UNICREDIT, SALTA MUSTIER? - A SORPRESA LA BANCA HA CONVOCATO UNA RIUNIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PER OGGI, PROPRIO SUL TEMA DELLA GOVERNANCE - LA PERMANENZA DI JEAN PIERRE MUSTIER E’ STRETTAMENTE INTRECCIATA CON LE STRATEGIE DELLA BANCA: DALL’AGGREGAZIONE CON MPS (AVVERSATA DAL MANAGER FRANCESE) ALLO SCORPORO DELLE ATTIVITÀ ESTERE DI UNICREDIT (OSTEGGIATA DAL CDA)

-

Condividi questo articolo

Alessandro Graziani per “Il Sole 24 Ore”

 

JEAN PIERRE MUSTIER JEAN PIERRE MUSTIER

Ore di grande incertezza sulla permanenza di Jean Pierre Mustier alla guida di Unicredit. A sorpresa la banca ha convocato una riunione straordinaria del consiglio di amministrazione per oggi, domenica 29 novembre, proprio sul tema della governance. Non è stato possibile avere conferma dalle fonti ufficiali.

JEAN PIERRE MUSTIER JEAN PIERRE MUSTIER

 

L’ipotesi è che il principale tema sul tavolo siano le condizioni che Mustier, ceo uscente, chiede al board per essere reinserito nella lista degli amministratori del consiglio che va in scadenza con l’approvazione del bilancio del 2020.

 

La permanenza del manager è strettamente intrecciata con le strategie della banca, che secondo gli annunci ufficiali di Mustier non vuole essere coinvolto in operazioni di m&a. Ma contemporaneamente è seduto al tavolo con il Mef per verificare se è possibile e a che condizioni l’aggregazione con Mps.

padoan padoan

 

La crescita della banca sul mercato italiano finora è sempre stata contrastata da Mustier che, piuttosto, aveva l’obiettivo di procedere alla scissione in due di UniCredit, separando le attività italiane da quelle estere.

 

mustier parzani mustier parzani

Una delle opzioni allo studio, rivelata da Il Sole 24 Ore, prevedeva lo scorporo delle attività estere in una subholding che sarebbe stata controllata al 50% dalla holding italiana. Per la subholding la prospettiva era quella di quotare fino al 50% a Francoforte, dove avrebbero avuto anche sede tutte le attività estere.

 

Sarà questa una delle condizioni strategiche che porrà il manager per la sua permanenza? Il tema è assai delicato, perché negli ultimi mesi il board non si è mostrato unanime con le posizioni del ceo. E anche sulla scelta del nuovo presidente, l’ex ministro Piercarlo Padoan che oggi parteciperà alla riunione del cda, Mustier sarebbe stato avvisato all'ultimo momento.

 

jean pierre mustier con elkette versione disegno jean pierre mustier con elkette versione disegno

Non è ancora chiaro se già oggi Mustier e cda faranno chiarezza definitiva. È certo che un cda straordinario di domenica sul tema governance non è appuntamento di routine

 

Condividi questo articolo

business

L'ITALIA SPROFONDA E IL BANANA FA I QUATTRINI - OGGI SILVIO BERLUSCONI, CON UNA RICCHEZZA SALITA A QUASI 6 MILIARDI, HA ANCORA PIÙ SOLDI RISPETTO ALL’ULTIMA CLASSIFICA STILATA PRIMA DELLA PANDEMIA DA "FORBES", CHE LO HA DESCRITTO COME “COLUI CHE HA PORTATO IN ITALIA IL TELEFILM STATUNITENSE BAYWATCH” - IL TITOLO DI MEDIASET CHE VOLA IN BORSA NONOSTANTE LA GUERRA CON VIVENDI, GLI AFFARI CON MONDADORI E BANCA MEDIOLANUM: ALTRO CHE QUIRINALE, IL CAIMANO SI GODE IL PORTAFOGLI...

UNICREDIT, UNICAOS - LA SCONFITTA DI PADOAN (E DI GUALTIERI) SI CHIAMA ANDREA ORCEL: IL BANCHIERE HA GIÀ FATTO SAPERE CHE VUOL PROCEDERE CON I PIEDI DI PIOMBO SU MPS SENZA TRALASCIARE L'IPOTESI BANCO BPM – DALLA PARTE DI ORCEL IL PRESIDENTE DEL COMITATO NOMIME MICOSSI E IL CONSIGLIERE DE GIORGI MA SOPRATTUTTO IL FATTO CHE A LIVELLO INTERNAZIONALE (UNICREDIT È LA TERZA BANCA IN GERMANIA E LA PRIMA IN AUSTRIA), ORCEL HA PIÙ ESPERIENZA DEGLI ALTRI DUE CONTENDENTI, VALERI E GALLIA

LA GUERRA DEI VACCINI (FOLLOW THE MONEY) - L'UNIONE EUROPA, DOPO AVER ‘’STOPPATO’’ PER MESI, ATTRAVERSO L’EMA E FAKE NEWS (NON FUNZIONA NELLE PERSONE ANZIANE), L’ANTIDOTO DI ASTRAZENECA (2,80 EURO A DOSE) PER FAVORIRE LA VENDITA DI QUELLO TEDESCO-AMERICANO PFIZER-BIONTECH (20$ A DOSE), ORA RICEVE QUELLO CHE HA SEMINATO: A POCHI GIORNI DAL VIA LIBERA DELL'EMA, ASTRAZENECA ANNUNCIA UN TAGLIO DELLA DISTRIBUZIONE NELL'UE: DA 80 MILIONI DI DOSI A 31 – IL BUSINESS DEL VACCINO VALE 50 MILIARDI DI DOLLARI…