IL GIGANTE MORIBONDO - DEUTSCHE BANK È A RISCHIO PER I DERIVATI E ORA IL SUO CAPO-ECONOMISTA CHIEDE UN PIANO DA 150 MILIARDI PER STABILIZZARE LE BANCHE EUROPEE. ''OPPURE POTREBBE ESSERCI UN INCIDENTE'' - MERKEL-SCHAEUBLE SONO BRAVISSIMI A FARE (SOLO) L'INTERESSE TEDESCO. LO ASCOLTERANNO?

All' Eurogruppo di oggi, i ministri delle Finanze della zona euro si concentreranno sulla Brexit e le possibili sanzioni contro Spagna e Portogallo per i loro deficit eccessivi. Nell'agenda dell' Ecofin di domani è invece prevista una discussione sull' unione bancaria ma, con l' Italia che chiede un' eccezione alle regole attuali...

Condividi questo articolo

David Carretta per ''Il Messaggero''

 

john cryan deutsche bank john cryan deutsche bank

LA RIUNIONE

Conseguenze della Brexit sulla situazione economica della zona euro, sanzioni a Spagna e Portogallo per non aver rispettato il Patto di stabilità, lotta alla frode fiscale: ufficialmente la situazione delle banche italiane non è nell' agenda di Eurogruppo e Ecofin, ma i colloqui tra i ministri delle Finanze dell' Unione Europea potrebbero rivelarsi decisivi nel momento in cui proseguono i negoziati tra l' Italia e la Commissione per cercare di stabilizzare gli istituti di credito.

i credit default swap di deutsche bank dal 2011 a oggi i credit default swap di deutsche bank dal 2011 a oggi

 

«Le discussioni vanno avanti», ripetono da giorni fonti dell' esecutivo comunitario. Ricapitalizzazione preventiva di diverse banche, salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, misure per affrontare il problema dei Non Performing Loans (i crediti deteriorati, ndr): sono diverse le opzioni esplorate dal Tesoro e dall' Antitrust europeo utilizzando le eccezioni al bail-in in caso di «grave perturbazione dell' economia di uno Stato membro» e rischio per «la stabilità finanziaria».

 

data data

La Commissione è pronta ad usare un certo grado di flessibilità sulle nuove regole del bail-in al fine di non colpire i risparmiatori, ma insiste affinché i grandi investitori subiscano perdite in caso di salvataggio pubblico. Ma alcuni paesi Germania e Olanda in testa insistono per preservare il principio del bail-in.

 

La preoccupazione è evidente: «Seguiamo l' evoluzione delle azioni bancarie italiane», ha spiegato una fonte dell' Eurogruppo. Toccherà al ministro dell' Economia, Pier Carlo Padoan, rassicurare e al contempo cerca di convincere i partner e la Commissione a fare altre concessioni, giocando sulle prese di posizione della Banca Centrale Europea e del Fondo Monetario Internazionale e sfruttando la debolezza di altri paesi.

merkel schaeuble germania merkel schaeuble germania

 

La tedesca Deutsche Bank è a rischio per i derivati. Il suo capo-economista David Folkerts-Landau ha chiesto un piano da 150 miliardi per stabilizzare il sistema bancario europeo. «L' Europa è estremamente malata e deve iniziare a affrontare i suoi problemi velocemente, oppure potrebbe esserci un incidente», ha avvertito Folkerts-Landau in un' intervista alla Welt am Sonntag.

 

IL DIBATTITO

All' Eurogruppo di oggi, i ministri delle Finanze della zona euro si concentreranno sulla Brexit e le possibili sanzioni contro Spagna e Portogallo per i loro deficit eccessivi. Il dibattito sull' uscita del Regno Unito riguarderà le «conseguenze» economiche, mentre non c' è ancora un' intesa su una «risposta» comune, ha spiegato la fonte dell' Eurogruppo.

Jens Weidmann e Angela Merkel Jens Weidmann e Angela Merkel

 

Su Madrid e Lisbona, la Commissione vorrebbe azzerare la multa, ma i paesi rigoristi insistono affinché ci siano sanzioni per preservare la credibilità del Patto. Nell' agenda dell' Ecofin di domani è invece prevista una discussione sull' unione bancaria ma, con l' Italia che chiede un' eccezione alle regole attuali, non si prevedono progressi sulla garanzia dei depositi.

 

Condividi questo articolo

business

DIETA A BASE DI FIBRA – I TEMPI ORMAI SONO MATURI PER LA RETE UNICA: L’IDEA DI GUALTIERI È CREARE SOTTO IL CAPPELLO DI TIM UNA NUOVA SOCIETÀ, “FIBERCOP”, SU CUI FAR CONFLUIRE LA RETE DI OPEN FIBER CON CDP CHE FAREBBE DA GARANTE SULLA NEUTRALITÀ DELL’INFRASTRUTTURA - MA RESTA DA CONVINCERE ENEL A VENDERE LA SUA METÀ DI OPEN FIBER. COSA CHE FU CHIESTA A STARACE ALL'EPOCA DELLA SUA RICONFERMA MA L'AD DELL'ENEL FECE L'INFERNO E INFINOCCHIO' FRACCARO. COME FINIRA'? MALE...