, la manifattura: a rappresentarla Isabella Seragnoli, filantropa, mecenate nonché riservata presidente e azionista unico di Coesia, multinazionale bolognese che assomma una ventina di aziende di packaging e soluzioni industriali.

LEONARDO DEL VECCHIO MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO LEONARDO DEL VECCHIO MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO

 

Nelle sue mani anche 3,2 miliardi, al pari di Alessandra Garavoglia, che con il fratello Luca controlla il 54% di Campari, e dove siede nel board. Scorrendo il report i cognomi si ritrovano: è il caso di Marina Prada, sorella di Miuccia, azionista di minoranza con il fratello Alberto della società che controlla la holding titolare del marchio.

MARINA SILVIO BERLUSCONI MARINA SILVIO BERLUSCONI

 

O di Sabrina (1,8 miliardi) e Barbara Benetton (1,5 miliardi), figlie di Gilberto e socie di Regia, uno degli altri veicoli con cui la famiglia di Ponzano Veneto controlla Edizione. Prima di loro, però, dall’alto dei suoi 2 miliardi di patrimonio c’è Maria Franca Fissolo, vedova dell’inventore della Nutella, Michele Ferrero, che conobbe lavorando in azienda come segretaria e interprete; oggi è molto attiva ad Alba con iniziative culturali e benefiche attraverso la fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero.

 

Tra queste donne ve n’è una che sta assumendo un ruolo sempre più rilevante ed è Marina Berlusconi, primogenita dell’ex premier che oggi presiede Mondadori e la cassaforte di famiglia Fininvest da cui discendono anche Mfe- MediaforEurope (di cui è consigliera) e Banca Mediolanum. È verosimile pensare che le sue fortune si aggirino intorno agli 1,9 miliardi. […]

marina berlusconi assemblea confindustria 2 marina berlusconi assemblea confindustria 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)