MOUSSE DI MUSSARI - SEMPRE PIU’ REMOTA L’IPOTESI DI UNA CONFERMA ALLA PRESIDENZA DELL’ABI PER L’EX PRESIDENTE DEL MONTESCAZZI DI SIENA, SCARICATO DA INTESA E UNICREDIT MENTRE I PICCOLI TIFANO PER PATUELLI - “LA REPUBBLICA” LO VEDEVA TRA I PAPABILI ALLA PRESIDENZA DELLO IOR, MA LA RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO DELLA PROCURA DI SIENA PER L’INCHIESTA SULL’AEROPORTO DI AMPUGNANO HA STRONCATO OGNI SOGNO DI GLORIA…

Condividi questo articolo


Camilla Conti per "la Stampa"

GIUSEPPE MUSSARIGIUSEPPE MUSSARI

Si fa sempre più in salita la strada di Giuseppe Mussari verso il rinnovo alla presidenza dell'Abi, l'associazione dei banchieri italiani. Dal congresso delle Fondazioni riunito a Palermo erano già arrivati dei segnali poco incoraggianti per l'ex numero uno del Monte dei Paschi messo all'angolo, si dice, dai rappresentanti delle big del credito.

GIUSEPPE MUSSARIGIUSEPPE MUSSARI

In primis, Intesa Sanpaolo e Unicredit, che lo avrebbero scaricato definendo «non opportuno» un Mussari-bis mentre le Casse di risparmio e gli istituti medio-piccoli stanno sponsorizzando già da tempo l'ascesa del suo vicario Antonio Patuelli. I saggi dell'Abi si incontreranno a metà della prossima settimana, dopo il rinvio dello scorso 16 maggio.

Nel frattempo, però, a mettersi di traverso all'avvocato calabrese è anche la magistratura. La Procura di Siena ha infatti chiesto il rinvio a giudizio di Mussari, al termine dell'inchiesta sull'aeroporto di Ampugnano, alle porte della città del Palio. L'accusa è di concorso morale in falso e turbativa d'asta. Le indagini erano partite nel giugno del 2008 dopo un esposto da parte del Comitato contro l'ampliamento del piccolo scalo toscano partecipato anche dall'istituto di Rocca Salimbeni ed era stata chiusa nel novembre scorso.

ABI GIUSEPPE MUSSARIABI GIUSEPPE MUSSARI Antonio PatuelliAntonio Patuelli

Per la procura il fondo d'investimento francese Galaxy sarebbe stato favorito rispetto ai concorrenti nel processo di privatizzazione di Ampugnano. I pm hanno depositato le loro richieste al Gup, che non ha ancora fissato la data dell'udienza preliminare, e hanno anche informato i consigli dell'ordine degli avvocati di Siena, Roma e Milano di avere esercitato «l'azione penale» nei confronti dell'ex presidente del Monte e di Raffaele Giovanni Rizzi, al tempo responsabile dell'ufficio legale dello stesso istituto di credito. Un atto dovuto visto che sia Mussari, che Rizzi sono regolarmente iscritti nella loro qualità di avvocati ai rispettivi ordini professionali.

Sarà il giudice a decidere se accogliere o meno le richieste dei pm. Di certo, finora la fiducia del mondo Abi non è stata scalfita dalle recenti indagini aperte sempre dai pm senesi sull'acquisizione di Antonveneta (e per la quale Mussari non compare fra gli indagati). Ma adesso qualche scricchiolìo si comincia a sentire.

 

 

Condividi questo articolo

business

UN MONTE ALL’ASTA - CI VORRÀ TUTTO IL 2022 PER ADEMPIERE ALLE FORMALITÀ RICHIESTE DALL’EUROPA SU MPS: RIPULIRE GLI ATTIVI E ATTUARE UNA CURA MOLTO DIMAGRANTE PER ABBATTERE I COSTI E RENDERE LA BANCA APPETIBILE. A QUEL PUNTO, NEL 2023, MPS SAREBBE PRONTA A TORNARE SUL MERCATO. MA INVECE DI UN NEGOZIATO BILATERALE, POTREBBE ESSERCI UN’ASTA - INTANTO LA FONDAZIONE NON È PIÙ TRA LE PARTI CIVILI NEL PROCESSO SULLE IRREGOLARITÀ FINANZIARIE PER COPRIRE LE PERDITE DOVUTE ALL'ACQUISIZIONE DI ANTONVENETA...

"LE CESSIONI DI OTO MELARA E WASS NON POSSONO ESSERE FATTE SOLO SULLA BASE DELLA NAZIONALITÀ" - L'AD DI LEONARDO, PROFUMO, PUNTA I PIEDI SULL'IPOTESI DI VENDERE LE AZIENDE MILITARI A FINCANTIERI PER EVITARE CHE FINISCANO IN MANO STRANIERA: "VALUTEREMO LE OPZIONI SUL TAVOLO E SCEGLIEREMO LA MIGLIORE. OGNI SCELTA VERRÀ FATTA VALUTANDO LA SOSTENIBILITÀ A LUNGO TERMINE" - COSA NE PENSA DRAGHI CHE HA GIA' FATTO CAPIRE CHE SU OTO MELARA E WASS SI DOVRA' TENERE PRESENTE L'INTERESSE NAZIONALE?