UN ESTATE AL VERDE – IL SONDAGGIO DI ANTONIO NOTO: UN ITALIANO SU TRE È CONVINTO CHE FINIRÀ I PROPRI RISPARMI AD AGOSTO! – I DATI HORROR SULL’ECONOMIA: PER IL 40% DEGLI ITALIANI IL CONTRACCOLPO FINANZIARIO DEL VIRUS È ELEVATO. SOLO IL 26% DICE CHE FARÀ UNA VACANZA DI ALMENO UN GIORNO, MENTRE 6 SU 10 RINUNCERANNO ALLE FERIE…

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Antonio Noto* per “il Sole 24 Ore”

* Direttore Noto Sondaggi

 

coronavirus poverta' 18 coronavirus poverta' 18

La crisi economica e quella sanitaria proseguono in maniera diacronica. Se il trend degli indicatori Covid lascia ben sperare, di tutt' altro tenore invece sono i dati che si riferiscono alla percezione della crisi economica. È ancora impossibile stimare ciò che accadrà nel futuro, ma la fotografia attuale del portafoglio degli italiani è davvero impietosa.

ANTONIO NOTO ANTONIO NOTO

 

Solo per 4 percettori di reddito su 10 la propria situazione economica non è cambiata, ma il 16% ha già registrato mancati ricavi pari ad oltre la metà dei compensi rispetto a quanto riceveva prima del lockdown e un ulteriore 20% lamenta la diminuzione delle proprie entrate nell'ordine del 30%: insomma per circa quattro italiani su 10 il contraccolpo finanziario è elevato.

 

Perdita di reddito, più colpite le donne

coronavirus poverta' 15 coronavirus poverta' 15

Sono le donne ad aver subìto una maggiore perdita dei ricavi durante questo periodo, probabilmente perché avevano più degli uomini un lavoro precario e, quindi, non hanno potuto godere di ammortizzatori sociali.

 

economia sommersa Italia economia sommersa Italia

Bisogna comunque costatare che il meccanismo di sostegno al reddito, per quanto basilare in termini di aiuti economici, già di per sé preveda una diminuzione dello stipendio mediamente attorno al 20-30%.

 

Gli effetti delle mancate entrate si riflettono immediatamente non solo su una diminuzione dei consumi, ma spesso anche sulla capacità di far fronte a spese essenziali di sostentamento. Per esempio, con il perdurare della crisi il 30% del campione degli italiani intervistati da Noto Sondaggi per Il Sole 24 Ore teme di avere a breve difficoltà per pagare le spese per la casa, dalla rata del mutuo al canone di affitto o del condominio.

coronavirus poverta' 3 coronavirus poverta' 3

 

Il 32% è preoccupato di non poter sostenere le spese mediche, mentre il 34% ha già ridotto in maniera drastica gli acquisti non alimentari e il 20% già dichiara di consumare meno cibo. Fondi personali in via di esaurimento Proiettando la propria situazione economica ai prossimi mesi, l'11% dice di avere già consumato tutti i risparmi e quindi non potrà più attingere ai fondi personali.

 

A questi si aggiunge un ulteriore 17% secondo il quale le proprie riserve termineranno tra luglio ed agosto, mentre il 17% ha autonomia finanziaria fino a dicembre e il 16% almeno per un altro anno. In generale, quindi si può dire che la criticità ricade in circa la metà dei percettori di reddito che a breve o entro fine anno teme di trovarsi in difficoltà.

 

Niente vacanze e prospettive cupe per il futuro

coronavirus vacanze 1 coronavirus vacanze 1

Anche le prossime vacanze saranno condizionate dall'emergenza economica e sanitaria. Infatti, solo il 26% stima che trascorrerà tra luglio e settembre almeno una notte fuori casa per turismo. E tra chi invece rinuncia (58%) la motivazione prioritaria è quella economica (37%) rispetto a quella sanitaria (29%).

 

Per avere un dato di confronto di quanto i flussi turistici siano in netta flessione, basti pensare che nell'estate 2019 il 40% degli italiani ha trascorso almeno una notte fuori casa per turismo. D'altronde le aspettative per il futuro non sono rosee, anche se la maggiore preoccupazione sembra essere più per la tenuta dell'Italia che per la propria situazione economica.

i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 19 i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 19

 

Infatti, il 62% vede avvicinarsi un periodo di forte crisi per la nazione, mentre si abbassa al 46% la quota di chi pensa che la "forte crisi" si rifletterà sulla propria situazione economica. Gli ottimisti al momento sono marginali: solo il 7% crede nella ripresa immediata del Paese e l'11% in quella delle proprie finanze. E questo si rifletterà inevitabilmente nella minore propensione agli acquisti ed agli investimenti.

recessione coronavirus recessione coronavirus coronavirus vacanze 2 coronavirus vacanze 2 bonus vacanze bonus vacanze coronavirus poverta' 4 coronavirus poverta' 4 coronavirus vacanze coronavirus vacanze

 

 

povertà povertà coronavirus poverta' 10 coronavirus poverta' 10 coronavirus poverta' 11 coronavirus poverta' 11 nuove povertà nuove povertà povertà povertà nuove povertà nuove povertà coronavirus poverta' 12 coronavirus poverta' 12 coronavirus poverta' 14 coronavirus poverta' 14 coronavirus poverta' 17 coronavirus poverta' 17 coronavirus poverta' 7 coronavirus poverta' 7 coronavirus poverta' 6 coronavirus poverta' 6

 

Condividi questo articolo

business

IL MATTINO HA DORIS IN BOCCA – PENSIERI, PAROLE, OPERE E MISSIONI DI ENNIO DORIS: “MI SERVIVANO CAPITALI ENORMI, APPROFITTAI DI UN VIAGGIO A GENOVA PER PORTARE MIA MOGLIE A PORTOFINO. SUL PORTICCIOLO VIDI BERLUSCONI CHE PARLAVA CON UN PESCATORE CHE STAVA RIPARANDO LE RETI E...” – “NON ABBIAMO MAI LITIGATO, È TROPPO BUONO E PER LUI L’AMICIZIA HA UN VALORE ASSOLUTO” – LE SCODELLE DI CAFFELATTE, I SUDOKU E L’AMORE MONOGAMO PER LINA: "'UN PO' TI INVIDIO', MI RIPETE SEMPRE BERLUSCONI. 'HAI TROVATO SUBITO LA DONNA GIUSTA'"

SOTTO LA BANCA - LADY MORATTI CI TIENE ALLA SUA PRESIDENZA DI UBI, FA IL COMPITINO SUL ‘’CORRIERE’’ E NON TROVA DI MEGLIO CHE ESALTARE LE AGGREGAZIONI “AMICHEVOLI E CONCORDATE”. QUELLE DOVE MAGARI SI CONTINUAVA A NASCONDERE LA POLVERE SOTTO I TAPPETI DELLE CAYMAN NELLE FINANZIARIE OFFSHORE TIPO PARVUS? OPPURE QUELLE OPERAZIONI FATTE ATTRAVERSO UBI INTERNATIONAL, FINO ALL'ESPLOSIONE DELLO SCANDALO DEI PANAMA PAPERS CHE HA COSTRETTO UBI A VENDERE LA SUA DIVISIONE LUSSEMBURGHESE?– TANTO CHE CI SIAMO, PERCHÉ LADY MESTIZIA NON CHIARISCE IL RUOLO DELLA SARAS, LA SOCIETÀ PETROLIFERA DEI MORATTI CHE HA FATTO OPERAZIONI SUL GREGGIO ''ESTERO SU ESTERO'' ATTRAVERSO UBI?