IDI D’APRILE - LUSSO, PETROLIO E POTERE: LA TRINITA’ DI DECAMINADA

Oltre all’acquisto della disastrata “Nerviano”, sul groppone di padre Decaminada c’è anche l’oscuro intreccio con una società petrolifera del Congo - Quanti guai ha combinato il sacerdote amico dei potenti - Abiti di sartoria, orologi sportivi al polso e svaccanze chic… - -

Condividi questo articolo


Franca Giansoldati per Il Messaggero

Le imprese temerarie di padre Decaminada cominciano dalla Nerviano Medical Sciences, comperata carica di debiti dalla multinazionale americana Pfizer (produttrice del Viagra) per studiare farmaci antitumorali, fino ad arrivare rocambolescamente in Congo, dove ad un certo punto spunta una non ben precisata società petrolifera, la IBOS II, interessata alla pipeline Albertine con un potenziale estrattivo di 40 mila barili al giorno.

Franco DecaminadaFranco Decaminada

Cosa possa c'entrare la dermatologia con il petrolio nessuno lo sa, forse una idea del braccio destro di Decaminada, Antonio Nicolella, un ex dirigente del Sismi; di fatto due anni fa a via della Conciliazione, 3 nello stesso palazzo dell'Elea, la società dell'Idi, ha fatto capolino una targhetta di ottone con su scritto IBOS II. Il governo congolese nel frattempo inviava a Roma una delegazione di quattro funzionari per misurare le capacità finanziarie della "società vaticana".

PADRE FRANCO DECAMINADA FOTO PALAZZI PER L ESPRESSOPADRE FRANCO DECAMINADA FOTO PALAZZI PER L ESPRESSO

I funzionari vennero anche portati a visitare la Sistina da un ignaro monsignore informato solo che si trattava di quattro missionari. Di questa vicenda in Vaticano nessuno ne avrebbe mai saputo nulla se non fosse stato per un funzionario dell'Elea che prontamente decise di informare i vertici d'Oltretevere. E così pochi giorni dopo fu tolta la targhetta d'ottone e di petrolio non se ne parlò più anche se l'episodio aiuta a comprendere il complicato regno di Decaminada ormai sfuggito a qualsiasi criterio di buon senso. Definirlo il don Verzè romano è riduttivo, perché Franco Decaminada è molto di più. Per esperienze internazionali e rete di amicizie.

Angelo BecciuAngelo Becciulogo idilogo idi

Mai un capello fuori posto, giacche perfette e di sartoria, vistosi orologi sportivi al polso. Se non fosse per la minuscola croce d'argento appuntata sul bavero, difficilmente emergerebbe il suo status religioso votato alla povertà. Carattere estroso, brillante conversatore, piglio manageriale, a Decaminada non sono mai mancati gli amici. Cossiga e Letta soprattutto, ma ha avuto buoni legami anche con Schifani, Alemanno, D'Alema, Dini. In Vaticano, invece, è stato molto legato al cardinale Laghi e a Sandri. Spesso in vacanza va a casa di monsignor Becciu, o a Golfo Aranci oppure a Pattada, il paese natale del Sostituto alla Segreteria di Stato.

CARDINALE TARCISO BERTONECARDINALE TARCISO BERTONE

Bertone quando fu acquistato il centro di Nerviano disse: "la Chiesa ora può produrre e vendere farmaci oncologici a prezzo di costo nel terzo mondo, rompendo il monopolio delle multinazionali". Poi le cose sono andate diversamente e ora il cardinale Versaldi sta cercando di salvare la baracca. Per ora è riuscito a bloccare un licenziamento, quello di Piero Schiavazzi, per il quale è intervenuto anche l'Ordine dei Giornalisti.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA