LE SANZIONI COLABRODO CONTRO LA RUSSIA CREANO UNA SPACCATURA TRA USA E EUROPA – AL G7 LA SEGRETARIA AL TESORO STATUNITENSE, JANET YELLEN, HA ANNUNCIATO UN PIANO PIÙ STRINGENTE PER CHIUDERE I “CANALI ALTERNATIVI” UTILIZZATI DA MOSCA PER AGGIRARE I DIVIETI  COMMERCIALI – MA NELL'UE NON TUTTI SONO D'ACCORDO NEL COLPIRE QUEGLI STATI CHE PERMETTONO A PUTIN DI SMISTARE SENZA PROBLEMI IL SUO PETROLIO, DALLA TURCHIA ALL’ARABIA SAUDITA, FINO AL BRASILE… 

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Giuseppe Sarcina per il “Corriere della Sera”

 

SANZIONI PETROLIO RUSSIA SANZIONI PETROLIO RUSSIA

Janet Yellen non è per niente soddisfatta delle sanzioni imposte alla Russia. La Segretaria al Tesoro americana ha sollevato con forza il problema nel G7 dei ministri finanziari, che si è tenuto dall’11 al 13 maggio a Niigata, in Giappone. In particolare Yellen ha richiamato l’attenzione sulla capacità dei russi di aggirare l’embargo petrolifero, puntando sulle triangolazioni con i Paesi che non applicano le sanzioni, o addirittura su forme di contrabbando gestite da flottiglie fantasma, difficili da identificare.

 

janet yellen janet yellen

Secondo le stime sarebbero circa 600 le navi che trasportano, soprattutto nel Mediterraneo, greggio russo o prodotti derivati, aggirando i rispettivi divieti disposti dalla Ue il 5 dicembre 2022 e il 5 febbraio 2023. Yellen ha annunciato che presenterà un piano per chiudere i canali alternativi dei commerci con la Russia. Non basta.

 

[…]

 

PETROLIO RUSSIA PETROLIO RUSSIA

Le sanzioni colabrodo stanno agitando anche il confronto politico nella Ue, dove è allo studio l’undicesimo pacchetto di restrizioni nei confronti di Mosca. Americani ed europei, per altro, stanno collaborando intensamente.

 

[…]

 

Negli ambienti diplomatici, però, sta maturando la convinzione che l’approccio tecnico-economico non basterà per mettere Vladimir Putin con le spalle al muro. Perché questo, va ricordato, era l’obiettivo di Joe Biden. Questi quindici mesi di guerra, però, hanno dimostrato che il problema di fondo è politico. Anche le restrizioni apparentemente più drastiche sono destinate a fallire o ad avere un impatto limitato se non sono sorrette da una governance internazionale.

 

Ursula Von Der Leyen Joe Biden Ursula Von Der Leyen Joe Biden

 Il G7, evidentemente, non basta. Stati Uniti e Ue non sono riusciti a tirarsi dietro il G20, naturalmente al netto dell’opposizione di Russia e di Cina. Non ce l’hanno fatta a coinvolgere politicamente Stati come la Turchia, l’India, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi, il Brasile, il Sudafrica, la Malesia e tutte le ex Repubbliche sovietiche, a cominciare da Kazakistan e Armenia.

joe biden fumio kishida g7 hiroshima joe biden fumio kishida g7 hiroshima joe biden al g7 di hiroshima joe biden al g7 di hiroshima g7 a hiroshima 2 g7 a hiroshima 2 ursula von der leyen joe biden ursula von der leyen joe biden

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”