GUERRA BANCARIA! - PER TENERE A BADA LE BRAME DI ORCEL, SU BPER, CARLO CIMBRI CHIAMA A RACCOLTA LE FONDAZIONI: UNA CORDATA DI ENTI EMILIANI E TOSCANI HA INVESTITO 300 MILIONI PER ACCAPARRARSI IL 5% DELL’ISTITUTO – UNIPOL PRESENTA LA SUA LISTA PER IL CDA: GIANNI FRANCO PAPA DESIGNATO NUOVO AD – CHE FARA’ ORA ORCEL, CON 10 MILIARDI DI CAPITALE LIBERO DA INVESTIRE?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Greco per “la Repubblica”

 

A metà gennaio, dopo i rumors su Unicredit pronta a rastrellare azioni Banca Popolare di Sondrio o perfino di Bper, il dominus di Unipol Carlo Cimbri lo disse apertamente: «Senza fare il processo alle intenzioni, faremo le nostre mosse se dovesse servire, e penso saranno sufficienti».

CARLO CIMBRI CARLO CIMBRI

 

Gli appetiti di Unicredit, con 10 miliardi di capitale libero e in cerca di possibili prede a 360°, mettono a rischio gli accordi di vendita delle polizze bolognesi sulle due reti bancarie che, ribadì Cimbri, hanno «valenza strategica»: tanto che Unipol è primo socio al 20%, sia di Bper che di Sondrio. Cinque settimane dopo, i movimenti nell’azionariato della quarta banca italiana mostrano come il nume di Bper non sia rimasto a guardare. Non è stata Unipol a comprare: essendo a ridosso del 20% in Bper necessiterebbe di un nulla osta Bce per salire ancora.

 

bper 1 bper 1

Ma un nugolo di casse e fondazioni emiliane e toscane, con un 5%. A queste potrebbe aggiungersi Fondazione di Modena, che ha una quota residua inferiore all’1% in Bper, ma potrebbe arrotondarla […] Tutti insieme i nuovi soci insieme avrebbero circa un 5%, che in Borsa costa circa 300 milioni. La funzione è duplice: blindare ulteriormente l’assetto, contro le mire di Unicredit o di altri eventuali scalatori; e consolidare l’azionariato in vista di possibili future fusioni. Non è mistero, infatti, che il polo nato attorno alla Popolare dell’Emilia sia un teorico candidato ad altri dossier, da Mps che il Tesoro deve vendere entro fine anno alla stessa Sondrio, o altre possibili combinazioni.

 

ANDREA ORCEL ANDREA ORCEL

Con l’ente di Modena potrebbero esserci altre fondazioni emiliane (non però Bologna) e toscane (non Carifirenze). La loro iniziativa potrebbe emergere entro lunedì, quando Fondazione Sardegna renderà nota la lista dei suoi cinque candidati al cda Bper, tra cui l’ex presidente dell’ente sardo e già parlamentare del Pd Antonello Cabras, che il 19 aprile, nell’assemblea che rinnoverà i vertici Bper, dovrebbe diventare presidente al posto di Flavia Mazzarella. Uno dei cinque nomi, infatti, potrebbe essere espresso dai nuovi soci in asse con Unipol e i sardi.

 

Unipol, dal canto suo, ieri ha diffuso la propria lista per il cda Bper, che nominerà sette membri: i tre confermati Gianni Franco Papa, Elena Beccalli, Maria Elena Cappello, e i quattro nuovi Fabio Cerchiai (presidente di UnipolSai), l’ad del fondo Charme Matteo Cordero di Montezemolo, l’ex ad Zurich Italia Angela Maria Cossellu, l’ex dirigente di Mediobanca Stefano Rangone. Unipol ha confermato che Papa, come ventilato da tempo, sarà indicato «per la guida operativa» al posto dell’ad Piero Montani. Papa ha lavorato quasi 40 anni (proprio) in Unicredit, fino alla direzione generale.

Gianni Franco Papa Gianni Franco Papa

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)