“IL SOLE” BOLLA LAPO: “ITALIA INDEPENDENT” VALE IN BORSA 83 VOLTE GLI UTILI. SIAMO TORNATI ALLA BOLLA DOTCOM?

Mentre la piccola Moleskine è stata bastonata, l’ancor più piccola ditta di Elkann è cresciuta dell’11% in borsa - Ma se gli occhiali di Delvecchio valgono 27 volte gli utili, il cachemire di Cucinelli vale 44, il design di Lapo è valutato 88 volte gli incassi (907mila euro l’anno scorso)…

Condividi questo articolo


S.Fi per "Il Sole 24 Ore"

lap01 lapo elkann occhiali lapresselap01 lapo elkann occhiali lapresseLapoLapo

Vallo a capire il mercato. Le agendine Moleskine sono state "bastonate", anche eccessivamente, dagli investitori: un prezzo "tirato" al rialzo e dei multipli forse esagerati, da griffe del super lusso: 14,5 volte la redditività. E così oggi le agendine languono sotto il prezzo di collocamento a 1,7 euro. Per la mini-matricola Italia Independent di Lapo Elkann, anch'essa legata al design e al Made in Italy (ma che fattura appena 17 milioni di euro), invece, il mercato va in visibilio. Forse troppo, a guardare i numeri degli analisti di Websim.

Portata sull'Aim, il listino "alternativo", a 26 euro, il marchio degli fashion del rampollo di casa Agnelli, vale oggi 29 euro con un robusto rialzo (+11%). Ora un conto è il listino principale, e un conto è l'Aim dove bastano pochi scambi per far schizzare un titolo. Ma liquidità o meno, a questi prezzi Italia Independent vale la bellezza di circa 83 volte gli utili (907mila euro l'anno scorso).

CucinelliCucinelli LuxotticaLuxottica

Tanto, in ogni caso: è più del doppio del già "ben prezzato" Brunello Cucinelli che vale 44 volte gli utili (ma ha la giustificazione di essere una società del lusso estremo). E addirittura tre volte un big come Luxottica, il colosso mondiale degli occhiali (che fattura ben 7 miliardi) ha un p/e di 27 volte. Italia Independent ricorda certe Dotcom della bolla della New Economy. Ma quella, appunto, era una bolla.

 

 

Condividi questo articolo

business

IL GOVERNO HA SETTE GIORNI PER NON PERDERE 19 MILIARDI DEL PNRR – PER INCASSARE LA TERZA RATA DEL RECOVERY, ENTRO FINE MESE L'ITALIA DEVE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI RICHIESTI SUGLI INVESTIMENTI. SU 221 MILIARDI MESSI SUL TAVOLO DA BRUXELLES, OGGI È STATO SPESO SOLO IL 27,9% DEL TOTALE: BISOGNA ARRIVARE ALMENO AL 39% (ALL'APPELLO MANCANO DUNQUE 25,7 MILIARDI) – STENTANO I PROGETTI SU INFRASTRUTTURE, TRANSIZIONE ECOLOGICA E SCUOLA. MENTRE SONO STATI RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI SULLE RIFORME...

LAGARDE, ASCOLTA BENE PANETTA – IL MEMBRO ITALIANO DEL BOARD DELLA BCE, FABIO PANETTA, TORNA A CHIEDERE CAUTELA ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA SULLA POLITICA MONETARIA: “LA NOSTRA STRETTA VA CALIBRATA CON PRUDENZA, PERCHÉ STA GIÀ AVENDO UN FORTE IMPATTO E VOGLIAMO EVITARE VOLATILITÀ INDESIDERATA” – TRADOTTO, COME GIÀ HANNO FATTO CAPIRE ANCHE IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E PRIMA DI LUI IL MINISTRO CROSETTO, LA POLITICA DI RIALZO DEI TASSI NON PUÒ CONTINUARE PER SEMPRE (ANZI, PRIMA FINISCE, MEGLIO È)