FINALMENTE UN’OPERAZIONE INDUSTRIALE MADE IN ITALY: LA BOFFI RILEVA IL 100% DELLA DE PADOVA CREANDO UN COLOSSO ITALIANO NELL’ARREDAMENTO - LA FAMIGLIA DE PADOVA NON PRENDE SOLDI MA IL 7,5% DELLA NUOVA SOCIETÀ

La De Padova era bisognosa di spalle più forti per ritrovare la crescita, soprattutto all’estero dove potrà contare sul network dei 20 negozi di Boffi che in 80 anni ha puntato su Usa ed Europa - De Padova, 7 milioni di ricavi e uno showroom a Milano, si unirà al traino di Boffi e dei suoi 66 milioni di fatturato...

Condividi questo articolo


Roberto Gavazzi Roberto Gavazzi

Daniela Polizzi per il “Corriere della Sera”

 

È stato un corteggiamento durato tre anni e ieri si è concluso con uno dei matrimoni di maggior fama nell’industria del design. Da una parte Roberto Gavazzi, l’imprenditore della Boffi, icona dei sistemi per bagni e cucine. Dall’altra Luca De Padova, erede di Maddalena e Fernando De Padova che cinquant’anni fa iniziano la propria attività importando mobili e oggetti scandinavi che venivano venduti nello showroom di Milano.

 

Luca De Padova Luca De Padova

Ieri gli imprenditori lombardi hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per l’integrazione delle due società. Boffi rileverà il 100% della De Padova dalla famiglia che a sua volta diventerà socia al 7,5% della stessa Boffi. Nessun versamento di denaro, solo uno scambio azionario che porterà alla nascita di una realtà di matrice italiana nel design, con forti radici familiari. «Volevamo estendere l’attività all’arredamento — spiega Gavazzi, ad di Boffi che assumerà lo stesso ruolo in De Padova — ma volevamo farlo con l’acquisizione di un marchio di pregio».

De Padova arredamento De Padova arredamento

 

L’occasione l’ha fornita l’azienda milanese che da qualche anno esplorava l’apertura del capitale a fondi di private equity o a gruppi internazionali del mestiere che avrebbero portato il marchio sotto le insegne di una proprietà straniera. Obiettivo, rilanciare un’attività diventata storica grazie ad architetti come Achille Castiglioni, Vico Magistretti e Dieter Rams.

 

Ma bisognosa di spalle più forti per ritrovare la crescita, soprattutto all’estero dove potrà contare sul network dei 20 negozi di Boffi che in 80 anni ha puntato su Usa ed Europa. De Padova, 7 milioni di ricavi e uno showroom a Milano, si unirà al traino di Boffi e dei suoi 66 milioni di fatturato. Obiettivo: «Arrivare a 100 milioni in quattro anni — spiega Gavazzi — mantenendo i due marchi separati». Luca De Padova conserverà la carica di presidente e diventerà vicepresidente di Boffi. Assieme svilupperanno una piattaforma integrata di arredo e design.

Boffi cucine Boffi cucine

 

Boffi cucine Boffi cucine

 

 

Condividi questo articolo

business

HAI CAPITO ROCCO BASILICO: IL FIGLIASTRO DI LEONARDO DEL VECCHIO, CHE HA APPENA EREDITATO IL 12,5% DI “DELFIN”, È FIDANZATO CON LA BONISSIMA SONIA BEN AMMAR, FIGLIA DEL FINANZIERE FRANCO-TUNISINO TARAK – CLASSE 1999, LEI FA LA MODELLA E LA CANTANTE, E HA PRESTATO IL SUO VOLTO ANCHE PER LE CAMPAGNE DI LANCIO DEGLI OCCHIALI RAY-BAN O DI ALTRE GRIFFE DELLA FAMIGLIA ACQUISITA – GLI STUDI IN CATTOLICA, L’INGRESSO IN AZIENDA E I RAPPORTI CON ZUCKERBERG: IL CURRICULUM DEL 32ENNE NEO-MILIARDARIO

CHE SUCCEDE CON L’INGRESSO DI ROCCO BASILICO IN DELFIN? – IL FIGLIASTRO DI DEL VECCHIO AVRÀ IL 12,5% DELLA HOLDING DEL PAPERONE DI AGORDO: COME I SEI FIGLI DEL FONDATORE DI LUXOTTICA (E SUA MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO) – GLI OTTO EREDI LITIGHERANNO SULLE STRATEGIE DI GESTIONE DELLE MOLTE PARTECIPAZIONI? SÌ, MA POTRANNO FARE POCO: LA REGOLA DELL’88% DEI VOTI IMPONE L’UNANIMITÀ PER OGNI DECISIONE IMPORTANTE. CON IL RISCHIO, EVIDENTE, CHE LA SOCIETÀ RIMANGA INGESSATA DAI VETI