LA FRUTTA FA MALE – UNA DECINA DI BANCHE PAGA CARO IL SALVATAGGIO DEL GRUPPO ORSERO, IMPORTATORI DI ANANAS E BANANE – I DEBITI SONO ARRIVATI A QUOTA 270 MILIONI, ALCUNI SARANNO CONVERTITI IN AZIONI

Il gruppo ligure ha appena chiuso un accordo di ristrutturazione del debito con le banche. Le più esposte sono la solita Carige (112 milioni), Intesa Sanpaolo (43,5 milioni) e Unicredit (23,6). Ritorno all’utile previsto solo a partire dal 2018…

Condividi questo articolo


Andrea Giacobino per www.andreagiacobino.wordpress.com

 

ORSERO ORSERO

Costa moltissimo a dieci banche italiane salvare i loro crediti ad ananas e banane.
E’ stato infatti appena depositato l’“Accordo di ristrutturazione del debito” che riguarda Gf Group, il colosso italiano che importa e distribuisce prodotti di ortofrutta. La situazione del gruppo che fa capo alla famiglia ligure degli Orsero, basati a Savona, è diventata critica negli ultimi mesi perché il debito consolidato è salito a oltre 270 milioni. Denari che dieci istituti di credito hanno erogato a pioggia alle 25 società che costituiscono Gf Group, tra i quali le principali sono Fruttital e Simba.


La ristrutturazione costerà cara ai creditori che sono Mps, Bnl, Intesa Sanpaolo, Banco Popolare, Banca Popolare di Sondrio, Banca Popolare di Vicenza, Banca Carige, Unicredit, Cari Savona e Banca Regionale Europea. L’istituto più esposto è Carige per 112,2 milioni, seguito da Intesa Sanpaolo (43,5 milioni) e Unicredit (23,6 milioni).

ORSERO ORSERO

 

Le banche hanno accettato di ristrutturare il debito secondo quattro diverse modalità relative alle tranche di debito A (68,7 milioni), B (30 milioni), C (53 milioni), D (40 milioni) e E (71 milioni). Nel dettaglio le linee di credito a breve saranno mantenute per Fruttital e Simba mentre due altre controllate (Gf Distribuzione e Gf Produzione) vedranno le banche concedere agli Orsero una moratoria sul rimborso delle quote di capitale dei fidi a lungo termine tra fine 2016 e fine 2020.


Non è finita qui per le banche che hanno erogato troppo credito. Dovranno molto probabilmente convertire in azioni di Gf Group un’emissione di strumenti finanziari partecipativi pari a 42 milioni, appena varata dal board della società degli Orsero. Che per parte loro mettono nel salvataggio solo 16 milioni.

ORSERO ORSERO

 

E’ la formula già usata per salvare la Carlo Tassara di Romain Zaleski: l’imprenditore blasonato non fallisce e pagano il conto – diventando azioniste – quelle banche che lo hanno generosamente finanziato. Last but not least: il corposo Piano Industriale redatto da Bain & Company per il salvataggio e asseverato dall’esperto Franco Carlo Papa prevede che Gf Group torni in utile solo nel 2018. Per soli 253.000 euro.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”