SCATTA L'ASTA PER VODAFONE ITALIA – DOPO LA PROPOSTA DI ILIAD, CHE HA OFFERTO 10,5 MILIARDI PER UNA FUSIONE CON LE ATTIVITÀ ITALIANE DEL COLOSSO BRITANNICO, SWISSCOM È PRONTA A RILANCIARE – LA SOCIETA’ SVIZZERA, PROPRIETARIA DI FASTWEB, CREEREBBE COSÌ NEL NOSTRO PAESE UN GRUPPO MOLTO FORTE NEI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE PER LE IMPRESE. E COSTRINGEREBBE TIM A REAGIRE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesco Bertolino per il “Corriere della Sera”

 

iliad vodafone iliad vodafone

Si accende la contesa per le attività di Vodafone in Italia. Nei prossimi giorni è attesa l’offerta da parte di Swisscom, il gruppo elvetico proprietario di Fastweb. Dovrà confrontarsi con quella da 10,45 miliardi presentata a metà dicembre da Iliad.

 

Secondo alcune fonti, la proposta di Iliad è considerata dai vertici di Vodafone una base di partenza per eventuali trattative. Iliad ha prospettato formalmente al gruppo britannico un’alleanza paritetica che, nei fatti, è un’acquisizione diluita nel tempo. Partendo dal 50%, infatti, Iliad avrebbe facoltà di comprare ogni anno un altro 10% del nuovo gruppo, potendo così salire fino al 100%. In cambio, Vodafone riceverebbe un pagamento di circa 8,5 miliardi, di cui 6,5 subito e 1,95 con la progressiva salita di Iliad nel capitale.

 

SWISSCOM SWISSCOM

Swisscom potrebbe perciò avanzare una proposta di acquisto migliorativa rispetto a Iliad, vuoi con un prezzo più alto vuoi con un pagamento immediato dell’intero prezzo. Oppure distinguersi dal gruppo francese, proponendo una joint-venture con Fastweb senza scadenza, che consenta a Vodafone di mantenere un piede sul mercato italiano.

 

[…] Quali che siano il partner e la struttura, quel che è certo – a giudizio di più osservatori – è che Vodafone punta a incassare una somma significativa dall’operazione in Italia, in modo da poter aumentare la remunerazione per i suoi azionisti (fra cui, guarda caso, figura dal 2022 anche il fondatore di Iliad, Xavier Niel, con il 2,5%).

 

Margherita Della Valle - Vodafone Margherita Della Valle - Vodafone

Negli ultimi anni la performance di Borsa del gruppo britannico è stata tutt’altro che esaltante (-20% nell’ultimo anno): per rianimare il titolo, la numero uno Della Valle ha intrapreso un piano di razionalizzazione che ha già portato alla cessione della filiale spagnola al fondo Zegona per 5 miliardi e all’accordo per la fusione delle attività britanniche di Vodafone con la rivale CK Hutchison, che in Italia è proprietario del gruppo Wind Tre.

 

[…]  Antitrust permettendo, l’acquisto di Vodafone da parte di Iliad ridurrebbe da cinque a quattro il numero di operatori sul mercato dei servizi di telefonia per i consumatori. Ciò consentirebbe di diminuire la concorrenza sulle tariffe, aumentando ricavi e profitti di tutte le aziende superstiti.

 

L’aggregazione fra Vodafone Italia e Fastweb creerebbe invece un gruppo molto forte nei servizi di telecomunicazione per le imprese. Tim sarebbe probabilmente costretta a reagire, avviando anch’essa la ricerca di possibili prede.

 

D’altra parte, il ceo Pietro Labriola ha di recente rimarcato che, una volta completata la vendita della rete a Kkr, Tim potrà giocare un ruolo da protagonista nel consolidamento dell’industria delle tlc. Difficilmente, alla luce della quota di mercato già detenuta, il gruppo potrà rafforzarsi ancora nel settore retail.

 

FASTWEB FASTWEB

Più probabile che Tim vada a caccia di acquisizioni nel comparto dei servizi alle aziende. La cosiddetta Tim Enterprise è uno dei pilastri del piano strategico e offre connettività, cloud, cybersecurity e internet delle cose a imprese e pubblica amministrazione. In passato il fondo Cvc si è fatto avanti per rilevare una quota di minoranza della divisione, valutata nel complesso 6 miliardi. […]

iliad vodafone 1 iliad vodafone 1 vodafone vodafone margherita della valle margherita della valle

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE