DRAGHI FINISCE NELLA TENAGLIA STAMPA-MONETA DI BERNANKE-KURODA – LA PROPOSTA TEDESCA DI UN’EUROPA A PIU’ STRATI

Le Banche centrali di Stati Uniti e Giappone continuano a stampare soldi mentre la Bce resta (ferma) nel mezzo – Berlino lavora ad un riassetto federale a partire dalle finanze e dalla vigilanza bancaria sotto la Bce – I paesi del sud, Italia compresa, staranno in una fascia intermedia di questa Europa a più strati? - - -

Condividi questo articolo


Stefano Cingolani per "Il Foglio"

ben bernanke-mario draghi-tim geithnerben bernanke-mario draghi-tim geithner

"L'inflazione? Semmai è un po' troppo bassa". La dichiarazione di Ben Bernanke, ieri di fronte al Congresso, deve aver fatto ribollire il sangue a Jens Weidmann, presidente della Bundesbank che domenica scorsa, in un'intervista alla Bild, aveva messo in guardia dai rischi inflazionistici di un costo del denaro vicino a zero e di un eccesso di liquidità. Le due sponde dell'Atlantico non potrebbero essere più lontane.

Banchieri Centrali Shirakawa Bernanke Trichet Draghi KingBanchieri Centrali Shirakawa Bernanke Trichet Draghi King

La Federal Reserve continuerà a stampare moneta e aspetta di leggere gli ultimi dati sulla congiuntura prima di decidere se rallentare il Quantitative easing; l'exit strategy però non sembra vicina e le Borse salgono. La Banca del Giappone si muove sulla stessa linea, ma è più radicale. Ieri il governatore Haruhiko Kuroda ha confermato la politica ultraespansiva, che sta avendo effetti molto efficaci sia sulla finanza sia sulla produzione (l'ha confermato anche Bernanke). Tra l'uno e l'altro sta Mario Draghi, presidente Bce.

Haruhiko Kuroda governatore della banca centrale giapponeseHaruhiko Kuroda governatore della banca centrale giapponese

Nonostante le resistenze tedesche, ha seguito una politica accomodante e ha detto che continuerà a farlo. Nemmeno in Europa ci sono problemi d'inflazione, qui la disoccupazione è troppo alta e, a differenza dagli Stati Uniti, l'economia resta in recessione.

Ieri si è riunito il consiglio direttivo Bce, ma eventuali decisioni di politica monetaria verranno prese il 6 giugno. Il governo tedesco, intanto, alla vigilia del mini vertice europeo su evasione fiscale ed energia, ha continuato ad agitare le acque con la sua proposta di riforma dei trattati.

ANGELA MERKELANGELA MERKEL

Berlino vuole un'unificazione delle politiche fiscali come pendant e sostegno dell'Unione bancaria; vuole procedere verso un assetto federale cominciando dalle finanze e dalla vigilanza bancaria sotto la Bce. La Bce, così, sarebbe affiancata da un eurogruppo trasformato. E' una sfida anche per i paesi del sud, Italia compresa: sono pronti a entrare o staranno in una fascia intermedia di questa Europa a più strati?

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)