INCUBO ALLA FABBRICA DEI SOGNI: WALT DISNEY VUOLE LICENZIARE 7 MILA PERSONE, IL 3% DEL TOTALE DEI DIPENDENTI - L'AD BOB IGER HA IN MENTE UN PIANO DI RISTRUTTURAZIONE CHE PUNTA A REALIZZARE 5,5 MILIARDI DI DOLLARI DI RISPARMI NEI PROSSIMI CINQUE ANNI - NELLO SCORSO TRIMESTRE, IL CANALE STREAMING “DISNEY+” HA REGISTRATO UNA PERDITA DI 2,4 MILIONI DI ABBONATI SU UN TOTALE DI 161,8 MILIONI…

-

Condividi questo articolo


walt disney 14 walt disney 14

(ANSA) - NEW YORK, 08 FEB - Topolino non si salva dai tagli. Walt Disney intende ridurre la propria forza lavoro di 7.000 unità, o il 3% del totale, nell'ambito di un piano di ristrutturazione che punta a realizzare 5,5 miliardi di dollari di risparmi nei prossimi cinque anni. Ad annunciarlo è l'amministratore delegato Bob Iger, da poco tornato alla guida della società.

 

bob iger bob iger

Disney si sta "imbarcando in una significativa trasformazione" che si tradurrà in una "crescita e in una redditività sostenute nelle nostre attività di streaming, posizionandoci per navigare le sfide economiche globali e portare risultati agli azionisti", afferma la società. Il piano piace a Wall Street, dove i titoli salgono fino al 9% nelle contrattazioni after hours. La corsa è legata anche a una trimestrale sopra le attese, con utile e ricavi in rialzo. I ricavi sono saliti dell'8% a 23,5 miliardi, mentre l'utile è aumentato a 1,28 miliardi.

 

walt disney 15 walt disney 15

Per Disney+ il trimestre ha registrato una perdita di 2,4 milioni di abbonati su un totale di 161,8 milioni. Nel complesso la divisione streaming ha generato 5,3 miliardi di ricavi, in aumento del 13%. Per Iger si tratta di risultati soddisfacenti nell'ambito della battaglia avviata dall'investitore attivo Nelson Peltz, che vuole un posto nel consiglio di amministrazione della società e chiede una riorganizzazione per il rilancio.

 

Condividi questo articolo

business

LAGARDE, ASCOLTA BENE PANETTA – IL MEMBRO ITALIANO DEL BOARD DELLA BCE, FABIO PANETTA, TORNA A CHIEDERE CAUTELA ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA SULLA POLITICA MONETARIA: “LA NOSTRA STRETTA VA CALIBRATA CON PRUDENZA, PERCHÉ STA GIÀ AVENDO UN FORTE IMPATTO E VOGLIAMO EVITARE VOLATILITÀ INDESIDERATA” – TRADOTTO, COME GIÀ HANNO FATTO CAPIRE ANCHE IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E PRIMA DI LUI IL MINISTRO CROSETTO, LA POLITICA DI RIALZO DEI TASSI NON PUÒ CONTINUARE PER SEMPRE (ANZI, PRIMA FINISCE, MEGLIO È)