QUANTO COSTA A MPS LA SENTENZA VIOLA-PROFUMO? - L'ISTITUTO DEVE AFFRONTARE 10.735 TRA CAUSE, RICHIESTE STRAGIUDIZIALI E RECLAMI PER 10,2 MILIARDI. CON LA SENTENZA DI IERI CRESCE LA POSSIBILITÀ CHE LE PARTI CIVILI POSSANO CHIEDERE I DANNI IN SOLIDO AI CONDANNATI - LA ''DOTE'' CHE IL DOVERNO DOVREBBE GARANTIRE A UNICREDIT PER CIUCCIARSI L'ISTITUTO SENESE POTREBBE AUMENTARE NOTEVOLMENTE

-

Condividi questo articolo

 

1 - LA CONDANNA DI PROFUMO E VIOLA METTE NEI GUAI MPS

PROFUMO E VIOLA PROFUMO E VIOLA

 

Scrive Nicola Borzi sul ''Fatto Quotidiano'': (…) Il problema ora rimbalza su Mps perché l'istituto deve affrontare 10.735 tra cause, richieste stragiudiziali e reclami per un petitum complessivo di 10,2 miliardi. Le sole richieste stragiudiziali di danni per le informazioni diffuse al mercato sono 1.125 e valgono 4,6 miliardi. Con la sentenza di ieri cresce la possibilità che le parti civili possano chiedere i danni in solido ai condannati, tra i quali c'è la banca, che però a bilancio ha coperture per i rischi legali per appena 500 milioni.

 

 

2 - IL RITORNO DEI VECCHI FANTASMI ADESSO RISCHIA DI PESARE SUL FUTURO DELLA BANCA SENESE

Gianluca Paolucci per “la Stampa

 

Un bilancio semestrale di cinque anni fa, per uno scandalo scoppiato otto anni fa su due operazioni di dodici anni fa. Se non è una maledizione, quella di Monte dei Paschi, gli somiglia molto. In dieci anni, la banca ha accumulato perdite per oltre 22 miliardi di euro. Dal 2008, anno dell'operazione Antonveneta, ha realizzato operazioni di rafforzamento patrimoniale per oltre 24,7 miliardi di euro. Eppure, il futuro è quanto mai incerto. Anche perché la sentenza del tribunale di Milano rischia di avere un impatto sul futuro della banca e sui 10 miliardi di rischi legali che gravano sull'istituto.

 

Tutto ruota stavolta intorno alla contabilizzazione nei bilanci della banca delle operazioni Alexandria (con Nomura) e Santorini (con Deutsche Bank). Due complessi contratti derivati, che avevano permesso alla banca di «abbellire» i bilanci fino al 2012 e coprire le perdite realizzate con l'acquisizione di Antonveneta. A gennaio del 2013 scoppia lo scandalo e Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, da poco arrivati ai vertici, avviano l'operazione di pulizia. Resta però un problema di non poco conto.

PIER CARLO PADOAN CANDIDATO PD PIER CARLO PADOAN CANDIDATO PD

 

Un passaggio tecnico che però può cambiare la sostanza dei conti: come scrivere in bilancio le due operazioni. Mps, gestione Viola-Profumo, li iscrive a «saldi aperti», come se il sottostante delle due operazioni, essenzialmente Btp italiani a lunga scadenza, fossero nel portafoglio dell'istituto. Invece, ma sarà chiaro solo dopo, andavano iscritti a «saldi chiusi». Quei Btp non c'erano, o meglio non erano nella titolarità della banca. Profumo e Viola lasciano la banca nel 2015, dopo tre anni estremamente tormentati durante i quali riescono - gli va riconosciuto - a evitare il crac dell'istituto. A chiarire definitivamente il trattamento contabile dei due contratti arriverà la Bce qualche tempo dopo. In mezzo, un lungo carteggio tra la banca, la Bce, la Consob, l'autorità tedesca (Bafin).

 

padoan padoan

Per la procura di Milano, i reati contestati ai due manager non sussistono e chiede l'archiviazione. La procura generale decide l'imputazione coatta. Il giudice ieri ha stabilito che il 2012 è prescritto, per i bilanci 2013 e 2014 i reati non sussistono mentre sul primo semestre del 2015 in effetti i due (più l'ex presidente del collegio sindacale) vanno condannati.

 

Oggi i Tesoro sta cercando, con scarsi risultati, un compratore per il suo 68%. Probabilmente chiederà una proroga: a spaventare i compratori sono (anche) i 10 miliardi di rischi legali. La sentenza di ieri impatta direttamente sull'aumento da 3 miliardi del giugno del 2015. E potrebbe far lievitare ulteriormente le richieste in sede civile e/o aumentare la probabilità di perdere le cause che riguardano quel periodo.

NOMURA NOMURA

 

 

 

Condividi questo articolo

business

UN DEPUTATO (E SOPRATTUTTO EX MINISTRO DEL TESORO) PUÒ DIVENTARE PRESIDENTE DI UNICREDIT? – DIBBA ATTACCA PADOAN: “NONCURANTE DEL GIGANTESCO CONFLITTO DI INTERESSI CHE LO RIGUARDA, PARE ABBIA DETTO CHE SI DIMETTERÀ. QUANTA GRAZIA! LE INGIUSTIZIE SOCIALI HANNO UN SOLO PADRE: L' ACCENTRAMENTO DI POTERE. ED ESISTE UN SOLO MODO PER CONTRASTARLO: RISOLVERE IL CONFLITTO DI INTERESSI” - COSA DICE LA LEGGE? ENTRO UN MESE DOVRÀ COMUNICARE LA SUA INCOMPATIBILITÀ ALLA GIUNTA PER LE ELEZIONI, POI…”