LA GUERRA DEGLI AMADORI! SORELLE CONTRO FRATELLI: LA BATTAGLIA IN FAMIGLIA PER IL CONTROLLO DELLA SOCIETÀ - DOPO IL LICENZIAMENTO DELLA NIPOTE DEL FONDATORE, FRANCESCA AMADORI, E L’ADDIO DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO BERTI SI APRE UNA DISPUTA IN TRIBUNALE PER L’AZIENDA DI CESENA CON LE SORELLE PATRIZIA E LORETTA CHE LAMENTANO DISPARITÀ RISPETTO AI FRATELLI DENIS E FLAVIO. IN PARTICOLARE LE POLEMICHE VERTONO SULLA DIVISIONE SOCIETARIA IN FAVORE DEI...

-

Condividi questo articolo


Enea Conti per corriere.it

FRANCESCA AMADORI FRANCESCA AMADORI

 

«Nessuna turbolenza in azienda, andiamo avanti». Le parole sono di Denis Amadori, il nuovo capo del Gruppo dell’azienda fondata dal padre Francesco nel 1969, fresco di nomina dopo le dimissioni dell’ex ceo Francesco Berti. Eppure sul colosso romagnolo del settore avicolo romagnolo arrivano ogni settimana nuove indiscrezioni su una presunta guerra di famiglia.

 

Il licenziamento della nipote e le altre polemiche sul ruolo delle donne

Dopo la cacciata di Francesca Amadori (nipote del fondatore) che il prossimo 13 dicembre porterà in Tribunale l’azienda per una causa sul licenziamento e dopo le dimissioni di Berti secondo quanto riportato dal Resto del CarlinoPatrizia e Loretta Amadori, figlie di Francesco che fondò l’azienda nel 1969 a San Vittore di Cesena, hanno citato davanti al Tribunale delle imprese di Bologna le società Francesco Spa e Finama Holding, presiedute dai loro fratelli Denis e Flavio. L’oggetto della causa civile dovrebbe essere il riassetto societario del gennaio scorso, che avrebbe concentrato il potere nelle mani degli uomini della famiglia, a discapito delle donne.

FLAVIO DENIS AMADORI FLAVIO DENIS AMADORI

 

Francesco Amadori e la divisione societaria in favore dei figli maschi

In sintesi quando il padre fondatore Francesco lasciò l’azienda, aveva diviso il pacchetto azionario della holding che controlla il gruppo, la Francesco Spa, in quattro quote: il 27% a testa ai figli Denis e Flavio, il 23% a testa alle figlie Patrizia e Loretta, che erano fuori dalla gestione aziendale. I fratelli fecero poi confluire le quote in una nuova società in modo da avere la maggioranza assoluta. Intanto al netto dei contrasti – reali o presunti - l’azienda ha varato un piano di assunzioni da record: 700 nuovi profili da inserire nei vari stabilimenti sparsi per l’Italia dalla Romagna all’Abruzzo forte di un fatturato di 1, 3 miliardi di euro nel 2021 e conta circa 9000 dipendenti.

AMADORI E FAMIGLIA AMADORI E FAMIGLIA

 

Condividi questo articolo

business

GUARDA CHE STRANO, TIM FA IL BOTTO A MILANO – TELECOM ARRIVA A UN RIALZO TEORICO DEL 13% A PIAZZA AFFARI DOPO CHE IL MINISTRO URSO HA DETTO, A BORSA APPENA APERTA, CHE “IL GOVERNO SEGUE CON ATTENZIONE L’OFFERTA” DI KKR PER LA RETE – IL MEF ERA STATO INFORMATO: HA DATO IL VIA LIBERA, SCONFESSANDO DI FATTO CDP, OPPURE HA SOLO PRESO ATTO? – CURIOSO CHE IL GOVERNO PIÙ SOVRANISTA DELLA STORIA, DOPO AVER REGALATO ITA AI TEDESCHI, RISCHI DI FAR FINIRE L’INFRASTRUTTURA TELEFONICA NELLE MANI DEGLI  AMERICANI…